sabato 10 settembre 2011

Angiolina, Angiolina...


Se vi capitasse di attraversare il Cilento, fermatevi.
Se vi fermate, andate a pranzo a Marina di Pisciotta.
Se ci andate, scegliete Angiolina.
E, senza indugio, fate vostri tutti i piatti a base di alici. Perché non c'è alice più buona di quella di Pisciotta. E non ci sono piatti a base di alici più buoni di quelli di Angiolina.

Le alici alla scapece vi manderanno in deliquio.



Il tortino di alici vi lascerà un ricordo indelebile.
 E così sarà per ogni altra versione in cui verrà declinata la snella e argentea creatura marina.







E comunque, è ancora tempo: prendetevi un'ora per il mare dei dintorni.



E poi godetevi il tramonto, magari sul porticciolo di San Marco di Castellabate.



Nient'altro da dire, per oggi...

9 commenti:

  1. fa sempre piacere prendere nota...tutto buonoe bello foto comprese...ciao.

    RispondiElimina
  2. Ascolto sempre i tuoi consigli...mi piacerebbe fermarmi lì in tua compagnia ;-) Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  3. voi e i vostri piatti con le alici. vi odio, perché mettete sul piatto quella freschezza che qui a Milano ho ormai dimenticato, per me che il pesce fresco è quello della Campania e ancora di più della Sardegna. Vorrei smontare questa Angiolina e portarmela qui a Milano!

    RispondiElimina
  4. anche a Torino il pesce fresco è un'altra cosa da quello delle foto.
    che nostalgia del Cilento, bei posti, bella gente e buoni ristoranti come questo, non vedo l'ora di tornarci

    RispondiElimina
  5. Nient'altro da dire? Mi piace quando "parli" così! (anche se speravo di trovare la Jolie :-D)

    RispondiElimina
  6. @Max: ci sono stata due volte in due giorni, e ho detto tutto :)

    @Edda: anche a me! Una volta però un giro da queste parti devi farlo. Mi raccomando!

    @Maricler: comprendo la tua situazione, ma guarda che alicicosì in città mica le trovo...

    @Mariangela: il Cilento è davvero meraviglioso, mi ci accamperei in permanenza. Il pesce fresco a Napoli non manca, ma le alici di Pisciotta sono speciali, sono le cosiddette "alici di menaica" (una rete particolare), presidio Slow Food.

    @Jajo: io alla Jolie preferisco un'alice di serie A, ma mi rendo conto che non faccio testo :)))

    RispondiElimina
  7. sei uan grande fonte di informazioni!
    buona settiman!

    RispondiElimina
  8. @Gio: tu sei più vicino di me, non te la perdere :)

    RispondiElimina
  9. Abbiamo avuto il piacere di assaggiare le alici imbottite con la ricotta eccezzionali è dire poco e la gentilezza dello chef infinita

    RispondiElimina