martedì 9 luglio 2013

Mediterraneo: il polpo/1


Poche cose sono più mediterranee ed estive del polpo. Perciò, in questa serie irregolare e stramba di ricette dedicate ai paesi del bacino del Mediterraneo, il polpo avrà ben due presenze.
Ecco la prima.
La ricetta proviene da un apprezzato libro di cucina libanese. L'ho realizzata con alcune minime modifiche (perplessa per la presenza di salsa di pesce Thai, per esempio) e non ne conosco il nome originale perché nel libro è scritto in arabo. Intendo proprio in caratteri arabi, non in trascrizione fonetica. A nessuno si può chiedere l'impossibile :).

Polpo fritto con salsa di yogurt

Per 4 persone:
800 g di polpi piccoli
50 g di amido di mais
50 g di farina + un poco per l'infarinatura dei polpi
1/2 cucchiaino di bicarbonato
100 ml di acqua minerale effervescente, ghiacciata
succo di mezzo limone
peperoncino macinato
olio extravergine di oliva per friggere

Per la salsa:
5 cucchiai di yogurt tipo greco
buccia e succo di mezzo limone
coriandolo tritato

Se i polpi sono polpetti, come dovrebbero essere, lavarli, eviscerarli e tagliarli a pezzetti come per un'insalata. Se sono più grandi, portarli a cottura in una casseruola, coperti e senza acqua (sarà sufficiente quella che rilasceranno) calcolando un'ora per chilo di peso, farli raffreddare nella loro acqua di cottura e poi tagliarli a pezzetti.
Sgocciolarli, asciugarli e infarinarli leggermente.
Preparare la salsa mescolando gli ingredienti. Tenere in frigo.
Mescolare l'amido di mais con la farina e il bicarbonato, aggiungere un pizzico di peperoncino, il succo di limone e l'acqua molto fredda e amalgamare bene per ottenere una pastella piuttosto fluida. Se necessario, aggiungere acqua.
Scaldare l'olio in una larga padella. Immergere i pezzi di polpo nella pastella e friggerli pochi alla volta fino a doratura, facendoli poi asciugare su carta assorbente.
Servire accompagnando con la salsa.


8 commenti:

  1. Roba da prendere il primo mezzo di locomozione supersonico ed ologrammarmi all'istante li'. Sapevilo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu puoi oligrammarti quando vuoi, sappilo.
      E sappi pure che questa pastella è croccanterrima malgrado le condizioni penose in cui qui mi tocca friggere, inclusa padella modello sfoglia di cipolla.

      Elimina
  2. Il polpo è per me (credo non solo per me)il re del mare e della mia tavola, quindi non potevi regalarmi una ricetta migliore e più gradita. Ovviamente non mi sono lasciata sfuggire l'opportunità di prepararla ed è stata un successo. Tutta l'allegra brigata presente alla degustazione, ringrazia e aspetta con ansia la prossima ricetta con il re del mare. Io invece non solo ringrazio e aspetto, ma aggiungo anche che :"Sei miticaaaaaaaaaaaaaa!!!" bacioni e alla prossima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beatrice, non ho parole: ti nomino assaggiatrice ufficiale!

      Elimina
  3. Ciao Giovanna, ho provato il pollo alla greca! DELIZIOSOOOOOOO! Ora mi tocca anche questa ricetta! Nonostante la tua "padella modello sfolgia" il piatto descritto e mooolto invitante! un saluto affettuoso
    M.G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, cara! Fammi sapere, mi raccomando.

      Elimina
  4. Con tutti quei ingredienti non dubito che quel polpo sia squisito, questa è una ricetta di mangiare insieme a tutta la famiglia. Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Hola Joan, me parecio una excelente receta, te escribo en español ya que no hablo tu idioma, asi que estoy traduciendo la receta para poderla hacer, me encanto la foto, espero y me quede como a ti.

    RispondiElimina