lunedì 31 ottobre 2011

Fuori tempo massimo (di nuovo)



La mia socia (Giovanna) ha ragione. Sempre. Sono vergognosamente inadempiente, fuggiasca e latitante ma ho espiato le mie colpe preparando lo strudel della Parodi, i biscotti della Clerici e sniffando dosi multiple di vanillina. Voi espierete le vostre cercando le ciliegie di Vignola a Novembre.
P.S.: Una piccola ma fondamentale raccomandazione: la colla di pesce prima di essere aggiunta al composto DEVE sempre essere bagnata, strizzata e sciolta... No, non vi ho preso per poveri stolti....e' una lunga storia :)

Bavarese yogurt e caprino con ciliegie al pinot nero

Per la bavarese:

200 g di yogurt greco intero
200 g di caprino fresco
100 g di panna lucida
100 g di meringa all'italiana (vedere QUI o QUI)
7 g di gelatina in fogli qualità oro

Miscelate bene yogurt e caprino, passate al setaccio per ottenere una crema liscia. Unite la meringa, la gelatina sciolta al micro in 2 cucchiai di panna ed infine la panna.
versare in stampini di silicone e passare al congelatore.

Per le ciliegie al pinot nero:

2 kg di ciliegie snocciolate e tagliate a meta' più qualcuna per la decorazione
Mezza bottiglia di pinot nero
250 g di zucchero
Pepe di Sichuan
Menta fresca

Realizzate una riduzione con il vino e lo zucchero, quando il liquido e' arrivato a circa la meta', unite qualche bacca di pepe di Sichuan e le ciliegie snocciolate. Tenete sul fuoco per altri 5 minuti. Spegnete il fuoco e aggiungete un rametto di menta fresca. Freddate bene la preparazione e fatela riposare per qualche ora in frigorifero.
Sformate le bavaresi almeno 1 ora prima del servizio, decorate con le ciliegie al pinot nero, il loro sciroppo ed una ciliegia fresca.
Oh! Scusate, occupata a guardare i programmi di cucina in TV mi stavo dimenticando di dirvi che una buona alternativa invernale sono le pere.

Nota di Giovanna: la ricetta, fuori stagione, arriva ora dopo più di un anno in cui ho vessato Lisa per estorcergliela. Risale a questo evento.

17 commenti:

  1. Bentornata, Lisa!!!
    Ricordo benissimo la tua preparazione (ma sono tornato a guardare, giusto per sicurezza. Era quella...). Mi era piaciuta allora e' mi e' ripiaciuta adesso. Brava non te lo dico, lo sai gia' da te. Comunque un grazie a Giovanna glielo dobbiamo, per la tenacia :)
    Lisa, dove posso venire a gustare la tua cucina? Agli Ossi? Dimmi solo si o no.
    CIAO a entrambe :)

    RispondiElimina
  2. Buongiorno,
    sono un creativo del food e volevo sapere se posso inserire la colla di pesce direttamente, spezzettandola. Grazie
    F

    RispondiElimina
  3. Albicocche secce reidratate? Come le vedi?

    RispondiElimina
  4. Domande:
    7 g di gelatina in fogli qualità oro...cioè per noi mortali che abbiamo solo il supermercato corrisponde a quanto di quella tradizionale? :P ahahahahahha
    100 g di panna...lucida...mhm c'è sotto un indizio che non riesco a cogliere?! :P ehehehehehe
    per le ciliegie di Vignola nemmeno dico niente...suppongo di aver rotto abbastanza con quello che ho appena scritto sopra :D
    Scherzi a parte, i dubbi sopra sono reali per il resto visto che manca qui la traduzione per un rustico come me...penso che in fondo in fondo la punizione dello strudel della Parodi ci stia bene...magari aggiungiamo qualcosa della Moroni?! :P ahahahahahahaha
    Scappooooooo :)
    PS
    Complimenti davvero comunque! :)
    PS2
    Si capisce che io non sono un creativo del food eh...tutt'altro!! :DDDDDD

    RispondiElimina
  5. In attesa che risponda Lisa, solo una cosa:
    @Anonimo-F: tu non sei un creativo del food, ti manca il look giusto, vagamente emo :)))

    @Gambetto: il creativo del food qui sopra è un ben noto cialtrone nostro amico e blogger. Qualche sera fa, insieme, ad un evento, abbiamo sentito due che si salutavano. Una delle due ha apostrofato l'altra con un: "Ciao, creativa del food!". Stiamo ancora ridendo :D

    RispondiElimina
  6. @Corrado: visto? Ho la testa più dura del marmo, e una pazienza infiniiiiita!

    RispondiElimina
  7. @corrado: ciao, alla domanda risponda con una mail così facciamo prima, grazie dei complimenti :)
    @anonimo: lei E' un creativo del food e quindi DEVE aggiungere la gelatina a pezzi :)
    @ Fabri': potrei farti rispondere dal creativo subito sopra...;) io non amo molto il gusto e la consistenza delle albicocche secche, ci vedrei meglio le pere (ricordi il millefoglie?). Pero' potresti provare.
    @Gambetto, ciao, per la gelatina del super "credo" che dovresti diminuire la quantità di 2 g perche' e' piu' potente. Pero' aspettiamo la Giovanna, non mi ricordo bene e "sono viaggiata" :). La panna lucida e' la panna semi montata.
    Per essere un vero creativo del food e' necessario sudore e sangue, non ci si improvvisa, sniffare vanillina aiuta. Quanto a me e alle mie punizioni, accolgo il tuo suggerimento e mi fiondero' a preparare un rotolo farcito dell'Annina nazionale
    Grazie anche a te per i complimenti il bonifico te lo invierò intorno al 15 del mese!

    RispondiElimina
  8. Jean-Michel Carasso31 ottobre 2011 16:26

    Conti, che cacchio è la panna LUCIDA??????

    RispondiElimina
  9. Jean-Michel Carasso31 ottobre 2011 16:28

    Già visto la risposta, grazie, puoi risparmiarti gli sarcasmi sulla mia età, la mia mipioa ecc... haha!

    RispondiElimina
  10. immaginiamo con gusto e ci appuntiamo il dolce; ma quanto mi piacerebbe sapere fino all'intimità le vicissitudini della gelatina, che tanto mi ha turbato nella mia discontinua storia culinaria.

    RispondiElimina
  11. davvero complimenti! questo dolce e proprio goloso! un bacio :)

    RispondiElimina
  12. In attesa di Giovanna, Lisa grazie della pazienza che hai avuto con me...anzi nessun bonifico mi basta il suggerimento di sniffare vanillina...prima non sapevo cosa mi perdevo! :P ehehehe
    PS
    Le pere eventualmente con un vino bianco fruttato per compensare la normale acidità del frutto pur quando è maturo che dici?

    RispondiElimina
  13. @gambetto con un vino bianco fruttato direi che vanno benissimo...la Giovanna latita...;)
    Grazie anche a JM, Artemidia e Claudia

    RispondiElimina
  14. @Gambetto: gelatina da super direi 4,5 grammi, a occhio e croce (notare la scientificità e tecnicità del consiglio :)). Altro consiglio: la sniffata di vanillina accompagnala con una bevuta di brodo in brick: avrà effetti assai più psicotropi, te l'assicuro :DDD

    RispondiElimina
  15. Ragazze grazie per la dritta, sono così a pezzi che proverò subito la sniffata di vanillina e flebo di brodo in brick, momentaneamente))) sprovvista, devo attendere un orario più consono. A parte tutto, amiche belle , mi fate divertire molto con la vostra arguzia, intelligenza e...( posso dirlo?) per me competenza.Mi sgomenta il tempo impiegato da Lisa nel postare la ricetta, quando mi dirai di quella favolosa torta di mele? Ciao belle grazie di tutto.

    Amarisca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annamaria carissimissima, che orari assurdi fai? Ecco perché ti serve la sniffata di vanillina... :-). Oggi ti chiamo.
      Quanto alla torta di mele, sarà mica questa?
      http://www.lostinkitchen.com/2011/02/fornelli-o-fondelli.html

      Elimina