giovedì 16 giugno 2011

Post non bianco ma come se lo fosse

 

Avrei potuto vestire il blog di bianco per celebrare la giornata del pic nic calicanto al quale non sarò. Anzi, avrei dovuto.
Ma spero che anche senza bianco il pensiero valga lo stesso. Mi piacerebbe esserci ma stavolta mi tocca passare. Unico conforto il fatto che, di bianco vestita, mi avrebbero adibita a gazebo, lì, a Villa Doria Pamphili. O in alternativa avrei trovato un Achab terricolo che si sarebbe messo a urlare contro il cielo: "Soffia! Soffia!".
Questa piccola e semplice battuta di fassona non sembra bianca ma lo è. Per me il cibo bianco è il cibo dal gusto pulito, fresco, diretto, franco. Bianchi sono i miei alimenti preferiti: la mozzarella, la panna, il latte e tutti i suoi derivati, tutti dal gusto pulito, fresco, diretto, franco.

Battuta di fassona variamente accompagnata

La battuta è una semplice battuta, nature, con un pizzico di sale. Di solito la condisco con una vinaigrette al miele di limone. Questa invece è accompagnata da:

Salsa di pomodoro crudo agli agrumi
200 g di piccoli pomodori, privati dei semi ma non spellati
succo di mezza arancia
succo di mezzo limone
olio
sale
Frullate insieme tutti gli ingredienti, la salsa dev'essere liscia e le bucce dei pomodori devono sparire. Se avete un emulsionatore, usatelo per dare cremosità. Regolate il succo in base alla densità desiderata.

Crema di mascarpone e caprino fresco
Amalgamateli nella proporzione che vi è più gradita. Scavate una fossetta in cima alla battuta e annidatela là.

Gateau di Savoia al prezzemolo
Vedete quella sorta di spugna? Ecco, quella.
Occorrono:
100 g di foglie di prezzemolo
150 g di acqua
50 g di burro
100 g di farina
5 g di lievito chimico
3 uova
4 g di sale
Mettete le foglie di prezzemolo nel mixer, versateci sopra l'acqua portata a ebollizione con il burro, mixate. Aggiungete la farina, il lievito, le uova e il sale. Mixate di nuovo. Inserite il tutto in un sifone da un litro e caricate due cartucce di gas. Agitate bene il sifone, riponetelo in frigo.
Poco prima di servire, riempite col composto dei bicchierini di plastica, a un terzo della loro altezza (plastica adatta al microonde; i bicchieri usa e getta NON devono esere usati nel microonde). Cuocete nel microonde alla massima potenza per 45 secondi.

14 commenti:

  1. Interessanti proposte. Però, ti devo confessare, sono piemontese, anzi Monferrina, e sulla carne cruda (a maggior ragione di Fassone!) non riuscirò mai a smuovermi dal classico. Lo so, ci sono cose su cui rivelo un conservatorismo inusitato, però, ripeto, però ....

    RispondiElimina
  2. @Alex: comprendo la tua posizione, tranquilla. Io sono più eretica, sull'argomento, in compenso se qualcuno prova a manipolare la mozzarella di bufala mi viene un ittero :-)

    RispondiElimina
  3. Meno male che anch'io non ci sono, altrimenti Achab avrebbe fiocinato me. Tu che c'entri?

    (adoro questi tuoi guizzi intelligenti)

    RispondiElimina
  4. il gateau segnerà i prossimi 2 anni della mia vita ...

    RispondiElimina
  5. @Corrado: ma va' là! :)

    @Furio, alias Fabrizio, alias Lord Cioffs: l'ho visto fare per la prima volta a Identità golose, non ricordo in che occasione. Ne ho parlato con Lisa e Gionata che sapevano già tutto: si fa così, si fa cosà. Poi ho trovato la ricetta su un numero di Thuries Magazine che mi ha regalato Edda. Diavoli di Francesi! Era destino. È stato amore a prima vista: troppo divertente.

    RispondiElimina
  6. Che nessuno tocchi la mozzarella per carità! :P ahahahahahaha
    Come sempre mi stupisce il gioco di accostamenti però una nota polemica personale concedimela...io faccio di tutto per seguire il tuo blog in cucina e tu sai di cosa parlo, metto a rischio anche la mia salutee fisica...però se continui così proprio non ce la faccio...ma pubblicare qualcosa di 'già visto' no eh?! :P ahahahahaha
    Scherzi a parte, questo piatto come tanti altri sono da incorniciare, ricchi di spunti versatili usufruibili all'occorrenza...quindi mi sa che mi tocca tornare a studiare :P ehehehehe
    Detto ciò mi dispiace non poter essere presente alla serata bianca...e quindi per stasera che anche nella mia cucina sia tutto (o quasi) bianco...magari evito di versare il latte sulla tovaglia o lo yogurt sulla maglietta :P hihihihihi
    PS
    Sai che risate se comprassi dei calzini corti bianchi! :D ahahahahahaahahah

    RispondiElimina
  7. Le "spugnette" sono una creazione d'El Bulli, di qualche annetto fa (mi pare invenzione di Albert Adrià o di Oriol Castro); comunque, le prime che ho visto fare (un biscuit al pistacchio, credo la primissima) utilizzavano dei bicchieri usa e getta (non so se adatti o meno al microonde), infatti si praticavano dei taglietti sul fondo con delle forbici per far sviluppare meglio la massa. E così le abbiamo fatte tutti, la prima volta...:-)))
    Comunque, complimentoni, sei proprio brava!

    RispondiElimina
  8. Gio mi hai fatto ridere di gusto ad immaginare la scena melvilliana in Villa Pamphili :)
    e cmq staresti bene anche vestita di bianco perché hai stile
    ottimo il tuo piatto! sei troppo chiccosa!

    RispondiElimina
  9. No no, io credo che Achab avrebbe fiocinato me!!! :)

    RispondiElimina
  10. @Gambetto: dai, che ho pubblicato persino un tradizionalissimo puparuolo 'mbuttunato. Più "già visto" di così c'è solo l'aglio e olio :))

    @Chefclaude: grazie per i complimenti, i tuoi valgono doppio :). Io sono leggermente fissata, quindi prima di realizzare le "spugne" sono andata a leggere sulle confezioni di bicchieri usa e getta. Alcune non riportano indicazioni, altre dicono espressamente di non usare in nessun tipo di forno, nemmeno a microonde. Dato che il materiale è lo stesso anche per le confezioni senza indicazioni, ho evitato. Però ora che ci penso anche a IG avevano usato quelli.

    @Gio: come ben sai, data la tua provenienza geografica, il tuo chiccosa ben si tradurrebbe con "pereta" :D

    @Diletta: m sembra ci sia la coda. Stai al tuo posto e pazienta.

    RispondiElimina
  11. e il bianco del pane? il bianco sacro e buono :))

    RispondiElimina
  12. ragazze, dato che la sottoscritta se l'è cavata, posso assicurarvi che il capitano Achab non era in zona :))

    Io la carne cruda non la mangio neanche i tempi normali, ma su quel gateau ci ho lasciato gli occhi, nella mia ignoranza non avevo idea che si potessero ottenere risultati simili col sifone, motivo in più per metterlo sulla letterina per Babbo Natale (oltre alal casa per metterci il sifone dentro, vabè) :)

    RispondiElimina
  13. Ma che splendida preparazione, è un piacere passare qua da te!!!! Mi iscrivo come tua lettrice, e se ti va, ti aspetto nella mia cucina, baci cara e piacere di conoscerti!

    RispondiElimina
  14. @Artemisia: sì, è sacro e buono e non ci piove. Ma lo sai che io mangio pane davvero di rado?

    @Cibou: tu sei ampiamente giustificata, e anche Achab lo capirebbe :)

    @Speedy70: piacere mio, e grazie!

    RispondiElimina