martedì 28 giugno 2011

Karpuzi me yaourti!



Se interrogate una pietra che trovate per strada, scoprirete che persino lei è al corrente della mia passione insana e sfrenata per Creta. Sì, sì, che noia, vi dirà, non se ne può più. 
Forse però la pietra ignora che io, che non faccio mai colazione tranne che quando sono in alberghi con faraonici buffet, là, a Creta, non me la faccio mai mancare. Più precisamente, non mi faccio mai mancare una ciotola di yogurt in cui tagliuzzo una bella fetta di anguria, e mentre la mangio mi incanto a guardare il mare e mi spingo fino a pensare che la vita abbia senso :) .
Potenza delle cose fresche, bianche, elementari e dal gusto gioioso.
Volevo un dessert semplice e veloce, da preparare senza sfinirmi anche quando ci sono 40 gradi. E ho pensato di riprodurre la mia colazione preferita. 

Colazione a Creta
Per circa otto piccoli bicchieri:

Per la gelée di anguria:
1100-1200 g di polpa di anguria (bisogna ricavarne un litro di liquido)
50 g di zucchero
40 g di gelificante vegetale (naturalmente si può usare la normale gelatina, ma questo gelificante rapprende lasciando la preparazione morbida e la gelificazione è reversibile)

Per il cremoso allo yogurt (ricetta di Loretta Fanella):
130 g di panna fresca
5 albumi freschi
50 g di zucchero
4 g di colla di pesce 
100 g di cioccolato bianco
1 pizzico di sale
150 g di yogurt greco
20 g di yogurt in polvere

Privare dei semi la polpa dell'anguria e frullarla bene con lo zucchero. Passarla al cinese per eliminare i semi rimasti, o i loro frammenti, e le parti di polpa rimaste. Bisogna ottenere un litro di anguria allo stato liquido.
Scaldare a 65°, spegnere il fuoco, aggiungere il gelificante, mescolare bene facendolo dissolvere, far raffreddare brevissimamente e distribuire nei bicchieri (non aspettate troppo perché rapprende, ma potete scaldarlo di nuovo, nel caso. La gelificazione è reversibile). Riporre in frigo per un'ora prima di versare sopra la gelée il cremoso allo yogurt.
Preparare il cremoso: su un bagnomaria in leggera ebollizione (senza che la pentola tocchi l'acqua) cuocere gli albumi con lo zucchero e la panna, frustando con una frusta a mano, per soli due-tre minuti. La preparazione dovrà essere leggermente spumosa. Togliere dal fuoco e unire il cioccolato, mescolare per farlo sciogliere perfettamente, aggiungere poi la colla di pesce precedentemente ammorbidita in acqua fredda e strizzata, mescolare bene, e quindi aggiungere i due yogurt. Amalgamare accuratamente, lasciar raffreddare e versare nei bicchieri sulla gelée di anguria. Mettere in frigo.
Se si vuole, decorare con gocce di cioccolato fondente.

10 commenti:

  1. Ho un post tuo più "importante" da commentare e quindi non mi dilungo più di tanto su questo "amore" in comune perchè se non erro già "ti ho fatto una capa tanta!" :P ehehehehe però una tiratina di orecchie te la devo fare...
    Possibile che guardando la foto...ho pensato questa la posso fare...poi ho letto gli ingredienti ed ho urlato:"....nooooooo ma allora lo fa di proposito!!!!!..."...lo yogurt in polvere dove lo vado a pescare...:D ahahahahahaha

    RispondiElimina
  2. Ti leggo spesso, ma non avevo fatto ancora caso alla tua passione per Creta, a questo punto non posso che dirti 'grazie!', perchè comincio a pensare che forse viverci non è così male! Fra una settimana mi trasferisco lì e sicuramente sarò un pochino più tranquilla.
    Grazie ancora e anche per la goduria di yogurt!

    RispondiElimina
  3. @Gambetto: ho il sospetto che tu possa fare tranquillamente senza :). Si tratta di pochi grammi, magari metti una cucchiaiata di yogurt in più, purché bello denso.

    @Perla: ti trasferisci a Creta? Pensa che io vorrei passarci la vecchiaia :). E' il sogno mio e di mio marito. Siamo frequentatori abituali. Non farti fuorviare dalla turistica costa nord intorno alla brutta città di Heraklion, Creta è tante altre cose. E' gente accogliente e semplice, amore per la vita, paesaggi d'incanto, erbe spontanee che riempiono l'aria di profumi, baie solitarie e stupende, armonia. Riconcilia col mondo. Auguri.

    @Mirtilla: sì, magica davvero.

    RispondiElimina
  4. Anche io adoro la grecia...ti leggo spesso in silenzio sei molto brava.Ciao Francesco

    RispondiElimina
  5. Ecco, mi hai distrutto: vado proprio ad Heraklion... a questo punto proverò ad ignorare i turisti, che t'aggia dì!

    RispondiElimina
  6. Quanti ricordi mi fanno venire in mente gli yogurt greci... ,-)

    RispondiElimina
  7. che bella presentazione... :-O
    A.

    RispondiElimina
  8. @Francesco: grazie, benvenuto!

    @Perla: vabbe', ma c'è tutto un mondo intorno, raggiungibile e bellissimo. Stai tranquilla!

    @Athos: sei piuttosto sibillino. Quali? ;-)

    @Fragoliva: grazie!

    RispondiElimina
  9. A' Giò, come sarebbe la "brutta città di Heraklion"???????????????? Ti mangno!!!!!!!

    RispondiElimina