lunedì 23 gennaio 2012

A piccoli passi



Le cose sono migliorate: confesso che ho mangiato persino una pizza, che è come dire che ho fatto un triplo salto mortale :).
Però a cucinare ricomincio pian piano, anche se una vocina interiore mi sussurra che a giorni preparerò un dolce. Da non credere...
Pian piano, e l'insalata di patate, fatta all'austriaca, è una delle cose che amo di più. Ne faccio grandi scorpacciate quando mi trovo in quei paraggi. Accanto a una wiener schnitzel, naturalmente. Spegne un po' il fritto, con la sua puntina aspra, è molto rinfrescante e bella cremosa. Niente cremine o panna o roba del genere: la cremosità è data dall'amido delle patate che si libera meglio grazie all'aggiunta di brodo bollente.
Non vi do pesi: si va a gusto e occhio.

Insalata di patate austriaca (Erdäpfelsalat)

Patate a pasta soda
Cipolla rossa
Erba cipollina
Brodo di carne
Aceto di vino bianco
Senape (una punta di cucchiaino)
Zucchero
Olio
Sale, pepe

Lessare le patate con la buccia tenendole al dente, o, meglio ancora, cuocerle al vapore, sbucciate ed eventualmente tagliate a metà. In ogni caso devono essere cotte ma ancora ben sode.
Spellarle e tagliarle a fettine sottili (mezzo centimetro). Versarle in una terrina, salarle e coprirle a filo con il brodo bollente. Lasciar riposare per una mezz'ora. 
Eliminare dalla terrina il brodo in eccesso, condire le patate con una cipolla rossa tagliata a dadini, l'olio in cui avrete sciolto pochissima senape e poco aceto (dipende dalla quantità delle patate, ma per 5-600 g andrà bene un cucchiaino da tè) e una puntina di zucchero. Regolare di sale e mescolare con molta delicatezza: molte fette si romperanno, ma va bene così. Completare con erba cipollina tagliuzzata e un po' di pepe. Lasciar riposare per un'altra mezz'ora prima di servire.




11 commenti:

  1. che delizia...sembra un rito lo sai??? adoro le patate in tutti i modi e provero' anche il tuo! bacio ^_^

    RispondiElimina
  2. Il terrore che possa venire a bussarti ha eroso ogni resistenza e sei tornata ai fornelli vero?! :P ahahhahahaha
    Detto ciò, sappi che Giovedì mattina mi sei venuta in mente perchè dalle tue parti per una questione poco piacevole al ritorno sono passato in quel di via R...olo per comprare un paio di cose in un negozietto che conosci bene...e nel parlare del più e del meno mi dicevano che si sarebbero impegnati per avere le famose “alici di menaica”...ragion per cui potevo anche cominciare a meditare di levare un "quadretto" dalla cucina e pensare a farne un uso più comprensibilente mangereccio...:P
    PS
    I miei sono solo pallidi tentativi di rimetterti sulla strada giusta...quella che ti porterà a fare un dolce che di sicuro copierò (se non è troppo difficile ovviamente!) :P eheheheheh

    RispondiElimina
  3. Le proverò. E dopo i piccoli passi, ti auguro di riprendere i tuoi soliti passi...

    RispondiElimina
  4. Mamma mia che buonissime si vedono le patate ,una ottima ricetta che ben vale la pena preparare per condividere con tutta la famiglia.Daniela

    RispondiElimina
  5. @Monia: anch'io. Vera e propria dipendenza da patate, e queste le adoro.

    @Gambetto: Hai visto il negozietto quanto è diventato interessante? E' un serio attacco al mio esiguo conto corrente... Il dolce l'ho fatto, alleluja!

    @Anna: ci sto provando. Come dicevo a Gambetto, ho fatto un dolce :)

    @Daniela: provale e tienimi aggiornata.

    RispondiElimina
  6. E anche l'insalata di patate tipica di questa zona e della Svevia. Ci deve essere in Germania un confine della maionese per l'insalata di patate, che non sono mai riuscita a localizzare esattamente :-) Ci ho messo un po' ad abituarmi a quella locale, a casa mia mia mamma faceva sempre quella con la maionese e i cetriolini. Ma credo che entrambe le versioni abbiano un loro perché :-)

    RispondiElimina
  7. ma è così che si fanno quelle deliziose insalate? ma che meraviglia...oggi ho imparato qualcosa...bello sapere che stai meglio!!!

    RispondiElimina
  8. @Alex: sì, in Austria la maionese non ci è proprio arrivata. E' vero, anche in Germania ne ho mangiate di simili, senza maionese. Non ricordo in che zona, probabilmente in Baviera?

    @Lo: l'ho imparato recentemente anch'io, per anni mi sono domandata da cosa derivasse quella cremosità..

    RispondiElimina
  9. mi fa molto piacere sapere che stai meglio! un abbraccio

    RispondiElimina
  10. @Gio: un abbraccio anche a te!

    @Francesca: benvenuta nel club! :)

    RispondiElimina