martedì 22 febbraio 2011

Dalla soffitta


I quaderni di ricette sono come un ripostiglio in cui conservi le cose per poi dimenticarle. E quelli più vecchi sono, a volte, dei repertori di crimini culinari commessi per ignoranza, inconsapevolezza, ingenuità. Mi vergogno di me stessa quando scovo ricette che mi sembravano ottime e contengono il dado, per esempio, o hanno tempi di cottura assurdi, o quantità inverosimili di lievito, e mi vergogno ancora di più quando penso che ce ne sono alcune che ancora girano nel web mio malgrado. Tra qualche anno mi sembrerà vergognosa anche qualche ricetta di questo blog, e meno male, perché significa che avrò imparato qualcosa in più.
Però nel ripostiglio si nascondono anche alcune cose buone, ormai neglette a causa di nuove tendenze, nuovi gusti, nuovi capricci, come Calimeri piccoli e neri, e capita che valga la pena di riscoprirle. 
Questa focaccia morbida, quasi briosciata, venne preparata in un raduno del forum della Cucina Italiana da un'amica brava e simpatica che non ho più incontrato, Alessandra C., e conquistò tutti i partecipanti. L'ho rifatta tal quale, abbassando solo la quantità di lievito. Continua a piacermi tanto. Ma tanto.

Focaccia morbida ripiena di Alessandra C.

250 g di farina 0 (forte)
250 g di farina 00
1 patata (200 g circa) cotta e ridotta in purea
125 g di yogurt naturale
100 g circa di acqua a temperatura ambiente 
12 g di lievito di birra
3 cucchiai di olio
2 cucchiaini di zucchero
1 cucchiaino di sale.
Ripieno: 
150 g di mortadella
150 g di fiordilatte sgocciolato
un cucchiaio di parmigiano grattugiato.
Inoltre: 1 tuorlo, 1 albume, 1 pizzico di sale, 1 cucchiaino di latte.


Sciogliere il lievito e lo zucchero nell’acqua, mescolando bene. Setacciare le farine e fare la fontana. Mettere al centro della fontana la patata intiepidita, l’olio, e cominciare ad impastare aggiungendo il lievito sciolto e lo yogurt. Alla fine aggiungere il sale. Si otterrà una pasta molto morbida e un po’ appiccicosa. Non aggiungere altra farina: formare una palla e porre a lievitare in una ciotola per circa due ore o comunque fino al raddoppio, coprendo con un canovaccio. 
Infarinare leggermente piano di lavoro e matterello. Sgonfiare delicatamente la pasta e dividerla in due parti. Stenderla sottilmente formando 2 dischi, di cui uno leggermente più grande dell’altro. Rivestire di carta forno una tortiera tonda (circa 28 cm di diametro) e con il disco di pasta più grande ricoprirne il fondo e i bordi, alti un paio di dita. Distribuire sopra il disco di pasta il fiordilatte e la mortadella tritati grossolanamente e mescolati con il parmigiano. Ricoprire con l’altro disco di pasta saldando i bordi con un poco di albume. Far lievitare sempre coprendo col canovaccio per circa un'ora.
Preriscaldare il forno a 200°. Pennellare delicatamente la focaccia con la miscela di tuorlo, latte e sale ed infornare per 25-30 minuti. La superficie deve essere dorata.

19 commenti:

  1. questa focaccia e'beautiful!!!!

    RispondiElimina
  2. che bontà, piatto unico strepitoso

    RispondiElimina
  3. ho appena visto una pubblicità in cui due tipi mangiano con estasi un piatto di pasta al pomoodoro con un simil-dado..ma che cacchio c'entra il dado con la qualunque e soprattutto con la pasta al pomodoro??
    Nel mio quadernetto ci sono un sacco di ricette con la margarina, e dire che anche ai tempi "d'oro" fortunatamente in casa mia si è sempre usata poco :)


    Ti lascio con un bacio (e tanta voglia di un forno!)

    RispondiElimina
  4. devo assolutamente riprodurla, è venuta divinamente!!!
    ma le farine devono essere manitoba e '00? oppure '0 e '00?

    RispondiElimina
  5. Fantastica questa focaccia!!!! Quella fetta fa venire una voglia di mangiarla pazzesca!!!

    RispondiElimina
  6. lo stomaco fa gluglu glu.
    Ai tempi del liceo (teimp' bell' e na'vota) c'era - e credo ci sia ancora - una salumeria che vendeva la stessa focaccia di fronte al Mercalli a via Andrea d'Isernia (NA). Don Nicola ... quanti soldi gli abbiamo lasciato ...
    Faceva pure il ripieno salsiccia a friarielli ...
    Bacio
    F

    RispondiElimina
  7. @Mirtilla: grazie, sei sempre gentile.

    @Passiflora: preparo pochissimi piatti unici, torte salate & c. Questa mi piace e diventerà un'ospite fissa.

    @Cibou: che bello rileggerti! Ho visto anch'io quella pubblicità e alcune altrettanto cretine... Volevo anche fare una segnalazione per pubblicità ingannevole a quella delle 196 sfoglie nella pasta sfoglia 0___0.
    La margarina c'è anche nel mio quaderno. Mai usata, ma c'è.
    Un abbraccio grandissimo!

    @le ricette dell'amore vero: 00 e una 0 forte. Di solito io uso una farina per panificazione. Anche la Manitoba è una 0 forte, quindi va bene.

    @Tery: grazie, in realtà la foto non mi piace ma non avevo di meglio :-)

    @Fabrizio: quando ho ri-assaggiato questa focaccia ho pensato la stessa cosa: salsicce e friarielli :-). Simm'e Napule, paisa' :D

    RispondiElimina
  8. sempre alla ricerca di ricette nuove ci si perde quelle già "testate" e ottime come questa, grazie per averla divulgata ;-P
    Ciao!

    RispondiElimina
  9. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Ho un ricordo vago di discussioni nel forum in merito all'utilizzo della patata nell'impasto: era la prima volta che ne sentivo parlare! Non ricordo invece minimamente la quantità di lievito utilizzata inizialmente, ma 12g con i giusti tempi di lievitazione, mi sembrano perfetti. La foto della fetta a me piace e pure parecchio: un'idea di morbida scioglievolezza... da mordere anche a colazione, complimenti!

    RispondiElimina
  12. bello rispolverare vecchie ricette ogni tanto...soprattutto se così buone :)

    RispondiElimina
  13. @Acquolina: ma grazie a te!

    @Barbara: sono tante le scoperte fatte negli anni belli del forum, e tu ne eri l'archivio vivente ;).

    @Gio:ogni tanto dare una sfogliata ai polverosi scartafacci è d'uopo. Devo farlo più spesso :)

    RispondiElimina
  14. ciao!!!
    complimenti per il tuo blog mi piace moltissimo!!!ci sono un sacco di ricettine interessantissime!!da oggi ti seguirò con interesse!!mi sono messa tra le tue sostenitrici così non ti perdo di vista!!
    se ti va di fare un salto da me a dare un'occhiata mi farebbe molto piacere!!=)
    ps.ho visto che sei di firenze!!
    io ci vengo questo week end =)...consigli su cosa visitare ma ancor di più su i prodotti e i dolci tipici di firenze?! e magari qualche negozio o pasticceria particolarmente buona?!
    se puoi rispondere sul mio blog ne sarei felice!=)
    ti ringrazio in anticipo e ti auguro un buon pomeriggio a presto ... valentina di
    ominipasticcini.blogspot.com

    RispondiElimina
  15. effettivamente dagli ingredienti non è niente male

    RispondiElimina
  16. Carissima, questa focaccia deve essere una vera delizia. Se permetti, copio la ricettina. Hai fatto bene a ritrovarla....
    Un bacio.
    Virginia

    RispondiElimina
  17. Che gustosa e goduriosa ricetta, complimenti ciao

    RispondiElimina
  18. La focaccia e la pizza sono i miei talloni d'Achille, non riesco a resistergli!!!
    Proverò volentieri la tua versione!

    RispondiElimina
  19. @Valentina: Grazie! Non sono di Firenze. Lo è la mia "socia", Lisa. Io sono di Napoli :-)

    @Gunther: sì, è buona, morbida e molto saporita, e te lo dico da non-fan della mortadella.

    @Virginia: ma certo copia, siamo qui per questo :-)
    Un abbraccio!

    @Stefania: grazie!

    @More: poi fammi sapere com'è andata, mi raccomando.

    RispondiElimina