martedì 14 febbraio 2012

Il riso come affermazione di sé


Sono sola e incompresa.
Salvo rare eccezioni, la mia casa è ostile ai risotti. Al riso, a dire il vero, in tutte le sue forme. Quasi.
Per mio marito il "quasi" è rappresentato da qualcosa che mi sono sempre rifiutata di preparargli: riso lesso condito con salsa di pomodoro. No, non si può. Io il riso al pomodoro lo faccio, ma lo cuocio nel sugo, come un risotto. E pazienza se gli nego questo viaggio nell'infanzia.
Mia madre, invece, aborre il riso in ogni possibile versione. Poi, però, si lamenta se mangiamo sempre pasta. 
Io invece vado pazza per il riso, e ogni tanto me ne infischio delle loro obiezioni e vado di risotto.
Del resto, per chi vuole c'è sempre la pizzeria all'angolo :), e poi chi sta in cucina decide per tutti, è uno dei pochi vantaggi dell'essere cambusiera e cuoca.
In questo risotto in particolare ho messo alcune tra le cose che mi piacciono di più: il limone (ormai lo sapete: senza agrumi in cucina non so vivere), i carciofi, tra le poche cose di colore verde che  gradisco davvero.

Risotto ai carciofi e limone

Per 4 persone:
320 g di riso
4-5 carciofi violetti
uno spicchio d'aglio
una cipolla media
vino bianco
brodo vegetale o brodo leggero di pollo
il succo di due limoni, se piccoli, o un po' meno
la buccia di un limone
prezzemolo tritato
una noce di burro
olio, sale

Mondare i carciofi, tagliarli a spicchi sottili. Far dorare uno spicchio d'aglio in un largo tegame con poco olio, unirvi i carciofi, rigirarli per qualche minuto a fuoco vivo nel condimento, quindi portarli a cottura stufandoli con l'aggiunta di un po' d'acqua quando è necessario. Devono essere molto teneri.
In un pentolino, scaldare mezzo bicchiere di vino bianco e farlo sobbollire per una decina di minuti, in modo che perda l'aggressività dell'alcol.
Tritare la cipolla e farla appassire con un po' d'olio. Aggiungervi il riso, farlo tostare, quindi versare il vino e far evaporare a fuoco vivace.  Continuare la cottura del riso come per ogni risotto, aggiungendo però il succo di limone, alternato al brodo. A metà cottura, unire i carciofi con il loro fondo.
Quando il riso è pronto, spegnere il fuoco, mantecare con una noce di burro, completare con la buccia di limone grattugiata e il prezzemolo. Far riposare per tre o quattro minuti e servire.

21 commenti:

  1. MissD mi chiede sempre di prepararle un risotto...ed io fino ad ora ho sempre disatteso la richiesta non accostando mai il suddetto riso ai fornelli. Lo so, sono un mostro, fosse la volta buona quindi...che da te colgo lo spunto decisivo ed...ordino una pizza per me dopo aver sfornato un piatto similare al tuo?!
    :P ahahahahah

    RispondiElimina
  2. Quando ho visto l'anteprima della foto ho pensato: figo questo piatto!!!!

    RispondiElimina
  3. vorrei che il tuo consorte fosse informato della mia profonda disapprovazione.

    RispondiElimina
  4. Ciao,da oggi ,non sei piu' sola.Amo il riso,lo mangerei solo e sempre ,in ogni momento,purtroppo il rifiuto familiare è un po' comune ,e devo preferire la pasta per le mie ricette quotidiane.Anch'io quando non ne posso piu',lo scelgo come piatto "punitivo";ed io mi consolo.W il riso,Lisa.

    RispondiElimina
  5. Se posso permettermi di darti un consiglio, quando tuo marito ti chiede il riso in bianco con il sugo non gli cucini un bel riso "pilaf" accompagnato con il ragù? E' una cosa che ho imparato da mia suocera e lo adoro anche io che mangerei solo risotti!
    Rossella

    RispondiElimina
  6. Praticamente hai tarsferito in un piatto le cose che amo di più:riso, carciofi e limone!
    Grande..

    RispondiElimina
  7. @Gambetto: tu quoque? Ma cos'hanno gli uomini meridionali per avercela tanto col risotto? Ma nemmeno il sartù ti piace? O madonna benedetta...

    @Lydia: dici? ;-)

    @Dede: lo informo, così la incassa insieme alla mia.

    @Lisa: e meno male! (però, sussurrando, lo dico: questo risotto a mio marito è piaciuto).

    @Rossella: grazie, ma non ce la posso fare :)

    @Saretta: anime gemelle :D

    RispondiElimina
  8. Io ADORO il riso, in tutte le maniere, con tutti i condimenti, ma questo è super e lo voglio fare, magari proprio questa sera!

    Ciao Giovanna!

    RispondiElimina
  9. Grazie per avermi incluso nella categoria uomini che già oggi è un passo in avanti :P ahahahha
    Comunque no...il Sartù lo adoro nella versione "accruscata di mia madre" ovviamente (da meridionale il mammismo è parte integrante), posso fare anche follie per un ottimo arancino di riso...o per le frittatine di riso imbottite....è per i risotti che perdo tutta la mia verve...
    Ma quanto sono retrogrado da questo punto di vista?! :P ahahahahaha

    RispondiElimina
  10. Oh, finalmente una napoletana alla quale un risotto piace!!!!!
    E per di piu' dealcolizzi anche il vino!!!! Benvenuta nel club dei pochi ma buoni :)

    RispondiElimina
  11. Non ci crederai ma appena ho iniziato a leggere il tuo articolo, ho avuto la mia immagine da piccolo, con il piatto di riso bianco con la sua corona di salsa sopra,ti dico che lo mangerei di nuovo cucinato così, capisco tuo marito "condanno" te che non lo assecondi nel suo desiderio.
    Comunque la tua ricetta sarà messa in programma in settimana per me sarà una novità il limone in queste quantità nel risotto.
    Saper cucinare, almeno per i propri gusti, senza dipendere da nessuno, è un gran cosa.
    Devo il sapermi cucinare ai tanti vizi, ben coltivati e curati e a cui tengo tantissimo e al fatto che da piccolo odiavo in estate mangiare in spiaggia, quindi lasciavo mia mamma i fratelli piccoli, prendevo le mie quattro lumachine "maruzielli" andavo a casa e mi cucinavo da solo con i miei 10/11 anni.
    Carlo Pozzuoli

    RispondiElimina
  12. non pubblico spesso risotti ma adoro il riso anch'io e soprattutto il sartù napoletano che mia fa impazzire!!
    buono nche il tuo risotto coi carciofi, ma quasi quasi stasera mi cucino anch'io un bel risotto!

    RispondiElimina
  13. @Barbara: se lo fai poi dimmi se ti è piaciuto. Ciao a te!

    @Gambetto: no, tu mi nomini gli arancini, e adesso mi tocca fare una genovese per preparare le palle di riso di mia nonna. Desiderio irrefrenabile :)

    @Corrado: ne conosco diverse, ma solo donne, chissà perché. Il vino lo dealcolizzo in questo caso perché mi turberebbe il limone :)

    @Carlo: credo che sia nostalgia.. Invece quando ero bambina mia nonna il riso al sugo lo preparava come dico io, facendolo cuocere nel sugo. Sarà per questo che non comprendo che gusto ci sia nella versione solo condita.

    @Gio: e allora almeno uno l'ho trovato! Uomo-meridionale-che-ama-il-risotto. Evvai, non ci avrei sperato :)

    RispondiElimina
  14. Ecco...e visto che in qualche modo vado ricompensato di non averti bussato al citofono senza preavviso adesso potresti anche metterne da parte un paio che nn sai quanto le adori!!
    Ci conto?? :)

    RispondiElimina
  15. Nuooo, tutto ma il riso lesso e poi condito con sugo noo (dovrebbe esser vietato dalla convenzione di Ginevra).
    Next time, ti porto in riseria [che nulla ha da invidiare al cugino lontanissimo acquerello, checchè se ne dica] e col sacchetto da 5 kg di carnaroli ci sbizzarriamo, è una promessa.

    RispondiElimina
  16. Questo riso (compresa la foto e il titolo) è un incanto, potresti convincere chiunque. Accostamenti felicissimi! Mio padre (partenopeo ;-) non ha voluto riso finché non gli ho preparato i risotti e lì è stato amore a prima vista.
    Per quanto riguarda il riso lesso al sugo (molto diffuso anche a Roma), anch'io mi rifiuto...ci capiamo
    Un abbraccio pieno di riso

    RispondiElimina
  17. che delizia golosa hai realizzato, complimenti! Un bacio :)

    RispondiElimina
  18. W Le cambusiere e le cuoche indipendenti!
    quanto ti capisco, io adoro il pesce, penso di essere la reincarnazione di una gatta, e in casa sono in minoranza, ma persevero.
    chi non apprezza questo meraviglioso risotto merita la pizzeria, anzi ancora peggio un preparato per pizze in scatola.
    a presto e buon we

    RispondiElimina
  19. sono solidale con Stefano, ma anche con te, quindi hai trovato un secondo napoletano amante dei risotti ;o)

    RispondiElimina
  20. @Gambetto: per ora non c'è niente sui fornelli. Ma giuro e spergiuro che ti avvertirò quando ciò avverrà.

    @Reb: Lo dico anch'io, e minaccio denuncia al tribunale dell'Aja :)

    @Edda: e aggiungerei che le argomentazioni a difesa del riso bollito con sugo sopra qui presenti non mi hanno smossa di un punto :D

    @Claudia Annie: bentornata, un bacio a te!

    @Marguerite: merita la pizzeria di quelle da catena americana, per di più :)))

    @Fabrizio: insomma, sei un cerchiobottista, ho capito )

    RispondiElimina
  21. Sono con te: anche io adoro il riso, e proprio ieri ho propinato ai miei un bel riso integrale Alce nero con porcini. Devo dire che mi hanno dato soddisfazione :-D

    RispondiElimina