lunedì 22 ottobre 2012

Inquinamento acustico



Quando il mondo fa troppo rumore, quando le urla sovrastano i suoni abituali, quando non c'è pace.
Quando per escludere i disturbi devi metterti una cuffia e cercheresti un posto lontano nel quale si parli una lingua che non conosci, perché non hai voglia di capire ciò che si dice. Sempre che ci sia qualcosa da capire.
Quando per far sentire anche la tua voce dovresti ricorrere a grida scomposte, ma ti hanno insegnato che la dignità conta più della visibilità, perciò non ti va a genio l'idea di strillare. E cerchi silenzio, e speri tutto si plachi, ma niente si placa e il silenzio è un'utopia, e anzi l'intensità delle grida cresce, di giorno in giorno, cresce al punto che ciò per cui si grida non conta più, purché si gridi.
Quando questo succede, e succede, il pomodoro è mio amico. A dire il vero lo è sempre, da sempre.
Il pomodoro è così bello. Bello, con quel suo colore che scalda. Così profumato. Così portatore di luce e sole. E' così semplice. Così capace di imporsi all'attenzione, ma solo per ciò che è. Non ha bisogno di niente. Nessun orpello. Nessun imbellettamento. Già troppo bello e buono per se stesso.
Ma la stagione declina e il pomodoro se ne va, e sarà il caso che trovi un altro antidoto al rumore. 
Finché lui c'è, però, me lo godo.
Nella veste più semplice che ci sia, per non fargli torto.

Crema di pomodoro

1 kg di pomodori San Marzano
due cucchiaiate di triplo concentrato di pomodoro di ottima qualità
brodo vegetale
basilico
sale
yogurt greco
paprica affumicata
cipolla
vino bianco secco

Far appassire la cipolla tagliata fine in un po' d'olio, aggiungendo un cucchiaio di brodo e senza farla colorire. Lasciar asciugare, aggiungere il concentrato e diluirlo con un mestolino di bordo, sciogliendolo bene. Lasciar cuocere a fuoco basso per 10 minuti, poi sfumare con poco vino e farlo evaporare. Aggiungere i pomodori tagliati a pezzi, abbondante basilico e un paio di mestoli di brodo.
Portare a cottura aggiungendo brodo se necessario.
Omogeneizzare con un mixer ad immersione, quindi passare al setaccio per eliminare eventuali residui di buccia.
Completare con basilico spezzettato e servire con un cucchiaino di yogurt e una leggera spolverata di paprica.

18 commenti:

  1. Ci sono due silenzi che per me sono curativi.
    Il primo è per l'appunto essere all'estero (cosa che non capita più tanto spesso purtroppo...) per isolarsi nella propria ignoranza linguistica vivendo il quotidiano immersi in una bolla d'ossigeno distaccata.
    Il secondo invece è 'quello attento', quando a qualche cena con poche persone gradite mi ritiro nelle quinte di un silenzio attendista che si gode la tavola imbandita, condita da discorsi famigliari che anche se costeggiano il risentito(riascolato) sanno di confortevole rifugio dal rumore di sottofondo della monnezzà culturale che ci sommerge...
    Il pomodoro un sorriso lo strappa a prescindere però! :P ehehehhehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gambs, in certi periodi il silenzio è l'unico rimedio.
      La monnezza (in)culturale mi pare sia la sola cosa che regge magnificamente alla crisi.
      Non so a te, ma a me viene proprio la tentazione di mandare tutto al diavolo.

      Elimina
    2. Ma io è per questo che ti "minaccio" continuamente del fatto che posso bussarti al citofono da un momento all'altro così tu presa dal terrore di vedermi o intenta a preparare un pentolone di brodo bollente da riversarmi in testa ti distrai!! :P ahahahahahah
      PS
      Non è che mi meni davvero quando ci vediamo per tutte le volte che dico 'cattiverie provocatorie' qui?! :P ehehehheheeh

      Elimina
    3. Se menassi te, significherebbe che prima avrei fatto una strage e quindi non saprei proprio più chi menare :-). Perciò stai tranquillo: prima di menare te sarei già abbondantemente in gattabuia.

      Elimina
    4. Ed allora vengo a bussare per poi scappare a gambe levateeeeeeeee!!! ahahhahaahahhahahah

      Elimina
  2. percepisco che tu ti riferisca a qualche rumore in particolare, ma che non ho capito, forse la mia ignoranza in merito in questi casi è mia fedele alleata.

    Come condivido in toto la frase che dice "Quando per far sentire anche la tua voce dovresti ricorrere a grida scomposte, ma ti hanno insegnato che la dignità conta più della visibilità, perciò non ti va a genio l'idea di strillare".

    E condivido pure l'amore sano e appassionato per il pomodoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, in realtà no: sono tanti, troppi.
      Sono stanca, credo si percepisca. Forse è colpa della troppa, continua socialità dei social (appunto) network?

      Elimina
    2. capisco, sì tutto questo social, gran parte del quale è veramente di bassissima lega, sta stancando tanto anche me. Si percepisce la tua stanchezza, ma anche il continuo amore per il buon cibo. Secondo me quest'ultimo è di gran lunga più grande dell'inquinamento acustico circostante.

      Elimina
    3. Forse i social network andavano usati come almeno io facevo all'inizio: per restare in contatto con gli amici lontani. Ma il giro si è allargato all'infinito, è diventato incontrollabile.
      L'amore per il buon cibo c'è, ma ne risente.

      Elimina
  3. Tu hai decisamente l'anima nordica, ovvero est-europea... Questa minestra di pomodoro non sfigurerebbe su un menu praghese, ungherese, sudeto, o anche tedesco dell'est o austriaco... Solo che loro ci metterebbero la panna acida... :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. JM, io ho un'anima divisa in due, tra il Mediterraneo e la Mitteleuropa :-). Ma ho sempre trovato singolari coincidenze, almeno spirituali, tra certi aspetti della mentalità viennese, ad esempio, e quella napoletana. So che ti farà ridere, ma è meno assurdo di quanto sembra.
      Perciò le due anime me le tengo e le concilio senza patemi :D

      Elimina
  4. Non rido affatto... anch'io ho scoperto delle attinenze tra cucine lontanissime. In fondo ci dobbiamo ricordare che quasi tutte le cucine europee, a parte l'origine puramente locale di ingredienti reperibili in loco, sono state influenzate, se non addirittura partorite, da cucine parecchio lontane...

    RispondiElimina
  5. Per me esiste solo d'estate e dell'orto di babbo.Trovo sia un capolavoro del sole, hai ragione.Poco tempo fa postai anch'io una crema al pomodoro ed erbe del davanzale, poesia pura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beata te! Avessi un pezzettino di terra...

      Elimina
  6. mannaggia certo che succede...tutto quel rumore per nulla, tutto quel fastidio, quel rimbombare...allora capisco il tuo tuffarti in qualcosa di morbido e saporito

    RispondiElimina
  7. Per il pomodoro, cui in Francia, è finita la stagione.
    Ma sono contenta di aver incontrarlo al stand Garofalo e di seguire il tuo blog adesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Verrò a trovarti nel tuo blog!

      Elimina