lunedì 27 febbraio 2012

Sperando che sia l'ultimo




L'ultimo stralcio di inverno, intendo. Poi daremo l'addio a stracotti, brasati, ragù, lunghe cotture.
Qualcuno ritiene che io sia fuori di senno perché accetto l'idea di dedicarmi a una cottura di otto ore. Io ritengo invece che sia fuori di senno chi non ne coglie la poesia.
Prendiamo le domeniche piovose d'inverno, tendenzialmente di una noia mortale, sciupate davanti alla televisione senza nemmeno l'energia o l'entusiasmo per tuffarsi in un libro e prepararsi una tazza di tè. Se nel frattempo un qualcosa scoppietta allegramente sul fuoco o, come in questo caso, si cuoce da sé nel forno, la giornata non ne guadagna in senso e scopo?
Questa è la versione semplificata di una bella ricetta di Giuseppe Daddio. La sua prevede carne di bufalo e una costruzione del piatto più complessa.
La carne cuoce letteralmente immersa nell'olio (è questa la caratteristica del piatto). Per servirla naturalmente l'ho sgocciolata, ma un pochino dell'olio di cottura l'ho aggiunto alla crema di patate, perché sono perversa :).
Colgo l'occasione per annunciare l'uscita del libro che contiene le ricette messe a disposizione da bloggers e non solo per raccogliere fondi da destinare alla Casa Famiglia Gulliver di Rocchetta Vara, gravemente danneggiata dall'alluvione dell'ottobre scorso.
Il volume è acquistabile presso l'editore, a questo link: http://www.liberodiscrivere.it/biblio/scheda.asp?OpereID=161267

AA.VV (a cura di Patrizia Bosso)- i-Kitchen + 250 blog ri-
cette tranquille per ragazze e ragazzi scatenati
- ISBN 9788873883807; Pagine 304; Genere:
cucina; Prezzo 18,50 Euro; editore Liberodiscrivere®.


Ordinandolo, e cercando di incoraggiare altri all'acquisto, contribuirete anche voi ad una buona causa che ha aggregato tante persone in una gara di web-solidarietà esemplare da tanti punti di vista.
Il lato bello (e buono) di Internet.



Stracotto su crema di patate e provola (da una ricetta di Giuseppe Daddio)
Per 4 persone

Stracotto:
500 g di muscolo di manzo
200 g di trito di carote, sedano e cipolle
400 g di olio
sale, pepe, timo

Crema di patate e provola:
200 g di patate
mezzo scalogno
150 g di provola affumicata fresca
olio
sale
pepe bianco
rosmarino
brodo vegetale

Sbucciare le patate e tagliarle a cubetti. Risciacquarle più volte per privarle dell'amido finché l'acqua di risciacquo non sia limpida.
Rosolare lo scalogno tritato in poco olio. Aggiungere le patate, del brodo vegetale (con moderazione) e un rametto di rosmarino e far cuocere finché le patate non saranno morbidissime. Regolare di sale, pepare.
Tagliare la provola a pezzetti e, fuori dal fuoco, unirla alle patate. Lasciar riposare per un'ora, poi mixare aggiungendo, se necessario, un po' di brodo.
Tagliare il muscolo a bocconcini, rosolarlo con un filo d'olio in una padella. Trasferirlo quindi in un tegame adatto al forno, condirlo con sale, pepe, timo, il trito di verdure, e coprirlo con l'olio. Cuocere in forno, coperto, a 100° per otto ore.
"Stracciare" con le mani la carne, riducendola a sfilacci. Servirla su un letto di crema di patate decorando con fili di patate fritte e un filo d'olio crudo.

11 commenti:

  1. A occhio sembra fantasticamente buono (anche se tra patate fritte, crema di patate e provola, cottura nell'olio... se Tyson te da un pizzone mi sa ti fa meno male hahahahahaha)
    Scherzooooo: mi piace tutto !!
    Preparazione, presentazione, abbinamento... e le 4 ore sul divano a digerire davanti la tv :-D

    RispondiElimina
  2. Giovanna Califano27 febbraio 2012 13:35

    Mi strapiace questo modo di passare la domenica :-))))

    RispondiElimina
  3. @Jajo: su, non fingerti salutista :). Io nemmeno ci provo!

    @Giovanna: quella di ieri l'ho passata cuore a cuore con la genovese di tonno ;-)

    RispondiElimina
  4. "Scompa a vita e tu sai perchè!" :D
    PS
    Copio la ricetta parzialmente, solo con l'occhio tecnico per amore della cottura lunga non altro...così come apprezzo di granlunga il supporto dato all'iniziativa legata al libro di ricette.
    Mi sono sciolto anche troppo...non sarò troppo cedevole e torno ad essere freddo :P ahahahahahaa

    RispondiElimina
  5. @Gambetto: io con te non parlo. Punto.

    @Giovanna: sì, la trovi qui: http://lost-in-kitchen.blogspot.com/2011/09/meno-male-che-il-tonno-ce.html
    Quanto all'invito, quando avrò ridipinto casa :)

    RispondiElimina
  6. Giovanna Califano28 febbraio 2012 10:22

    @ giovanna: genovese di tonno sempre fatta da te??? Ps: posso autoinvitarmi una di queste domeniche? So che con te è un azzardo ma, mi impegno a portare il dolce :-)

    RispondiElimina
  7. Questa sì che è strana: Giovanna, ti ho risposto, ma il tuo commento compare dopo il mio...

    RispondiElimina
  8. Giovanna Califano28 febbraio 2012 10:30

    @ giovanna: stranezze del web :-)

    RispondiElimina
  9. Capolavoro!!!! Bellissimo! E quella crema ispira ad essere usata spesso!! :)

    RispondiElimina
  10. che meraviglia di ricetta! l'assaggerei molto volentieri! un bacio :D

    RispondiElimina
  11. Il lato bello e buono del web è davvero grande! Una squadra così numerosa e generosa che ha saputo costruire qualcosa di emozionante!
    Grazie!

    RispondiElimina