venerdì 1 luglio 2011

Puro estratto di Campania


Ricetta da smembrare. Se avete il palato delicato, prendete gli gnocchetti e conditeli come preferite.
Se invece le papille gradiscono i gusti decisi, acchiappate tutto il pacchetto, gnocchetti e sugo. Io prediligo i sapori tenui, ma ogni tanto una scossa gustativa mi aggrada. Se poi la scossa la danno due prodotti che sono il fior fiore, come le alici di Cetara e i pomodorini del piennolo, ancora meglio.
Gli gnocchetti, per informazione delle dentature sensibili, sono belli consistenti e resistenti.

Gnocchetti di grano duro con acciughe, pomodorini, mozzarella e arancia

Per due porzioni di gnocchetti:
200 g di farina di grano duro (non semola, farina)
acqua 
sale
5 acciughe di Cetara sotto sale, o comunque alici sotto sale di ottima qualità
una decina di pomodorini del piennolo del Vesuvio
una piccolissima mozzarella di bufala di due giorni prima, non tenuta in frigo ma nel suo liquido di governo,
basilico
buccia grattugiata di un'arancia
olio

Per gli gnocchetti, impastare la farina con un pizzico di sale e tanta acqua quanta ne è necessaria per ottenere un impasto sodo ma malleabile, che non appiccica. Ricavare dall'impasto dei bastoncini dal diametro di 1-1,5 cm e tagliarli in pezzetti lunghi circa 1,5 cm.
Gli gnocchetti sono minuscoli e non vanno incavati.
Dissalare e spinare le acciughe, lavandole abbondantemente. Scaldare l'olio in una padella di alluminio e farvi sciogliere le acciughe senza che ne rimangano frammenti. Ruotare la padella per emulsionare bene. Aggiungere i pomodorini tagliati a metà e farli cuocere a fuoco vivo per cinque minuti al massimo schacciandoli un po' con la forchetta. Non occorre salare, data la presenza delle acciughe. Aggiungere basilico spezzettato e spegnere il fuoco.
Lessare gli gnocchetti in acqua bollente salata e scolarli man mano che vengono a galla. Versarli nella padella con il sugo, mantecandoli con poca acqua di cottura a fuoco vivace. A fiamma spenta, aggiungere la buccia d'arancia grattugiata e la mozzarella che avrete strizzato bene tra le mani, facendone fuoruscire il siero, e poi frullato con un frullatore a immersione.

12 commenti:

  1. La nostra Campania,per fortuna che ci offre così tante cose buone e non solo spazzatura come ormai si sente da un pò... ricordiamoglielo a questa gente!

    RispondiElimina
  2. Piatto robusto che da soddisfazione solo a raccontarlo...immagino a tavola!
    Se ci mettiamo vicino anche i peperoni imbottiti...ed uno dei tuoi dessert...le stelle Michelin te le do io anche senza averne titolo per farlo...è poca cosa lo so...però mi piacciono queste tue incursioni più legate alla terra :)

    RispondiElimina
  3. quando si dice amore a prima vista! adoro questa ricetta...ecco magari potrei avere qualche difficoltà a trovare una signora bufala ma vedo di recuperare. ah..le alici di Cetara celo, ma già sottolio...è molto grave?

    RispondiElimina
  4. parla da sola questa foto :P

    RispondiElimina
  5. @ilcucchiaiodoro: eh, hai ragione. Vorrei tanto che questa regione riguadagnasse dignità e immagine. Nonostante tutto, non perdo le speranze.

    @Gambetto: parecchio robusto, è nelle corde di mio marito :). Oddìo, metterci anche il peperone imbottito, e per di più di vermicelli, mi sembra veramente eccessivo :D

    @Giò: sott'olio non è proprio lo stesso, ma provo a chiudere un occhio ;-). No, sul serio; le alici sotto sale sono tutta un'altra cosa, ricordano più il pesce fresco. Meglio alici sotto sale non di Cetara ma buone buone.

    @Mirtilla: tutto merito della Provenza che mi ha fornito la teleria :)

    RispondiElimina
  6. Ricetta a tutta Campania.
    La buccia d'arancia e' il tocco d'artista.

    RispondiElimina
  7. io prendo tutto il pacchetto, anzi il 90%...levo solo l'acciuga! E' ottimo!

    RispondiElimina
  8. Giovanna questo sugo è eccezzionale, mentre leggevo mi è venuta l'acquolina e poi vado pazzo per le acciughe!

    RispondiElimina
  9. @Corrado: ehh, la buccia d'arancia miè servita per dare una rinfrescata all'abbondanza di acciughe. Del resto la metto quasi ovunque :)

    @Lo: ma questo è un sugo ALLE acciughe :-)

    @Gio: è di quelli tosti e potenti. Per molti ma non per tutti :)

    RispondiElimina
  10. Buono! Ovviamente migliori sono i prodotti migliore è il risultato! Sarebbe un peccato gnochetti senza sugo ;)

    RispondiElimina
  11. Chi di noi ha tanta volontà di farlo deve farlo anche per gente che ci naviga contro! Ti sei un'ancora di salvezza!!!!

    RispondiElimina