Il puparuolo 'mbuttunato

lunedì, giugno 13, 2011


Anche questa ricetta viene da mia nonna.
E come le altre di quella fonte, nasce da tempi di cucina sempice, ma anche robusta. E infatti questa è la versione alleggerita di quella che lei preparava allo stesso modo ma cuoceva in maniera ben diversa, sigillando ben bene il peperone imbottito col passarlo in farina, uovo e pangrattato e poi friggendolo. Un crimine contro l'umanità secondo solo al "cozzetto" di pane, precisamente di palatone, svuotato della mollica, riempito di fagioli o di uovo, ritappato con la mollica e fritto nella sugna (lo strutto).
Volendo, potete seguire il suo esempio. Io ricorro all'austera cottura in forno, vergogna a me.
Dedico questo puparuolo alla giornata referendaria nella speranza che questo paese dimostri senso civico e voglia di partecipare come ai bei tempi del divorzio.
E lo dedico anche alla Gente del Fud, un concetto che mi piace assai, che mi è sempre piaciuto, che per me significa amare le produzioni di qualità e incoraggiarle, perché si fa una gran fatica a non cedere al profitto facile.

Peperone imbottito di vermicelli

per 3 peperoni:

3 peperoni da arrostire, non troppo grandi
150 g di vermicelli
uno spicchio d'aglio
una decina di pomodorini del Vesuvio
una manciata di capperi sotto sale
olive di Gaeta
basilico o origano
peperoncino macinato
provola fresca o fiordilatte o provolone dolce
parmigiano grattugiato
pane grattugiato
olio, sale

Arrostire i peperoni sulla fiamma bruciacchiandoli per poi spellarli. Mondarli dei semi, aprendoli con un'incisione su un lato solo e stando ben attenti a non romperli.
Rosolare l'aglio tritato in olio, aggiungere il peperoncino, poi i pomodorini tagliati a metà e far cuocere per una decina di minuti. Poco prima di spegnere, aggiungere i capperi dissalati e le olive. Fuori dal fuoco, il basilico spezzettato. Regolare di sale.
Lessare la pasta molto al dente, condirla con il sughetto preparato e con qualche dadino del formaggio o latticino scelto. Mettere i peperoni in una teglia unta d'olio, riempirli con la pasta, spolverizzandola con poco parmigiano, accostare i lembi dei peperoni richiudendoli, spolverizzarli con pane grattugiato e poco sale, versare un filo d'olio e infornare a 180° per dieci minuti, quindi passare la teglia sul ripiano più alto del forno e accendere il grill per far colorire i peperoni. Servirli tiepidi.
Pubblicato da: Giovanna

Potrebbero interessarti anche...

12 commenti

  1. La Gente del Fud apprezza la dedica, ma preferirebbe il puparuolo...

    RispondiElimina
  2. Preparalo. Lo spaghetto ce l'hai pure tu, giacché quello in foto è figl'a tte :)))

    RispondiElimina
  3. vabbuo' allora mi tengo la dedica e mi preparo il puparuolo da solo...

    RispondiElimina
  4. Giovanna, mercoledì posto la stessa pasta, che "imbottisce" un'altra verdura ;))
    I risultati del nuovo vento pulito che soffia lieve e tenace sul nostro Paese li conosci, ormai! La gioia è grande, la speranza forte!!

    RispondiElimina
  5. Posso dire "ti adoro"? Soprattutto quando posti cose del genere :-D
    Tutto bene: il puparuolo 'mbuttunato (che ho avuto la fortuna di mangiare... in riva al mare) ha portato bene al senso civico (e morale) degli italiani, però... anatema su te per la cottura :-D

    RispondiElimina
  6. @Patrizia: e che verdura? Sono curiosa!

    @Jajo: il puparuolo 'mbuttunato è altamente morale di suo, io che non lo friggo un po' meno :)

    RispondiElimina
  7. a casa mia di solito si fa con il ripieno di pane raffermo, questo con la pasta lo provo magari anch'io sacrilego al forno :)
    un abbraccio!
    ps è stato con grande piacere che ti ho reincontrato :)

    RispondiElimina
  8. Ricetta splendida, amo e sono sempre alla ricerca delel mitiche ricerche delle nonne, è un patrimonio che non va' assolutamente perso. La copio e la provero' con grandissimo piacere.;-)

    RispondiElimina
  9. Questo puparuolo è davvero spettacolare! Anche io, tempo fa ne ho postato uno, ma quello è il classico (almeno quello che faceva mia nonna). Ti segno il link se vorrai dare un'occhiata:
    http://buonumoreincucina.blogspot.com/2011/01/peperoni-ripieni-ricetta-napoletana.html.

    Seguo da un po' questo blog che trovo, oltre che molto interessante per l'unicità dei suoi post, anche spiritoso e pieno di belle foto e ricette ottime.Complimenti.
    A presto

    RispondiElimina
  10. Scusa, non avevo visto la tua domanda...melanzane(Che ho pure fritte...alla faccia del colesterolo!)

    RispondiElimina
  11. @Gio: anche a casa mia, questa è la versione bis :). Ricambio l'abbraccio!

    @Lisa: a te piacciono solo le cose "popolari" :-)))

    @Sally: grazie! Mia nonna non ha lasciato quaderni, ahimé, mi è rimasta solo la memoria.

    @Rosalba: grazie! Verrò a farti visita.

    @Patrizia: merci!

    RispondiElimina

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001.