martedì 21 giugno 2011

Agro, dolce e quasi siculo



Pur avendo girato parecchio, a partire da quel primo viaggio con gli amici fatto a 18 anni, niente soldi in tasca, campeggio a Londra, città che era allora il sogno di tutti i ggggiovani, non conosco la Sicilia. Sono stata solo pochi giorni alle Eolie, per il resto buio totale. Potendo fare vacanze più lunghe solo ad agosto, mi scoraggia la temperatura, giacché sono insofferente al caldo, e aggiungo un "purtroppo", perché mi piacerebbe tanto vederne almeno un pezzetto. 
Perciò, non posso dire di conoscere per esperienza diretta la cucina siciliana.
Mi risulta (i siciliani mi correggano se sbaglio) che in Sicilia esista un piatto di coniglio in agrodolce con caponata. Amando molto l'agrodolce e moltissimo la caponata, meno il coniglio, ne ho fatto una versione con il pollo. Importante è che riposi un po', per insaporirsi ben bene.

Pollo in agrodolce con caponata

Un pollo da circa 1,3 kg tagliato in 10 pezzi
1/2 kg di melanzane
una grossa costa di sedano bianca
un peperone grande
una manciata di uvetta
due cipolle rosse
250 g di pomodori
due manciate di olive verdi denocciolate
basilico, pinoli
aceto, circa mezzo bicchiere (io ne ho messo un po' di più)
zucchero, un cucchiaio (idem come per l'aceto)
olio 
sale e pepe
Tagliare a dadini non piccolissimi le melanzane, spolverizzarle di sale e metterle in un colapasta schiacciandole con un peso per farle spurgare un paio d'ore. Poi strizzarle, asciugarle e friggerle. In un largo tegame dai bordi alti e dal fondo pesante rosolare con un paio di cucchiai d'olio la cipolla affettata sottile e il sedano privato dei filamenti, raschiato e tagliato a dadini. Aggiungere olio, farlo scaldare e poi unire il peperone a cubetti lasciandolo appassire. Aggiungere allora i pomodori privati dei semi e tagliati a pezzetti. Far insaporire, aggiungere poi lo zucchero e l'aceto, i pinoli, l'uvetta, le olive tagliate a spicchietti. Far cuocere per qualche minuto. Salare, pepare.
Nel frattempo, rosolare il pollo in una padella antiaderente, con poco olio. Bisogna rosolarlo molto bene, da tutti i lati, a lungo, in modo che il resto della cottura sia più breve.
Unire poi alla caponata le melanzane precedentemente fritte e il pollo. Regolare di sale, coprire e portare il pollo a cottura a fuoco molto basso. Completare con il basilico spezzettato. Servire dopo qualche ora di riposo, scaldando brevissimamente.

16 commenti:

  1. Io la Sicilia la conosco abbastanza, meravigliosa terra, niente da dire! Ma ricordo ancora meglio la caponatina mangiata in provincia di Trapani in una trattoria molto, ma molto, alla mano: ssssssquisitaaa!!!
    Proprio come deve essere la tua, brava! E poi anche io non preferisco il coniglio. Riproporrò la ricetta a casa :-)
    A presto

    RispondiElimina
  2. anche io aspetto vacanze di primavera per approfondire la Sicilia, per ora rimangono un miraggio. Il piatto comunque rimane delizioso, da mangiarlo direttamente dal pentolone !! manu

    RispondiElimina
  3. molto siculo,ma ci sta tutto!!

    RispondiElimina
  4. ero decisissima a fare il coniglio all'ischitana per domenica scorsa, ed il macellaio non aveva più coniglio, ci sono rimasta malissimo :)

    Anche se ho assodato un tipo di caponata senza peperone, un tentativo con, devo farlo. Poi magari il coniglio finisce all'ischitana lo stesso :))

    RispondiElimina
  5. ANche io non amo molto il coniglio, anzi diciamo pure per niente, quindi non posso che apprezzare con gusto questa tua versione di pollo...e poco importa se è o non è tipicamente siculo questo piatto...a me piace così!!!

    RispondiElimina
  6. ciao, in sicilia ci siamo state solo una volta ma ci ha letteralmente conquistate: la cordialità delle persone, i profumi, i colori e l'ottima cucina!
    Neppure noi siamo delle amanti del coniglio, ma in agrodolce e con la straordinaria caponata...si è tutto da provare.
    baci baci

    RispondiElimina
  7. Ma vaaaa'... sempre a ffa' la solita lagnosa !! E partiii !!!!! :-))))
    A Lipari un ristorante in collina fa un ottimo maiale in agrodolce: strano a dirsi per un'isola ma... Ischia insegna (con il suo coniglio :-D)

    RispondiElimina
  8. A occhio sarebbe possibile mangiarlo anche freddo, mi sbaglio?

    RispondiElimina
  9. Non ho una tale esperienza 'siciliana' da poter dire la mia in merito...certamente quale che sia lo spunto regionale il piatto è decisamente superlativo. Al di là della preparazione che mi piace (ed io non amo l'agrodolce ma conosco una personcina 'innamorata' dei tuoi peperoni imbottiti che apprezzerebbe molto...) devo dire che mi colpisce molto la foto. Hai dato dignità al pollo (idem non è che vada in visibilio per il coniglio...) vestendolo 'siculo' e soprattutto dando un bello spunto estivo alle nostre tavole in questi periodi leggermente più pigre :P ehehehehehe

    RispondiElimina
  10. @Rosalba: devo rimediare assolutamente, sulla Sicilia. E tu poi fammi sapere come va col pollo :)

    @Forchettina irriverente: ecco. penso che la primavera sia il periodo perfetto. Col caldo proprio non gliela fo.

    @Mirtilla: un pollo con lo scacciapensieri (ho sparato il mio luogo comune quotidiano) ;-)

    @Cibou: pensa che io ne faccio una senza melanzana, mio marito è allergico. Anche in questo caso, a lui l'ho fatta separatamente. Caponata senza melanzana è il massimo, proprio :D

    @Claudia: diciamo che è un ibrido come tutti noi, mica stiamo a guardare la purezza etnica :)

    @Manuela e Silvia: ne sono sicura. Una volta ho mangiato un tortino di coniglio veramente straordinario preparato da un cuoco siciliano.

    @Jajo: se tu mi segui passo passo col ventaglio di piume, io vado!

    @Tina ricette: sicuramente. Ho detto tiepido perché il pollo freddo secca sempre un po'.

    @Gambetto: solo "leggermente"? L'altra sera ho osato accendere il forno, dopo volevo catafottermi di sotto...

    RispondiElimina
  11. dobbiamo rimediare, la Sicilia merita e tu meriti la Sicilia! anche a primavera, anche a ottobre, insomma bisogna! quanto a conigli e polli, si praticano in effetti entrambi, il pollo in particolare per me è legato a una ricetta in agrodolce con molto limone e senza caponatina, ma in Sicilia sì sa le varianti sono infinite. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Purtroppo non conosco la Sicilia, ancora, ma questo piatto è veramente invitante! CIAO SILVIA

    RispondiElimina
  13. Buon onomastico Gio!
    bella la foto! adoro l'agrodolce e la caponata siciliana la trovo ottima :P
    un abbraccio

    RispondiElimina
  14. @Maite: affare fatto, mi ci porti tu :)

    @Sississima: devi rimediare anche tu, allora.

    @Gio: grazie, e naturalmente buon onomastico anche a te!

    RispondiElimina
  15. Ma non fare la Liz Taylor !!! :-D
    A giugno o a settembre/ottobre sono isole splendide e si sta benissimo !

    RispondiElimina
  16. @Jajo: e lo so che a ottobre ci si starebbe benissimo, ma io posso andare in vacanza solo ad agosto! Mi pare di capire che ti rifiuti di sventolarmi con le piume. Me ne ricorderò :)

    RispondiElimina