lunedì 19 marzo 2012

Il ritorno di Eric



Ci fu una volta un patto scellerato tra me e miss Capasso, entrambe acquirenti di un bel libro di Eric Kayser, che ci accordammo, onde evitare di pubblicare le medesime cose, su una divisione dei compiti per un periodo limitato.
Fu tanto, tanto tempo fa. Sono trascorse le ere e il libro in questione è stato un po' dimenticato. Mai più financiers salati, mai più meringhette multigusto, mai più niente di niente.
Finché, lo scorso dicembre, impegnate ad aiutare Roberto per il consueto mercato di beneficenza natalizio e bisognose di idee veloci, appetitose, magari insolite, ce ne siamo ricordate.
Kayser è stato spolverato e la scelta è caduta su delle madeleines alla cipolla che nella versione originale erano aromatizzate con noce moscata, nella nostra con curry.
Visto che sono passati mesi e che nel frattempo Miss Capasso s'è messa in sciopero di cucina e blog, non se ne avrà male se, avendo rifatto le madeleines, le pubblico io. Almeno spero :-).
Piccole modifiche riguardano lo zucchero, che ho leggermente diminuito, e la temperatura, che in origine doveva essere di 240°, ma ciò comportava che i bordi delle madeleines si scurissero troppo.



Madeleines al curry e cipolle rosse

Per una trentina di madeleines:
125 g di burro
3 uova
un grosso pizzico di sale
curry madras in polvere, a volontà
60 g di zucchero di canna tipo demerara
125 g di farina
4 g di lievito chimico
una cipolla rossa

Fondere il burro. Montare le uova, quindi aggiungere sale, curry e zucchero e continuare a montare facendo gonfiare bene. Incorporare la farina mescolata con il lievito, un cucchiaio alla volta. Unire il burro fuso mescolando delicatamente fino a ottenere un composto perfettamente omogeneo.
Aggiungere la cipolla rossa tritata, mescolando a mano (la quantità di cipolla dipende dalle dimensioni. Parlo di una cipolla media).
Mettere l'impasto in una terrina, coprirla con pellicola e tenerla in frigo per una notte.
Il giorno dopo, imburrare uno stampo da madeleines, accuratamente. Distribuirvi l'impasto, riempiendo le formine per non più di un terzo del volume, e mettere lo stampo in frigo per almeno un'ora.
Riscaldare il forno a 230°. Decorare le madeleines con lunette di cipolla e infornarle fino a doratura, sfornandole quando i bordi si coloriscono. Dovrebbero bastare 4-5 minuti.

20 commenti:

  1. Risposte
    1. A me anche le dolci, ma io sono un caso clinico :-)

      Elimina
  2. Io le ho provate...erano una favola!!!!!!
    Adesso mi segno la ricetta...ovviamente :)

    PS
    Non riesco a dire niente perchè non c'è polemica e perchè siamo sempre scompa...ma pensavo che potevo stuzzicare MissCapasso che forse sta aspettando che le dedichi un post poco "correct" :D per risvegliare il suo torpore gastronomico...che ne pensi?! :P ehehehehehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, nel sacchetto di cellophane però perdono fragranza e tendono a diventare più gommose, e la gobba si abbassa :-(.
      Prova a stuzzicarla, ma la vedo impermeabile a ogni sollecitazione. E' dura! :D

      Elimina
  3. io le ho comprate a quel mercatino, finalmente ora so chi le ha preparate: buonissime! Con la nota dolce delle cipolle rosse e molto morbide.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Sono felice che ti siano piaciute, davvero.

      Elimina
  4. Curiosissima di provarle, hanno un'aria davvero accattivante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barbara, non ho dimenticato la lunga provvista di madeleines salate che fornisti su Cucinait! :)

      Elimina
  5. Questa versione delle madeleines deve essere buonissima!
    mmmm mi piace...!!
    Brave!
    Mi farebbe tanto piacere veniste a trovarmi..
    www.dolcebenessere.com
    Un abbraccio!
    Kika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Kika, benvenuta. Verremo senz'altro a sbirciare.

      Elimina
  6. Giovanna Califano20 marzo 2012 14:35

    Adoro quelle dolci.....ho avuto la fortuna di farne scorta negli ultimi 4 anni pechè mia sorella ha soggiornato a bruxelles, dove ne ho trovate di buonissime, ma ora che è rientrata ne ho già nostalgia :-(....la versione salata non l'ho mai provata: magari proprio stasera mi cimento!! Grazie Giovanna per le splendide ricettuzze che ci passi...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova anche quelle dolci, se ne sei dipendente. Sono facilissime da fare. Qui, qualche tempo fa, pubblicai la ricetta di Pierre Hermé. Guarda nell'indice.

      Elimina
    2. Eccola:
      http://lost-in-kitchen.blogspot.it/2010/02/non-lho-fatto-apposta.html

      Elimina
  7. sono troppo buone! io preferisco sempre i salati :)
    annoto anche il nome dell'autore
    un abbraccio
    ps ma Miss Capasso ancora non vuol sapere di cucina? peccato ci manca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miss Capasso nada de nada.
      Anch'io preferisco i salati: faccio dolci, ma quando si tratta di mangiare opto per il rustico.
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Erano semplicemente spettacolari !!!
    Grazie per la ricetta :-D
    Ma siii, posta tu, che chella tène 'a capa fresca :-D
    Ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sempre a te. Io posto in affanno, credimi, ma ci provo.
      Un bacione!

      Elimina
  9. Ohhhhh..le aspettavo da tanto perchè erano squisite! grazie, grazie e grazie! Queste le rifaccio subito perchè giovedì è il mio compleanno e me le regalo!!! :D
    l'accostamento curry-cipolle rosse era secondo me indovinatissimo!!!

    RispondiElimina
  10. Ma tanti, tanti auguri! Io sono curry-addicted, e la cipolla rossa, vogliamo parlarne? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vado a comprare gli ingredienti: oggi primo girono di ferie..e le faccio!!!!!

      Elimina