martedì 12 febbraio 2013

Vuoi che muoro???



Avrei voluto rispondere così quando, la scorsa settimana, mi è stato chiesto di fare una ricetta con latte di riso e margarina; ma come, proprio a me? Che in una zangola ci dormirei pure! A me che ho detto sì al colesterolo? Sì, proprio a me.
Quindi per la par condicio (ora va di moda) non c'è nulla di meglio di una burrosissima e soffice brioche con crème fraîche, magari con una bella tazza di caffè.
E se l'Omino di burro busserà alla vostra porta promettendovi la restituzione dell'IMU non credetegli... in realtà è fatto di margarina ;).

P. S.: per la formatura della brioche e' necessaria la visione di questo video .


Brioche con crème fraîche

Pasta Brioche di Nancy Silverton tratta da Baking with Julia

480 gr di Farina Forte
85 gr di latte
80 gr di zucchero
6 uova
230 gr di burro
10 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di sale

Ripieno tratto da Kitchen Secrets di Raymond Blanc

200 gr di panna acida o crème fraîche
3 tuorli
80 gr di zucchero
Buccia grattugiata di 1 limone non trattato

Per la finitura

1 albume
Zucchero semolato q.b


n.b.: con queste dosi otterrete una quantità di impasto superiore a quella necessaria per la tart; potete surgelare l'eccedenza oppure cuocerla in uno stampo come una brioche classica.

Nella tazza della planetaria sciogliete il lievito nel latte tiepido, aggiungete 1 uovo e la farina necessaria per ottenere una pastella densa, coprite con altra farina senza mescolare e sigillate con pellicola.
Lasciate lievitare in un luogo caldo fino a che sulla superficie non appaiono delle crepe, dovrebbero bastare 40 minuti.
Montate il gancio e iniziate a lavorare la pasta alternando uova e farina; insieme all'ultimo uovo aggiungete lo zucchero e alla fine il sale. Fate incordare e unite il burro ( morbido ma non a pomata) poco alla volta. Alla fine della lavorazione la pasta sarà liscia e lucida. Raccogliete l'impasto formando una palla e lasciatelo lievitare per circa 2 ore.
Sgonfiate la pasta e riponetela in frigo per almeno 8 ore oppure per tutta la notte.
Preparate la crema del ripieno amalgamando tutti gli ingredienti e riponete in frigo.
Trascorso il tempo della lievitazione, togliete l'impasto dal frigo e lasciatelo 1 ora a temperatura ambiente, prelevatene circa 1 Kg e mezzo, stendetelo non troppo sottile ottenendo un cerchio di circa 28 cm. E' importante che la pasta sia ancora fredda, altrimenti il bordo non sarà preciso. Mettete la pasta su una teglia rivestita con carta forno e con un anello mobile da cottura da circa 25 cm di diametro, imprimete un cerchio al centro della pasta. A questo punto è fondamentale la visione del video per capire bene come ottenere il bordo della tart. Lasciate lievitare la brioche coperta per circa 2 ore in un luogo tiepido, una volta pronta spingete bene con le dita il fondo della torta, non il bordo, creando delle fossette e versate il ripieno. Spennellate il bordo con dell'albume e cospargete abbondantemente di zucchero semolato, soprattutto sulla superficie della crema. Infornate a 190 gradi per circa 40 minuti. La crema sarà ancora tremolante ma si solidificherà quando sarà fredda.

25 commenti:

  1. A mano nun ce la fò vero?...
    PS
    Me la prepari la prossima volta che ci vediamo...daiiiiii

    I complimenti sono superflui vero :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mano la vedi dura, si può fare ma che fatica! La prossima volta vengo con la brioche nella borsa :) un bacione!

      Elimina
  2. Semplicemente spettacolare e golosa
    la crema tremolante poi mi ha tolto l'ultimo dubbio ............ è da fare
    buona giornata
    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, se deciderai di provarla tienici aggiornate :)

      Elimina
  3. ciao ti seguo da tempo anche se soltanto adesso ti scrivo il tuo blog è davvero meraviglioso grazie per tutto quello che pubblichi e grazie per tutti gli aggiornamenti gastronomici ma ora devo farti una richiesta: abbi un pò di pietà questa brioche è troppo buona per non essere provata!!!!Ma poi cosa faccio se mi arriva un tasso di colesterolo da paura?? Ciao e ancora grazie per tutte le meraviglie postate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai in bici! :)
      Io e la mia socia Giovanna ti ringraziamo per i complimenti, fanno sempre piacere. Se la proverai facci sapere. A presto

      Elimina
  4. Finalmente, ragazza mia, l'aspettavo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Virgi, vale la pena anche solo la pasta brioche, e' favolosa, morbidissima, un bacio!

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ahahahahaha!!! :)
      Ora la DEVI fare :)

      Elimina
  6. A fagiolo!!! quel sant'uomo di mio suocero, che ci tiene al suo ed al mio colesterolo, me ne ha portati due vasetti di quella buona...issin sainte mere ;-)
    Come ha detto Maurizio Cortese: lo slogan per il prossimo MasterChef sarà: Chi t'è muort! :-DDDD
    Bacio Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. W i suoceri! Un bacio anche a te :)

      Elimina
  7. questa brioche é perfetta! mi fa gola!
    grazie la provero' presto

    RispondiElimina
  8. Grazie! Provala, poi mi dici :)

    RispondiElimina
  9. La proverei più che volentieri, ma qui non trovo nè panna acida nè creme fraiche :( sostituibili? Con cosa? Un abbraccio da questa landa desolata!

    Amarisca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna Maria, ti rispondo io che se aspettiamo Lisa stiamo fresche :-).
      La panna acida puoi farla in casa da te, o almeno una cosa che le assomiglia: mescoli 250 g di panna fresca con 65 g di yogurt greco e un cucchiaio di succo di limone e lasci il tutto a temperatura ambiente per 24 ore (sempre che non ci siano 40°). Poi conservi in frigo. E' buonissima!

      Elimina
  10. Vedi Napoli e poi...muoro! Battuta che amano farci qui al Nord, ma, come diceva Totò:'Io me ne fotto!' e me magn a brioche.
    Grazie siete fantastiche: umorismo, creativita' e simpatia...
    Marta

    RispondiElimina
  11. interessante, veramente interessante.Grazie, proverò l'impasto al più presto!

    RispondiElimina