lunedì 16 gennaio 2012

La legge del contrappasso



Non è pigrizia. Non è il periodico attacco di nullafacenza acuta.
Stavolta ciò che mi impedisce di pubblicare ricette e di scrivere più spesso in questo blog è la legge del contrappasso. Del goloso, del cibocentrico, del gourmet vorrei-non-posso o come diavolo vogliate chiamarci.
Prima, il mio colon ha deciso di dar fuori di matto. Ha cominciato a tormentarmi come mai prima, con mille subdoli stratagemmi boicottanti. Allora l'ho preso per le orecchie e l'ho portato a fare screening su screening per scoprire che... nulla, vuole solo darmi fastidio. Ha questo balordo capriccio.
Va bene, mi sono detta; mi tranquillizzo, non ho nulla di serio, soffro ma troverò un rimedio, e mi sono prenotata tre giorni di vacanza per riprendermi dopo delle feste davvero poco piacevoli.
Ma non c'è mai fine quando la realtà si imbizzarrisce, perciò mi sono beccata a ruota una sorta di influenza intestinale. Sì, anche l'influenza ha voluto colpire là (il contrappasso, no?).
Perciò da giorni mi alimento come un uccellino, quando mi alimento, sbocconcellando tristi petti di pollo grigliati e riso in bianco. La sola idea di mettere piede in cucina, tagliare, affettare, cuocere e soprattutto sentire gli odori mi dà un attanagliante senso di nausea.
Ieri sera ho mandato giù quasi un hamburger intero, per la prima volta, quasi senza sentirmi male, e avevo persino un po' di fame, pensa tu. Il che significa che sono sulla via del recupero: ho finanche guardato nel frigo senza dover richiudere immediatamente la porta per il disgusto.
Ma non so quando tornerò a poter cucinare. Per ora so solo che prima o poi accadrà. Perciò per tener viva la fiammella abbacchiata di questo blog mi riprometto di aggiornare Campania Ferax, che intanto accusa i mesi passati (ristoranti che hanno chiuso, altri che ho provato, nuovi produttori scoperti e via così).
Spero di ritrovare qualcuno da queste parti, al ritorno :).

P.S.: Cosa c'entra la foto di apertura? Nulla, è che i limoni sono tra le poche cose che non mi disturbano. E questi, di Amalfi, sono talmente belli...

23 commenti:

  1. Qui rischi...eh si rischi grosso a fare queste esternazioni...perchè se capitassi in zona di certo verrei a bussarti al citofono con la minaccia con la quale smuovo quasi tutti:"...scendi tu o salgo io...ecco scendi che andiamo insieme al mercato...". Guarda per il mercato ti faccio anche scegliere...poi però vedrai che la voglia di cucinare tornerebbe, pur di libearti di me torneresti a casa a spiattellare perchè sarebbe l'unica valida scusa per congedarti da me! :P ahahahahaha

    RispondiElimina
  2. PS
    Approposito...ma la tua amica milanese si è "impanata" che non la si vede più...qui almeno con dell'outing si tenta di rimediare al danno di un copione di ricette come me ma li invece si nicchia...:D

    RispondiElimina
  3. Cara Giovanna, come ti capisco. Anch'io sono stata colpita dall'influenza intestinale e il cibo proprio disgusta. Meglio qualche giorno a dieta liquida (succo di frutta, the verde) che fa bene anche alla linea dopo gli stravizi eventuali delle feste. Spero che tu ti rimetta presto e ti aspetto con tante belle nuove o tradizionali ricette che tu sai raccontare così bene. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Quando il colon si imbizzarrrisce, potrebbe esssere il sintomo di un'intolleranza ai lieviti: due anni fa mi hanno rivoltata come un calzino a suon di analisi, poi si sono arresi. Per fortuna sto ora curando un'intolleranza ai lieviti che mi vieta, si, brioche e focacce, oltre che vino e funghi, ma m ha risolto il problema!
    L'influenza proprio non ti ci voleva :(
    La foto è davvero splendida!

    RispondiElimina
  5. bellissimi i limoni e anche la stadera, sono periodi di pausa che il tuo corpo ti chiede e chissenefrega del blog, la cosa importante è stare bene

    RispondiElimina
  6. @Gambetto: dai che stamattina mi sono addirittura avventurata dal fruttivendolo. Faccio passi avanti :).
    L'amica milanese è stata qua per tutto il periodo festivo a fare la figlia di famiglia senza vedere una pentola. Ora è tornata in Padania ma si è messa a dieta per perdere quei 2-300 grammi che alteravano il suo peso forma di dodici chili :)))

    @Dida: un abbraccio a te, a risentirci presto!

    @Patrizia: ai lieviti per me è improbabile, ma qualche approfondimento lo farò riguardo a glutine e lattosio.

    @Stella: già, però mi sento in colpa. Certo che sono strana...

    RispondiElimina
  7. Io ho fatto un bagno di sole nella tua foto, e mi sento una meraviglia :)

    Dai, forza, il tuo colon si rimetterà presto in riga, ora concedigli un po' di riposo (anche mentale, eh, che non di solo cibo si incavola il colon :))

    RispondiElimina
  8. Questa è paura di sapere che posso bussarti al citofono da un momento all'altro secondo me...:D ahahahahaha
    PS
    La tua amica se non si fa viva al più presto rischia grosso...credimi :P

    RispondiElimina
  9. In bocca al lupo! E che la fame ti ritorni!!
    ;-)

    RispondiElimina
  10. astraponSalve, a dire il vero sono capitata qui per caso e quindi non so che ricette mi son persa prima, ma ho letto questo post con interesse e ti faccio i miei auguri per star meglio prestissimo, e poi nessuno ha detto che un blog di cucina debba avere solo ricette e foto di chissa' cosa, a volte anche foto di cose da mangiare semplici per i problemi di stomaco ecc. vanno bene, anzi benissimo perche' sono utili. E si puo' parlare ti tante cose, viaggi, libri, pensieri... sempre se uno ne ha voglia ovviamente, altrimenti si prende una bella pausa che non succede nulla, magari si passa un po' piu' di tempo a visitare gli altri blog invece, cosi' nessuno si scorda!!

    Ciao
    Alessandra
    :-)

    RispondiElimina
  11. TRnquilla Giovanna, prenditi il tempo che ti serve e..respira bene!Il pancino va in tilt anche x quello sai?
    Bacioneeee

    RispondiElimina
  12. @Ciboulette: sì, si incavola per tante cose, ma in questo periodo tante ragioni non ne avrebbe. Valli a capire, i colon... :)

    @Gambetto: l'ho messa sull'avviso :D

    @Gaia: grazie! Allora bisognerebbe dire al lupo: in bocca a Giovanna :)))

    @Alessandra: prima di tutto, benvenuta. Questo è stato sempre un blog culinario, anche se talvolta anomalo perché digressioni dal tema me ne concedo spesso, accompagnate da ricette o meno. Però sempre blog culinario è. Girare per altri blog... un tempo lo facevo, poi è diventato tutto difficile. I blog sono innumerevoli, la maggior parte di quelli che seguivo, e che appartengono ad amici, è in stasi. Ci proverò.

    @Saretta: eh, lo so. A febbraio ricomincerò a girare come una trottola, mi conviene sfruttare questo tempo residuo di gennaio per darmi una regolata...

    RispondiElimina
  13. Il colon ha delle ragioni che la ragione non conosce. Passerà, ma nel frattempo in bocca al lupo.

    RispondiElimina
  14. Tutta la mia solidarieta' cara collega....
    Comunque io ho risolto con terapia periodica di antibiotici specifici per l'intestino (quasi sempre il colon e' vittima dei suoi stessi batteri) e con fermenti lattici quotidiani in capsule. Ormai e' gia' da un anno che e' tutto regolare. Se interessa scrivimi una e-mail che ti fornisco dettagli.
    CIAo CIAO CIAO

    RispondiElimina
  15. @Dede: se lui comprendesse le mie, però...

    @Corrado: un antibiotico specifico lo prendo anch'io. La cosa strana è che mi fa stare una favola anche una sola compressa, come una panacea. Il problema è che non posso prenderlo continuamente, sempre antibiotico è, e quando interrompo sto male di nuovo. Dimmi che fermenti lattici prendi, ce ne sono troppi e non so scegliere.

    RispondiElimina
  16. anch'io mi sono preso l'influenza intestinale la prima settimana dell'anno, che inizio! :)
    spero tu stia già meglio!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  17. E' tosta e ti capisco, da persona magra, che ha problemi ad ingrassare fin da ragazzino, nelle mio corde la dieta è sempre stata intesa quella iper calorica.
    Nel 2011 mi sono preso una intossicazione alimentare e mi hanno tolto tutto il cibo complesso, dalla verdura al vino ai latticini al caffè, per quasi 60 gg ho mangiato solo riso al sugo e pollo lesso, già alla prima settimana giù di 7 kg e una fame da impazzire,non essendo abituato a rinunciare al cibo è stata una sofferenza.
    Ti auguro di entrare al più presto in cucina,certo non a fare il ragù di polpo alla Puteolana,ma comunque una qualsiasi tua creazione gastronomica o qualche ricetta antica campana.
    Ciao Carlo da Pozzuoli

    RispondiElimina
  18. @Gio: mi dispiace! Io sto migliorando, mangio in modo normale, magari un po' meno del solito (oggi ho fatto un'eccezione) e più spesso cose semplici, ma più a causa dello stramaledetto colon, che non ama le complicazioni :). Speriamo che per entrambi l'anno prenda una piega migliore!

    @Carlo: grazie, se le cose vanno come spero ci rientrerò già sabato. Ho in mente una cosuccia :)

    RispondiElimina
  19. Io ci sarò. Non di ritorno, ma nuova nuova! e consolati...quel che non ammazza, ingrassa: tornerai come nuova
    Cinzia

    RispondiElimina
  20. ahhhhhhhhhhh terribile...però purtroppo anche io sono stata così in queste feste.....dai consoliamoci passerà...e riguardati :)

    RispondiElimina
  21. Passerà, è noiosa da quello che ho sentito, ma presto passerà... te lo auguro!
    Stupendi quei limoni.
    Buon giovedì

    RispondiElimina
  22. Auguri per una veloce guarigione, visto che sei sulla buona strada!

    RispondiElimina
  23. @Cinzia: benvenuta! Sono tornata, quasi :). Non nuova ma diciamo come "usato sicuro" :D

    @Lo: accidenti, è un'epidemia. Ho sentito almeno altre quattro persone conciate nello stesso modo.

    @Anna: noisa, sì, ma è andata. E pure il colon è quasi quiescente (quasi, eh). Speriamo bene.

    @Barbara: grazie, hanno funzionato!

    RispondiElimina