mercoledì 2 febbraio 2011

Scusate se mi ripeto (Identità golose 2011)



Potete dire che tutto dipende dal fatto che sono collocata fisicamente, sentimentalmente e culturalmente al di sotto della linea gotica, della linea Gustav, della linea Luni-Monselice e di qualsiasi altra linea vi piaccia citare, eccetto l'Equatore. E probabilmente avete ragione. Lo sono, è un fatto, ed è tra i fatti che determinano il modo di essere e di pensare di una persona, non c'è dubbio. Al DNA non si sfugge.
Perché mi rendo conto che sto per dire cose già dette e rischio di sembrare una rimbambita o una fissata e di farmi l'eco da sola, nel raccontare cosa mi è piaciuto, soprattutto, di Identità Golose, il congresso di cucina d'autore sognato, pensato e voluto da Paolo Marchi  e giunto alla settima edizione.
Mi è piaciuto incontrare bloggers che già conoscevo ed altri che non avevo mai guardato negli occhi; mi è piaciuto ritrovare alcune persone con le quali sto veramente bene, mi diverto, scherzo, mi intendo, e che non si prendono spaventosamente sul serio (grazie al cielo); mi è piaciuto respirare un'aria impregnata di passione e idee, alcune ottime, altre meno; mi è piaciuto (moltissimo) che Paolo Marchi (che ringrazio per questo) abbia avuto fiducia nei blogger al punto da invitarne alcuni a presentare gli chef che hanno partecipato a "Un risotto per Milano" (ad esempio le mie amiche Lydia, Edda e Maricler).
Ma soprattutto mi è piaciuto (ed ecco che arrivano il Dna e la linea, quale che sia) Gennaro Esposito che ha presentato due piatti geniali che sembravano pensati per me, che rispecchiavano i miei gusti in maniera talmente fedele da spaventarmi, e lo ha fatto nel suo solito modo, vale a dire con impeccabile professionalità mai disgiunta da naturale simpatia e grande capacità comunicativa, con l'aria di chi non sta facendo niente di straordinario e invece fa miracoli, con la svagatezza, il sorriso e il "colore" di una persona che non si atteggia mai ad artista o a genio e invece, diciamolo ad alta voce, lo è.
Sarà la linea gotica? No. E' che Gennaro è un grande chef e una grande persona. E, anche questo, è un fatto.

Lydia presenta Daniel Canzian de Il Marchesino




Fabrizio là dove gli piace stare :-)


Gennaro...

16 commenti:

  1. La foto di fabrizio è la foto dell'anno!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Giò,il risotto al limone e triglia Gennaro l'ha fatto, quando è stato ospite all'ultima puntata de "La scuola. Cucina di classe", per cui l'ho assaggiato e posso dire che ne avrei mangiato 4 piatti, se avessi potuto!! Mariella

    RispondiElimina
  3. con cotanto soggetto (fotografico), come dare torto a Lydia ?!
    Baci
    F

    RispondiElimina
  4. @Lydia: proponiamola per il Pulitzer :-)

    @Manuela: grazie! E' stato un vero piacere rivederti.

    @Mariella: BEATA TE! No, dico: BRODO di limone (svengo), triglia leggermente marinata (ho il deliquio), crema di broccoletti neri (mi legge nel pensiero?), pelle di burrata... è un risotto perverso.

    @Fabrizio: la prossima volta si rifà, con pubblico plaudente, però :-)

    RispondiElimina
  5. Giovanna....ma sai che in questo momento invidio tanto la "tua linea"?? perchè fra tutti gli interventi quelli che più mi hanno stimolato sono stati quelli di Gennaro Esposito (il risotto ha folgorato anche me...e il brodo di limone mi è entrato dritto nel cuore e sulle pagine del mio quaderno di appunti con tanto di etichetta MUST DO), Gino Sorbillo e Lugi Dell'Amura perchè toglietemi tutto ma non la pizza...e la loro è una gran pizza!

    Un sorriso grande,
    D.

    RispondiElimina
  6. ma nessuno faceva la scarpetta nelle pentole? :-)))

    RispondiElimina
  7. @Diletta: e la minestra maritata in versione marinara? Pensa che mi ha intrigata talmente da farmi superare il mio odio per stoccafisso e affini, è entrata anche lei nei "MUST DO". E' un'assoluta genialata.

    @Emidio: purtroppo NO. Altrimenti mi avresti vista sgomitare brutalmente passando sul cadavere di chiunque, inclusi amici e conoscenti :-)

    RispondiElimina
  8. @ Emidio - la verità è che il piatto di Torino scarpettato era meglio ;o)

    RispondiElimina
  9. e io quello volevo dire... la pulizia certosina fatta da me e guyetta delle pentole di gricia e pasta e fagiolo avellinese e' stata immortalata e non lascia dubbi, continuo a pensare che sempre piu' spesso quello che fa la differenza e' la carta e non il contenuto del regalo ;-)

    RispondiElimina
  10. @Emi', meno male che non c'eri: a un certo punto ho visto commettere un atto talmente scellerato sulla pasta che sono uscita dalla sala insieme a Lydia. Vabbe' che la pasta in sé era scellerata di suo, vista la marca... :-)

    RispondiElimina
  11. Bello aver conosciuto Fabrizio, bello aver visto Lydia (che è stata magnifica, naturale, simpatica, brava!) Un bacio a tutti!

    RispondiElimina
  12. Giovanna, sono stata veramente contenta di averti conosciuta.
    Come sempre, bellissime le tue foto !!!! Specialmente, la foto con il nuovo Chef !!!!
    Un bacio.
    vIRGINIA

    RispondiElimina
  13. E' sempre un gran piacere incontrarti!!!

    E poi, a dir la verità, siamo tutte un po' fissate... Gennaro forever!

    RispondiElimina
  14. @Maricler: anche voi siete stati molto disinvolti. Fabrizio poi ha un avvenire come conduttore televisivo :-)

    @Virgikelian: anch'io! Un bacione!

    @Mafaldina: dobbiamo fondare un vero e proprio fan club, e la tessera numero uno la diamo a Giuseppe :-)

    RispondiElimina
  15. E' stata una bellissima edizione e non so chi si sia divertito di più :)

    RispondiElimina