martedì 5 febbraio 2013

Ab ovo


Cominciamo da un uovo.
Ri-cominciamo da un uovo.
Non si pubblicano ricette, qui, dai tempi di Matusalemme, o, per dirla con un'espressione più mia (leggi partenopea), dai tempi di Pappagone.
Perciò va bene anche un uovo, una cosa elementare, persino primordiale, per ricordarci che in cucina tutto merita, anche le piccolezze.
Se scegliete un uovo a codice zero, meglio.
La portata? Un antipasto, forse. Io me lo sono preparato per cena, poi un po' di verdura. Finita là.

Ah, bentrovati :-)

P.S.: la preparazione del tuorlo me l'ha insegnata la mia amica Mariella, che da qualche tempo ha anche un blog, finalmente. Passateci :-)

Un uovo
1 uovo
1/4 di cipolla dolce, delicata 
pane grattugiato 
zucchero di canna
bottarga di tonno 
olio
sale (ma anche no)

Su un foglio di carta da forno, disponete abbondante pane grattugiato.
Sgusciate l'uovo, separando tuorlo e albume. Appoggiate delicatamente il tuorlo sul pane grattugiato, ricopritelo con altro pane grattugiato ben bene, in modo da affogarcelo. Lasciatelo sonnecchiare sotto la coperta di pangrattato per una mezz'ora.
Affettate finemente la cipolla, stufatela in un padellino antiaderente con olio, aggiungendo poi un po' d'acqua perché ammorbidisca e non rosoli. Quando è tenera e trasparente, spolveratela con zucchero di canna, alzate la fiamma e fate caramellare. Salatela leggermente.
Sollevate delicatissimamente il tuorlo, che a questo punto sarà ben rivestito di pane grattugiato, e friggetelo in olio profondo in un piccolo pentolino dal fondo spesso. Attenzione che l'olio sia ben profondo in modo che il tuorlo non tocchi il fondo. Fate dorare il tuorlo, che non scurisca troppo perché l'interno dev'essere liquido.
Cuocete l'albume in un padellino antiaderente appena unto, come per un uovo al tegamino.
Appoggiate l'albume sul piatto, mettete al centro un ciuffetto di cipolla caramellata, sovrapponete a questa il tuorlo e cospargete con lamelle di bottarga di tonno (grazie alla quale potete fare a meno di salare).
Tuorlo liquido, mi raccomando.
Buon  appetito :)



33 commenti:

  1. Grazie della citazione, ma non vorrei prendermi meriti che non ho: la tecnica è di Cracco, io, al massimo, te l'ho fatta conoscere. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perciò ho scritto: "Ma l'ha insegnata" :-).
      Anche chi insegna e divulga merita riconoscimento.

      Elimina
  2. Altrove ho confessato, in occasione del World Nutella Day, che la Nutella non mi è mai piaciuta, neanche quando ero una bambina. Queste sono, invece, le cose che mi piacciono da impazzire. Se non fosse che alle nostre latitudini è quantomeno insolito fare colazione con le uova, questa meraviglia me la preparerei adesso per accompagnare la mia tazza di Pu Erh.
    Poco male, rimedierò a ora di pranzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, esiste il World Nutella Day? Meno male che Lisa non se n'è accorta, avrebbe chiamato un esorcista :D.
      La frittura a colazione è roba hard, in effetti. Il pranzo mi sembra più appropriato :). Non mettere tutta la cipolla, solo un pochino, altrimenti il tutto diventa troppo dolce.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Uh, nientemeno. Chi glielo dice ora al boss che non sei più cattiva? ;-)

      Elimina
  4. Cedo sia una delle cose che mi ha fatto venire la maggiore acquolina negli ultimi tempi!E che io non mangio molte uova...e ti ho detto tutto!
    Buonagiornata Giovanna!!!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io, non amo le uova, in generale. Però, lo ammetto: quest'uovo in particolare mi è piaciuto :-)

      Elimina
  5. io feci il tuorlo così già un paio di anni or sono.
    ora che ci penso, non c'erano cipolle e buttai l'albume.
    buon pretesto per rifarlo a distanza di tempo è seguire la tua idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte lo metto appoggiato su una tartare. Se ti piace quella classica, è un buon modo per rinnovarla un po'.

      Elimina
  6. Io non la faccio perchè sono pasticciona e mi immagino spiaccicamenti orrendi di tuorlo impanato e crudo. però quando vuoi ti preparo il pentolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani, a pasticcionismo sto benino anch'io, ma qui sbagliare è difficile, credimi :)

      Elimina
  7. Dico, ma nessuno nessunissimo ha notato la rotonda perfezione di quell'albume?(e nemmeno una minimerrima bruciacchiatura laterale, tsè). Io Ab ovvo friggere, ma questo me lo fo preparare da mamma, oh se me lo fo preparare!
    Per l'amore, mi metto in coda dopo la Wiggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La rotonda perfezione è col trucco, perché l'albume è rifilato dopo cotto :D. Però la bruciacchiatura non c'era, logggiuro.

      Elimina
  8. Anch'io non mangio spesso uova, ma questa ricetta e' da rifare, decisamente. Mi piace, in particolare la cottura separata di albume e tuorlo e l'uso della (poca) cipolla. Pollice verso invece per la bottarga, ma solo per gusti personali. Circa un anno fa avevo fatto qualcosa di simile: "Esercizio in giallo", ma forse non era poi tanto simile, c'erano spezie e l'uovo era cotto in altro modo.
    Questa tua ricetta mi piace davvero: complimenti!!!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corrado, se la bottarga non ti piace, mettici comunque qualcosa di salato e intenso, che so, una goccia di colatura di alici o vedi tu, per contrastare la cipolla caramellata.

      Elimina
  9. Qui arrivi tardi...eppure hai sempre un grande fascino nel tuo modo sintetico e distaccato di raccontare un piatto. Ad un primo approccio sembra quasi che tu sia seccata nel farlo...poi però le crepe dell'amore messo nel farlo emergono abbastanza chiaramente. Dura la vita da Jedi on the dark side of the moon....vero? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In che senso arrivo tardi? Dimmi, dimmi, che non ho capito.
      Il lato oscuro della Forza mi tenta sempre di più sappilo. Credo che cederò :-)

      Elimina
  10. Bentrovata a te e grazie x questa sciccosissima idea, ero quasi in crisi di astinenza ;-))

    RispondiElimina
  11. Ok, la tecnica è di Cracco ma lui mette il tuorlo impanato dentro al frigorifero per un certo tempo che non ricordo più quanto sia. ....Ne devo dedurre che non sia necessario (il passaggio in frigorifero) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A meno che non abbia un'altro scopo che nella mia ignoranza non so quale sia. Comunque se vuoi ottenere solo un tuorlo con la sua crosticina croccante e liquido dentro, senza frigo funge :)

      Elimina
  12. Nel senso che conoscevo già la tecnica...me la sono studiata per lungo tempo...ecco perchè...volevo farti sentire 'distratta', mentre stavi lì a difendere il mondo delle zucchine e dei peperoni in inverno :P ahahahhahaha
    PS
    Ma se ti dicessi che io amo la sbruciacchiatura...:)
    PS2
    Quelli veramente pericolosi non sono i "cattivi" come Virginia, Lisa, te...forse lo sono di più quelli meno controllabili come me:P eheheheheh Trema che il mostro-dei-citofoni è tornato in giro... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei il solo ad amare la sbruciacchiatura, è una richiesta specifica del mio consorte per ogni uovo al tegamino che qui ho evitato accuratamente di esaudire :-).
      Pericoloso? Allora sarà meglio che faccia riparare il citofono, non squilla :D

      Elimina
  13. Finalmente Giò mi sei mancata tantissimo, e che ricetta poi!
    Io sono intollerante alle uova ma gli uomini di casa le gradiscono moto, appena trovo uova km. 0 lo faccio e ti dirò.
    Un abbraccione
    Amarisca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Lo ignoravo. Come fai coi dolci e il resto?
      Un abbraccio grande grande anche a te.

      Elimina
  14. Si fa presto a dire uovo,poi c'è uovo e uovo e la classe non si sciacqua...Avevo visti preparare questo uovo da Cracco nella trasmissione benedetta e l'ho trovato subito intrigante. Devo confessare che non l'ho mai rifatto perchè per i miei figli tritatutto/betoniera ne dovrei fare almeno una dozzina.
    Ancora complimenti.
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che tu abbia lo stesso probema di Lisa: tuttofagi in casa :-). Vedo lei, e so che son problemi :D.

      Elimina
  15. Non tollero uova crude,fritte o sode comunque tutte quelle preparazioni in cui l'uovo "si sente". crema inglese,alla vanigli insomma le bianche, ecco perchè preparo in genere dolci al cioccolato o alla nocciola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, sì, ricordo, ma credevo fosse perché non ti piace sentire il gusto delle uova. Ups, e io che ti ho portato la torta acon le bavaresi all'll'arancia e pistacchio...

      Elimina
  16. Ciao Giovanna, appena ho letto questa ricetta , mi sono innamorata ... da tempo volevo fare il tuorlo di Cracco ... adesso non posso più aspettare!!! Mi so no anche unita ai tuoi lettori, perché hai dei post fantastici!!!
    Se vuoi conoscermi mi trovi qui!
    http://architettandoincucina.blogspot.it

    RispondiElimina