martedì 3 giugno 2014

Menopeggisti anonimi

Credo che prima o poi dovrò fondare un'associazione sul modello di quelle dedicate ai soggetti affetti da una dipendenza. Gli alcolisti anonimi, per esempio.
Ho tutti i requisiti indispensabili per poter condurre in porto il progetto "Menopeggisti anonimi".
Per chi fosse interessato, si tratta di intraprendere un percorso di disintossicazione dalla filosofia del "meno peggio" che ha portato molti di noi ad esprimere, per anni e anni, un voto non convinto e poco rappresentativo delle nostre convinzioni profonde, solo per arginare un pericolo ed evitare esiti elettorali peggiori.
Il "meno peggio" me lo sono lasciato alle spalle, spero per sempre; ma, si sa, le dipendenze sono insidiose, non si può affermare mai con certezza di essersene liberati, e può accadere che nel chiuso della cabina, di fronte alla scheda, la mano munita di matita corra quasi da sé verso il simbolo che rappresenta il partito che la nostra dipendenza ci fa percepire come argine a chissà cosa.
Il menopeggismo è ovunque, gli ammalati di menopeggismo sono in esubero, ci assediano, e rischiano di rigettarci nel baratro della "scelta utile". Non sono riuscita ad aprir bocca ed esprimere un'intenzione di voto, durante la recente campagna elettorale per le europee, senza che qualcuno mi interrompesse sventolandomi davanti agli occhi l'immagine orrorifica del babau di turno: "Ma c'è questo, ma c'è quello! Bisogna fermarlo, rischia di vincere". Questa fantasima (no, non è un refuso: fantasima, femminile, vale a dire "segno di false immagini, e spaventevoli, che appariscono talora altrui nella fantasia") è mutevole, cambia col cambiare dei tempi, degli schieramenti, delle candidature, ma non manca mai, e ciò implica che i menopeggisti saranno sempre, per tutta la vita, elettori schiavi della paura.
Perciò ho detto basta al menopeggismo e vorrei intraprendere la missione di recupero dei poveretti che, come me, ne sono costantemente minacciati. 
Tutti sono i benvenuti nell'Anonima, ma è richiesto come requisito aver commesso un crimine elettorale serio, un voto-scempio di quelli veri. Io, per esempio, mi chiamo Giovanna, sono una menopeggista e una volta ho votato per eleggere la Iervolino sindaco di Napoli.
Mi vengono le lacrime agli occhi al solo pensiero.
E voi, siete menopeggisti? Redimetevi. Aderite. Verrete accolti con autentica comprensione, una tazza di camomilla e due compresse di valeriana.
Vi aspetto.



Intanto vi propongo una cosa di semplicità tale che potete anche ignorarla bellamente. Ma è una delle mie ricette di pesce preferite. La faccio quando non ho tempo ma mi va qualcosa di saporito.
Il pesce in foto è un dentice. Però idealmente ci vuole l'orata.

Pesce alla procidana

Un'orata
Aglio
Peperoncino
Qualche pomodorino
Una manciata di capperi
Olive nere
Prezzemolo tritato
Vino bianco
Farina
Olio
Sale
Sfilettare il pesce. Infarinare accuratamente i filetti.
Far dorare l'aglio in una larga padella con olio. Aggiungere i filetti di pesce, appoggiandoli nella padella dalla parte della pelle, il peperoncino, i pomodorini, i capperi, le olive. Dopo pochi secondi, versare nella padella mezzo bicchiere di vino e mezzo di acqua, il prezzemolo tritato, salare e lasciar cuocere fino a che il pesce è pronto e il sughetto si è addensato diventando cremoso.

8 commenti:

  1. Il solo odore della camomilla mi provoca associazioni nauseabonde.
    Ma la via dell'espiazione deve essere costellata di sofferenze, 'sennò' che espiazione è?
    Mi turo il naso, mi rinfranco col pesciolino che proverò en papillote che mi son votata alla filosofia del menosporcomejomisento, e ti rinnovo l'adorazione incondizionata.
    Tua for now, tessera n.2?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tessera emessa e aggiudicata, ma se dici che ti turi il naso parti già male: occorre terapia di recupero intensiva :).
      Papillote ok, però poi il sughetto non si addensa a modino.

      Elimina
  2. Una volta ho votato per berlusca.Posso far parte dei menopeggisti?

    Amarisca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, no, Anna Maria: questo ti inserisce di diritto tra i peggisti anonimi :D

      Elimina
  3. Ricette di pesce sono rari, quasi come se le persone non mangiano mai un pesce. La tua ricetta è meravigliosa e sto pinning.

    RispondiElimina
  4. grazie! ti posso solo dire che ricetta deliziosa.
    prova bambini superata! slurp

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Sono sempre contenta quando mi si comunicano gli esiti dei test :)

      Elimina