martedì 12 giugno 2012

Home (fast) food



Siete ufficialmente autorizzati a cancellarmi dall'elenco dei blog che seguite.
Di ragioni ne avete almeno due, alle quali non posso controbattere con alcuna argomentazione degna di attenzione.
1 - Sono molto poco attiva, molto poco presente e mi prendo delle lunghissime pause.
2 - Pubblico ricette, come questa, da fast food.

Per quanto riguarda il primo punto, sapete bene che sono stata "inagibile" :-). Ora, a parte il fatto che l'agibilità l'ho riconquistata solo parzialmente, perché non mi sto limitando a riportare le cose al loro posto ma le sto completamente riorganizzando, il che richiede tempi lunghi, negli ultimi tempi sto cucinando, ma mi è venuta un'inclinazione a ripetere ricette già preparate, cosa, per me, davvero insolita. Insomma, anziché fare la Paganini della situazione ("Buono quel piatto. Non lo rifaccio da quindici anni") ho deciso di concedermi dei bis. Mi vengono in mente cose che mi erano piaciute e mi ci tuffo, sono in un mood nostalgicoculinario.

Quanto al punto 2, devo confessare una piccola perversione: l'amore per le alette di pollo. Peccato che quelle che si mangiano dei pub siano sempre roba pronta decongelata; e certo non le trovi nei ristoranti di qualche rilevanza. Perciò, preferisco prepararmele in casa. Piccanti. Con vaghe ascendenze messicane contaminate con spezie mediorientali. Fusion, insomma :-)

Alette di pollo piccanti

1 kg di ali di pollo
una cipolla
2 spicchi d'aglio
500 g di passata di pomodoro
peperoncini secchi (2 o più, dipende da quanta piccantezza siete in grado di sopportare)
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di cumino
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaino di paprica dolce affumicata
1 cucchiaino di pimento
menta essiccata
timo fresco
2 cucchiai di zucchero di canna
3 cucchiai d'aceto di mele
1 cucchiaino di miele d'arancio
buccia di un'arancia grattugiata
sale
olio
yogurt greco

Tritate l'aglio e la cipolla, fateli appassire in una casseruola con un po' d'olio. Aggiungete il pomodoro passato, tutte le spezie e le erbe e i peperoncini tagliuzzati. Lasciate cuocere la salsa per circa mezz'ora, quindi aggiungete l'aceto, lo zucchero, il miele, salate e fate cuocere per altri due - tre minuti. Spegnete il fuoco e completate con la buccia d'arancia.
Mettete le ali di pollo, ben lavate, a marinare in metà della salsa per tre ore almeno.
Mescolate il resto della salsa con yogurt greco, fino ad ottenere una salsa cremosa ma non liquida.
Grigliate le ali di pollo spennellandole continuamente con la loro marinatura, a fiamma piuttosto dolce onde evitare che brucino all'esterno restando crude all'interno.
Servitele con la salsa allo yogurt.




20 commenti:

  1. Adoro letteralmente questa ricetta, altro che cancellazione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, meno male. Allora ne confesso un'altra: quella per i nachos :-)

      Elimina
  2. Con una aletta così soprassediamo...e almeno io per questa volta non ti cancello...ahahaha ma dai!!! son buonissime. Ciao.

    RispondiElimina
  3. anche mia mamma le adora e preparate così penso che piacerebbero anche a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non resta che provare. Magari preparale a tua mamma, a questo punto voglio il suo parere :-)

      Elimina
  4. Risposte
    1. Alle alette o alla tentazione di cancellarmi? Nel primo caso, beato te! Nel secondo, grazie!

      Elimina
  5. a volte il fast nella home è molto confort :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Più di zuppe, creme e brodi:-)

      Elimina
  6. impossibile cancellarti: sei fra le mie blogger preferite, ricette comprese

    RispondiElimina
  7. sono in fase "cucino-semplice-così-possiamo-mangiare-tutti-la-stessa-cosa-o-quasi), ma uno dei prossimi polli mi sa che farà questa fine piccantisima, e Daniele dovrà accontentarsi del petto al vapore :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda che con due peperoncini soli non è piccantissima. Io mi sono dovuta un po' adeguare causa madre ottantenne ma ti suggerirei di alzare la posta :-)

      Elimina
  8. E che fa se fai delle lunghe assenze? Quando torni ci delizi sempre, anche con le alette!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, grazie per aver trovato una scusa al posto mio :-)

      Elimina
  9. Sono una assidua lettrice del tuo blog...complimenti!!
    Questa ricetta l'ho cercata tanto perchè mia figlia adora letteralemente le alette di pollo piccanti, quindi grazie proverò al più presto questa ricetta e poi ti farò sapere.
    Intanto colgo l'occasione per farti una domanda che mi assilla e siccome prima o poi dovrò decidere....il punto è questo: quale planetaria acquistare? Ho letto in un tuo precedente post che tu ne hai una professionale (o ho capito male?) Cosa mi consiglieresti? kenwood, kitchen aid o altro? tu quale usi ?
    grazie
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria. Spero che a tua figlia piacciano, questa ricetta è un po' diversa dalle alette che si mangiano di solito (c'è tanto pomodoro, per esempio).
      Quanto alla planetaria, la risposta non è semplice: io ho un Kenwood NON professionale, ma è un modello vecchio, un KM 416, e mi sono sempre trovata benissimo. So che modelli più recenti funzionano peggio e sono meno solidi. Lisa ne ha uno professionale, si è sempre trovata benissimo ma non so quale modello sia. Se ti interessa chiedo.
      Il Kitchenaid, per quello che ne so, oltre ad essere bellissimo :-), è più adatto per la pasticceria che per la panificazione. Perciò è importante sapere a cosa ti serve.
      Grazie a te!

      Elimina
    2. Io mi "diverto" a fare un pò di tutto, quindi la decisione è ardua! Comunque ti ringrazio per avermi dato qualche consiglio! Se poi riesci a farmi sapere Lisa quale utilizza ti sarei davvero grata.
      A presto
      Maria

      Elimina
    3. Ok, chiedo e ti faccio sapere.

      Elimina