martedì 17 aprile 2012

Sono inagibile :-)




E son problemi.
Dopo anni e anni e anni, e un infinito procrastinare dovuto a genuino terrore, tocca beccarsi gli operai in casa e ridipingere. 
Terrore, sì, perché con operai ho avuto più esperienze, e di nessuna ho un ricordo accettabilmente sopportabile. Il ricordo si riassume in:
- io che afferro al volo un braccio che sta per dare colpi di maglio su un muro per praticare un'apertura in un punto a casaccio, dopo aver spiegato per due giorni che andrebbe fatta esattamente al centro e aver preso meticolosamente le misure;
- io che faccio smontare una parete già da loro piastrellata, perché me l'hanno resa un mosaico di frammenti di piastrelle dalle forme creative;
- io che domando al pittore come potrà mai riprodurre il colore che sta sperimentando, visto che lo compone aggiungendoci acqua di sciacquatura multicolore di pennelli usati;
- io che a domanda ("A che altezza vuole il piano? 68 o 78?") rispondo: "78". "Ma a 78 non si fa, lo standard è 68!". E allora cosa me lo chiedete a fare?
- Io che guardo inorridita collocare malamente faretti in un controsoffitto, perché le misure, studiate da un architetto, sono tutte, ma tutte, sbagliate;
- io che assisto senza la forza di reagire mentre un tipo dal peso specifico del deuterio ultra-denso (140 chilogrammi per centimetro cubo) sale, scarpe incluse, sul mio bellissimo nuovo mobile di legno finissimo e lucidato;
- io che sono assalita a intervalli regolari di 12-13 minuti dalla tentazione di catafottermi dal balcone, e vincendola mi attacco al telefono e aggredisco mio marito, che almeno si becchi le conseguenze del mio stress e del mio malessere, dal momento che non tocca a lui sciropparsi da mane a sera gli intrusi.
Ciò detto, da domani arriva il black out. Il che significa niente cucina, computer arrangiato (per la precisione portatile con chiavetta la cui connessione a internet è ancora tutta da verificare), per cui niente ricette da postare nel blog.
Lost resta lost, ma davvero, per una trentina di giorni, a meno di qualche miracolo.
Vi lascio con una ricetta semplice e banale. E che il cielo mi assista.
Se non doveste rivedermi, vorrà dire che loro, gli Altri, gli Alieni martello-pennellomuniti, hanno prevalso sul mio fragile equilibrio.

Arista di maiale al latte e aceto

Un arista da 1,3 kg
qualche rametto di rosmarino
olio
30 g di burro
una cipolla
un bicchiere (da vino) di aceto bianco
due bicchieri di latte

Massaggiare l'arista con sale e pepe. Legarla. Far scaldare il burro e l'olio in una casseruola dal fondo pesante, unire una cipolla tritata e, quando è imbiondita, toglierla con una schiumarola, aggiungere la carne e farla rosolare bene da ogni lato. Infilare sotto lo spago i rametti di rosmarino (se lo si fa prima della rosolatura bruceranno), rimettere in pentola la cipolla, bagnare con un bicchiere d’aceto bianco e farlo evaporare. Aggiungere poi due bicchieri di latte, coprire parzialmente e far cuocere per circa un’ora a fuoco moderato, girando la carne di tanto in tanto.
Quando è cotta, toglierla dalla casseruola, alzare la fiamma e far restringere il sugo di cottura, eventualmente aggiungendo della maizena. Frullarlo. 
Servire la carne fredda, ricoperta del suo sugo.

9 commenti:

  1. Un mese di lavori...che almeno ti facciano una piscina sul terrazzo ed una cucina stratosferica con bocchettone dei fumi discreto ma direzionabile su eventuali vicini impiccioni!! :P ahahahahaha
    Pazienza...pazienza...pazienza...e sapendo il caratterino che hai non mi riferisco a te ma è l'invito che faccio ai martello-pennellomuniti che vedo molto male...tuo marito in testa off-course!!! :D ahahahahahahah

    RispondiElimina
  2. non sai quanto ti sono vicina. Ti capisco, capisco tutto. A te, forse, manca l'esperienza dei muratori pettinati (il pettine lo tenevano, credo, insieme alla bindella) in occasione della visita delle architette che avevano progettato la scala.

    RispondiElimina
  3. Guarda, se potessi ti manderei Vincenzo, il castigamatti degli operai. Alla tenera età di sette anni cazziava gli operai che non facevano il lavoro a dovere. Ti lascio immaginare cosa sia adesso :-D

    Un abbraccio e coraggio!!!

    RispondiElimina
  4. Scusami ma devo difendere la categoria: ma a che architetto ti sei rivolta?
    Bacioni e buona fortuna
    Rossella PICCOLO

    RispondiElimina
  5. Resisti!! E buona rinfrescata!

    RispondiElimina
  6. come ti capisco, quando l'ho fatto sono andato a vivere da un amico per un mese! :(
    fatti forza, un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. come ti capisco...fccio l'architetto (!!) eppure da circa un anno vorrei fare dei lavoretti in cucina e rimando con le scuse più stupide....

    RispondiElimina
  8. triste ammetterlo ma anche gli architetti sbagliano, Giovanna. Il brutto è che a differenza di altre professioni, questi sono errori che vengono sempre al pettine. E coraggio, un mese passa (abbastanza) in fretta.

    RispondiElimina
  9. che meraviglia!!!!!! e che fameeee!!!!

    RispondiElimina