lunedì 3 settembre 2012

Meno fast e più finnish, please


Il cibo, dicevamo.
Devo ammettere che la Finlandia ha messo in discussione alcune delle mie certezze.
Sono sempre stata convinta (e ancora lo sono) che in qualunque paese del mondo si possa mangiare bene.
Lo sono ancora, dicevo: perché la cucina finlandese esiste ed è anche buona. Dov'è il problema, dunque? Trovarla. Ecco il problema.
Sono approdata in terra finnica aspettandomi di mangiare ottimo pesce, tanti dolci a base di frutti di bosco, carni strane, zuppe.
Carni strane, perché in Finlandia è d'uso mangiare non soltanto manzo, pollo, maiale, ovini, ma anche renna, alce, orso.
Ottimo pesce: tutti i salmonidi possibili e immaginabili; il salmone propriamente detto, ma anche salmerino e coregone; e le aringhe, che però non mi piacciono.
Frutti di bosco: ne crescono in quantità e varietà esorbitante. Tanto che a giorni ne scriverò su Gastronomia Mediterranea. Un vero fiume di minuscole bacche rosse, blu, viola e arancio.
Come queste, che si possono cogliere a piacimento in qualsiasi foresta e spesso anche ai margini delle strade.

E allora?
Partiamo dalle cose buone.  Il secondo giorno dopo il mio arrivo, spostandomi da Helsinki verso nord, ho incontrato il munkki. Una ciambella fritta al cardamomo, buonissima. Soffice, profumata.

 

E già quel secondo giorno ho avuto un problema con il cibo. 
Il fatto è che le mappe ingannano, come vi raccontavo: la maggior parte delle località che riportano è minuscola, spesso non si tratta di un paese, nemmeno di un villaggio, ma di un punto quasi virtuale che nella realtà corrisponde a tre casette o un paio di cottages di legno; chi inseguisse il centro abitato successivo pensando di fermarsi a mangiare là rischierebbe di restare deluso. 
E allora, tocca adattarsi. Fermarsi lungo la strada in qualche caffè annesso a stazioni di servizio, fiondarsi, improvvisando, non appena si scorge l'insegna "Ravintola" (ristorante). Ma se nel caffè della stazione di servizio ci si beccherà inevitabilmente un hamburger o dei bastoncini di pollo con patate fritte sinistramente simili ai nuggets di Mc Donald's, c'è la concreta possibilità che accada lo stesso nel ravintola. A me è successo, e non una volta sola.
In sintesi, prima che io riuscissi ad assaggiare la cucina finlandese sono passati quattro o cinque giorni. Pensavo che una maledizione incombesse su di me, dato che anche quando trovavo un ristorante vero (di solito di sera, perché a pranzo tendiamo ad arrangiarci con un pasto veloce), nel menù immancabilmente di finlandese non trovavo altro che la lingua. Quanto al cibo, hamburger, bistecca al pepe, il micidiale pollo di cui sopra, patate fritte a gogò, Caesar's salad come se piovesse, pesce nemmeno a parlarne.
Alla fine mi sono resa conto che non si trattava di sfiga allo stato puro, ma di una realtà che mi ha intristita. Sarà per la scarsa varietà di materie prime, sarà perché i Finlandesi sono annoiati dalla propria cucina, sarà per quel che volete, da quelle parti il piatto internazionale e standard, in versione fast food o meno, impera.

 
Le cose vanno meglio, naturalmente, nei grandi centri. E, altrettanto naturalmente, soprattutto a Helsinki, dove esistono ristoranti di livello molto alto, anche se, va detto, i ristoranti cosiddetti gourmet tendono a reinterpretare la cucina locale in chiave mediterranea, alleggerendola e arricchendola con tanti ortaggi e verdure freschi, olio d'oliva, erbe.
Io me ne sono regalata uno l'ultima sera. Si chiama Demo, e vi ho cenato divinamente.
La cucina finlandese mi si è materializzata nel piatto per la prima volta a Oulu, che è un centro più grande e una piccola città vivace e interessante. Là ho trovato un ristorante dove ho assaggiato dei magnifici gamberetti affumicati e il salmerino, davvero delizioso. Il ristorante si chiama Matala.


In seguito, al salmerino ci sono tornata un paio di volte. Ho mangiato bene anche a Vaasa, da Strampen (anche se la cucina aveva chiare influenze francesi) e a Porvoo.


La vera scoperta sono stati i mercati. Non solo per lo spettacolo delle montagne di frutti di bosco e di funghi...


...ma anche perché nei mercati ci sono due cose interessanti: la possibilità di acquistare, pronti, pesci di tutte le varietà già marinati, affumicati, grigliati, al pepe di ogni colore, alle erbe, all'aceto...






...e magnifiche insalate di pesce, e crostoni di pane nero con pesce, verdure e salse (peccato per il surimi... grrrr!)...




...e la possibilità di mangiare a prezzi modesti (in Finlandia la ristorazione di ogni livello è molto costosa), fermandosi ad uno dei numerosi banchi che cuociono una varietà di cibi e offrono per una decina di euro un piatto abbondante che si può assortire come si vuole. Immancabili i pesciolini fritti, le polpette finlandesi, le patate all'aglio (e quanto aglio!), il pollo, il salmone...





Ma non mancano i cibi etnici, soprattutto asiatici.


Sempre nei mercati, ma nella parte coperta, ci sono anche veri e propri piccoli ristoranti.



Un'altra istituzione finlandese l'ho scoperta qualche tempo dopo: il ristorante a buffet, versione familiare. In pratica, una casa in cui si preparano un paio di piatti caldi e diverse insalate, e per una cifra più o meno equivalente a quella dei banchi del mercato, si può consumare un pasto assortendo il piatto a piacimento e magari accomodandosi in un grazioso patio.





Dispiace che la cucina finlandese si stia nascondendo, come volesse scomparire.
Dispiace anche che vengano segnalati, anche da guide accreditate, ristoranti dove si mangia malissimo e si paga molto. Il peggiore di tutti, una delle esperienze più disastrose della mia vita, l'ho trovato a Imatra, a sette chilometri dal confine con la Russia. Proprio là dove c'è un'interessantissima contaminazione, dato che quella regione, la Carelia, è stata a lungo contesa e divisa tra la Svezia e l'impero russo (ed è oggi divisa tra Finlandia e Russia), un ristorante di cucina sostanzialmente russa mi ha servito del cibo immangiabile a prezzi da rapina.
Dispiace, non meno, che si abbia la sensazione che per il Finlandese medio mangiare fuori sia solo non mangiare a casa. Non mangiare qualcosa di diverso, di particolare, di più buono. Insomma, non sembra ci sia un grande interesse per il cibo, tanto che imperversa la margarina. Persino a colazione viene preferita al burro, e nei negozi si trovano decine di tipi di margarina e una sola marca di burro (quando c'è).





Un vero peccato, perché il pesce è davvero buono, e anche i crostacei. Sulla carne vi so dire di meno: non sono capace di diventare vegetariana ma non sono nemmeno incline ad aggiungere altri animali "diversi" alla mia dieta. Ho assaggiato la renna dal piatto di mio marito. Un pezzettino. Carne troppo hard per i miei gusti: sapore molto deciso, con un certo afrore, come quello delle carni ovine, che detesto.
Dimenticavo: un altro problema è che è diffusa l'abitudine di cuocere troppo a lungo la carne e il pesce. Spesso li ho trovati stopposi perché stracotti.
Quanto ai dolci, purtroppo, almeno nei ristoranti l'assortimento era davvero scarso e imperversavano i gelati. Perciò ne ho assaggiati pochi, avendo avuto poche occasioni di sostare nei caffè e nelle pasticcerie, in cui abbondano torte del genere cheesecake dal bell'aspetto, in verità. Posso dire però che le fragole sono magnifiche, saporite, rosse e succose, che il cardamomo e la cannella sono usatissimi (il che, almeno per me, è un bene), che pani, brioches e dolci fritti da colazione o per accompagnare il caffè (che i Finlandesi bevono a litri) sono tra le cose migliori che si possano provare.
Vi lascio con qualche immagine...
Il mercato coperto di Helsinki:





Qualcuno vende il pesce direttamente dalla barca, ed è anche ben attrezzato :-)



Fragole. Tante, tantissime fragole. Ovunque.



Qualche caffè più civettuolo (al mercato sono tutti piuttosto arrangiati) riveste i tavolini con le cerate di Marimekko:


I piselli.
Che qui usano anche come snack: aprono i baccelli e mangiano i piselli crudi, per strada.
Vedete quei contenitori di latta? Sono misurini: frutti di bosco, funghi, piselli e altro si vendono a litri, non a chili.


E, sempre, montagne di frutti di bosco...



19 commenti:

  1. forse che la finlandia abbia bisogno di un retzepi?
    e forse non a caso lui è figlio di padre albanese se non sbaglio, mediterraneo cioè.

    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Però, come dicevo, i ristoranti gourmet tendono naturalmente al mediterraneo. Insomma, la Finlandia avrebbe bisogno di valorizzare la PROPRIA cucina tipica: non sarà sterminata, ma c'è. Modernizzandola un po', magari, con cotture più pensate.

      Elimina
  2. l'inizio del post dà una certa angoscia, tanto siamo abituati a poter trovare ovunque un posto in cui mangiare decentemente, anche solo un panino. Anzi, a volte penso che in Italia ci siano troppi, infiniti punti di ristoro, come se non potessimo fare null'altro che mangiare.

    Bentornata Giovanna, è un piacere tornare a leggerti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elvira, e grazie.
      Ho dovuto mangiare messicano un paio di volte. Che per me è una vergogna: il viaggio è anche conoscere la cultura gastronomica dei luoghi.
      E il penultimo giorno è accaduto l'irreparabile: dopo aver camminato e camminato, trovando solo un caffé con panini gelati avvolti nel cellophane, siamo capitati nell'ultimo punto di ristoro disponibile su un'isola prima dell'imbarco per tornare. Gli altri erano alle spalle, ormai troppo lontani. Sai cos'era, quest'ultimo punto? Una PIZZERIA. RUSSA. Io, che non mangio la pizza neppure a Roma, mi sono dovuta sedere da Nikolaj (!) a mangiare una pizza. Non sto a dirti come fosse. Rigida come una galletta, con sopra una specie di Vinavil che ho scoperto essere formaggio.
      Non mi era mai accaduto prima di essere costretta a una simile turpitudine, in nessun paese. E costava pure cara...

      Elimina
  3. Belle le bancarelle! Ma il pesce venduto già grigliato mi lascia alquanto perplessa. Che si fa? Si riscalda al momento del consumo o si mangia freddo? In entrambi i casi mi pare un po' sprecato :)
    Sì, la cucina nordica continua a non attirarmi un granché, ma forse proprio perché non ci credono tanto neppure loro, come hai documentato tu.
    Bel reportage!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei :-). Magari lo si condisce in modo che sia umido.
      Più che non crederci, penso che siano proprio scarsamente interessati. Tranne che ai funghi e alle bacche, ma raccoglierli è anche un'attività all'aria aperta, e loro amano tanto le attività all'aria aperta.
      Però ti assicuro che quando trovi qualcuno capace di cuocere il pesce senza seccarlo, è veramente buono. E i gamberetti affumicati sono uno sballo!

      Elimina
  4. I gamberetti affumicati... ehm... ho un ricordo terribile dei gamberetti affumicati nigeriani che sanno di copertone bruciato, una cosa disgustosa. Non so se, scottato come sono, avrei il coraggio di assaggiarli in Finlandia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti :-). Questi sanno di mare e bosco, di resina, di conifere...

      Elimina
    2. Concordo! Io ho esperienza con gamberetti secchi del Camerun, da loro considerati una prelibatezza, nonché ingrediente fondamentale per la buona riuscita di piatti tradizionali. Per me sapevano di mangime per tartarughe, e resero immangiabile il piatto finale. Forse in Africa non li sanno affumicare!
      Se quelli nordici sanno di mare e di conifere allora bisognerebbe dargli una chance!

      Elimina
  5. L'ultima volta nei locali spesso e volentieri noi trovavamo birra e basta e gli unici posti in cui si poteva avere del cibo a prezzi non stratosferici erano le catene di ristoranti messicani e cinesi. Ma le cose non sono sempre state così, una volta fiorivano dappertutto piccoli ristoranti con l'appeal della mensa aziendale che servivano quasi soltanto arrosto di renna e patate, ma avevano un loro fascino. Sono spariti tutti nel giro di pochi anni. I piselli consumati come snack invece vanno ancora forte, a quanto vedo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, evidentemente sono spariti. Ti dico che mi sono depressa ogni volta che, in un ristorante dall'aspetto tradizionale e non da fast food, mi sono trovata davanti un menù pieno di quel che ti dicevo: hamburger, Caesar's salad e anche pizze.
      Meglio arrostodirenna-patate-e-basta, decisamente.

      Elimina
  6. Potrei morire su tutti quei frutti di bosco!!! Fantastici? ma ci sono due qualità di mirtilli o sono due cose diverse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce ne sono molte... Karpalo, juolukka, puolukka... Ne parlerò verso la fine di settembre su GM.

      Elimina
  7. Interessantissimo Giovanna! Io sogno tutti quei frutti di bosco, i pesci freschi... Non vedo l'ora di leggere il tuo articolo.
    Mi dispiace che la cucina finlandese si stia nascondendo. Purtroppo ho l'impressione è che una tendenza di molti paesi del Nord. Mi aveva molto colpito nei Paesi Bassi ad esempio (dove ha vissuto per un periodo mia madre e che ho visitato spesso): molto fast food e poca attenzione per il cibo oppure cibo etnico.
    Ho assaggiato la renna e non è male.
    Per quanto riguarda le margarine ti dico solo (e non ridere so che ci capiamo) che anche qui ce ne sono 40 tipi ma almeno c'è del buon burro. Ciò detto sta sparendo lo strutto oppure si trova dal macellaio ma carissimo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Edda, ma da voi non c'è una sola marca di burro... Ogni volta che vengo mi perdo tra tutte le varietà disponibili.
      Sono stata in Olanda solo tre o quattro giorni, e in effetti ricordo solo cucina internazionale. Mentre in Belgio l'identità gastronomica mi è sembrata molto viva. Strana questa differenza.

      Elimina
  8. Ciao Giovanna

    il tuo è un bellissimo reportage, denso di informazioni e considerazioni utilissime. E per le cose buone, beh... mi pare che le tue foto siano esplicite... io sono attratta dalle bancarelle con pesci vari, mi ricordano molto quelle danesi e quelle olandesi di Volendam. Bellissime anche quelle montagne di frutti di bosco...

    Passerò a leggere gli altri post precedenti.

    Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, bentrovata! Com'è andata la tua estate?

      Elimina
  9. Il Kauppatori, il mercato davanti al porto, è un buon posto dove mangiare. Credo di aver mangiato proprio nel posto che hai fotografato dove ci sono le ragazze che cucinano in piedi. Bisogna fermarsi per forza a comprare la frutta, frutti di bosco grandi come pesche. (anni e anni che seguo il blog e commento solo oggi!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alijna, benvenuta :-). In effetti mangiare nei mercati è, in genere, divertente, ed è la soluzione migliore.

      Elimina