mercoledì 19 gennaio 2011

Elementare, Watson




Sempre scusandomi per la mostruosità dell'immagine, scattata in condizioni immaginabili il 24 dicembre, a tavola, mentre il piatto si raffreddava inesorabilmente e la fotocamera si ribellava all'orrenda luce artificiale, pubblico questa elementare ricetta preparata, appunto, per il cenone della Vigilia. Che poi è stato una cenina, più che un cenone, visto che eravamo solo in tre, due dei quali attaccati alla TV e il terzo, anzi la terza, attaccata ai fornelli suo malgrado come un mulo alla stanga.
Fortuna vuole che le feste siano archiviate. E io faccio lo sciopero della cucina e campo di avanzi congelati.


Spaghetti con carciofi, triglie e vongole

Per 4 persone:
320 g di spaghetti
1 kg di vongole
4 triglie di scoglio sfilettate
3 spicchi d'aglio
olio, sale
peperoncino

In una casseruola grande, far aprire le vongole coperte, a fuoco vivo, dopo averle lasciate a bagno in acqua e sale, coperte e al buio, per alcune ore.
Sgocciolarle, sgusciarne la maggior parte e conservarne qualcuna per la decorazione. Filtrare il liquido di cottura e coprire con esso le vongole.
Mondare i carciofi, conservandone solo i cuori con un pezzetto di gambo, tagliarli a spicchi sottili tenendoli a bagno in acqua e limone perché non anneriscano.
Far dorare uno spicchio d'aglio in poco olio, aggiungervi i carciofi, farli insaporire, quindi aggiungere poca acqua, coprire a lasciar cuocere finché diventano teneri. Salare con moderazione, ricordando che il liquido delle vongole è sapido.
Mettere in padella il secondo spicchio d'aglio con poco olio e rigirarvi le vongole sgocciolate per due o tre minuti, a fuoco basso.
In una padella antiaderente con un filo d'olio cuocere le triglie sfilettate, dal lato della pelle, per pochi minuti. Salarle. Ridurre la polpa dei filetti a bocconcini senza sminuzzarla eccessivamente.
Far dorare il terzo spicchio d'aglio in abbondante olio. Aggiungervi parte dell'acqua filtrata delle vongole, quindi un mestolino dell'acqua di cottura della pasta (che nel frattempo avrete cominciato a cuocere), roteando delicatamente la padella per creare un'emulsione leggermente cremosa.
Scolare la pasta molto al dente, versarla nella padella dell'emulsione insieme ai carciofi e alle vongole e mantecarla brevemente. Spegnere il fuoco, aggiungere la polpa delle triglie, mescolando rapidamente.

19 commenti:

  1. Non è poi così brutta quella vongola in primo piano ;) ciao e buonissima ricetta

    RispondiElimina
  2. Non ho fatto grandi cene, ma sono in sciopero anch'io...

    RispondiElimina
  3. Gio,ci credi se ti dico che ho il freezer MU-RA-TO. Credo di poter campare senza passare al supermercato almeno fino a fine Febbraio, quando sarà poi il momento di prepararsi per la Santa Pasqua, in modo da arrivare poi con gli avanzi fino a Giugno ;o)

    RispondiElimina
  4. Almeno tu le foto le fai! Ci sono delle volte che sono talmente presa nel servire gli ospiti che mi ricordo della foto solo quando addentano l'ultimo boccone ...

    RispondiElimina
  5. hai "svecchiato"il classico spaghetto con le vongole napoletano del 24 dicembre sera :)

    RispondiElimina
  6. evviva la pasta alle vongole, evviva lo sciopero! tra un poco riprendiamo eh..

    RispondiElimina
  7. @Stefania: vabbe', salviamo giusto la vongola ;-)

    @Marina: oh, così si fa! Tutti in sciopero, forse così verremo apprezzati di più dopo :-)

    @Fabrizio: ahahahah! Per un attimo mi è parso di vederti circondato da avanzi ghiacciati con un'enorme pancia tondeggiante mentre cerchi di dar fondo a tutto prima di Pasqua :-))))

    @Twostella: sapessi quante foto non ho fatto! Mi propongo di farle quando scongelerò gli avanzi. La storia delle foto è uno stress.

    @Mirtilla: l'intenzione era quella. Ero così stufa del rispetto della tradizione ad ogni costo di mia madre... Ho cercato di rispettarla a modo mio.

    RispondiElimina
  8. @Hysteria Lane (ti ho mai detto quanto mi piace questo titolo/nick?): a piccoli passi, mi sa che riprendo già stasera...

    RispondiElimina
  9. Ci metterei la firma per "campare" con i tuoi avanzi congelati e non scherzo cara la mia sopravvissuta dalle feste e da qualche manuale per TV! :DDDD haahhaahahahaha

    RispondiElimina
  10. Splendida ricetta nella sua semplicita sicuramente ricca di sapori speciali. Mi hai fatto ridere quando hai scritto definendo chi cucinava, penso tu: "attaccata ai fornelli suo malgrado come un mulo alla stanga". Mi sono rivista io durante tutte le feste ed ogni ricorrenza comandata. Un saluto affettuoso
    M.G.

    RispondiElimina
  11. Bello il "cenone".... con la cuoca che spignatta 'ste delizie !!! hahahahaha
    Ottima direi...

    RispondiElimina
  12. Vongole ,triglie e carciofi....una bella abbinata saporita.....

    RispondiElimina
  13. Non avrei mai pensato di abbinare i carciofi (che mi piacciono tanto) al pesce. Vedi ho imparato qualcosa, grazie

    RispondiElimina
  14. Che salivazione..... Nata dalla foto, il che vuol dire che la foto va bene cosi'!!!!!

    RispondiElimina
  15. @Gambetto: lascia stare i manuali, ormai il manuale sono io! Devo cominciare a farmi pagare per installazione di decoder, collegamento e sintonizzazione di video registratori, risoluzione di problemi connessi al funzionamento di ogni apparecchiatura tecnologica in casa di mia madre e di mio suocero...


    @Picetto: eh, sì, il mulo sono io. E pensare che mi sono proposta mia sponte...

    @Jajo: al prossimo cenone mi autoinvito da te, così voglio vedere se continui a ridere :-)

    @Mari e Fiorella: anche triglie e carciofi da soli sono ottimi. Ve li consiglio.

    @Tiziana: come dicevo sopra, anche solo triglie e carciofi insieme stanno molto bene. Ottimi i carciofi con le seppie, i calamari...

    @Corrado: grazie per l'indulgenza:-)

    RispondiElimina
  16. da provare anche se io non amo particolarmente le triglie
    buon we!

    RispondiElimina
  17. Ciao, innanzi tutto piacere di conoscere te ed il tuo blog, che tralatro mi piace un sacco ^_^

    Per la foto dai che mica è brutta!! a me piace coglie l'attimo! eheh e poi ti dirò due spaghetti così adesso me li mangerei proprio eheh.

    Mi aggiungo con molto piacere ai tuoi lettori in attesa di altre ricette ^_^
    A presto! Eri

    RispondiElimina
  18. Ciao!
    Scusa tantissimo l’effetto “spam”, ma abbiamo pochissimo tempo per avvisare tutti! Dopo il successo della precedente contro l’omofobia, decolla una nuova iniziativa food-bloggers contro l’atteggiamento indegno del Governo nei confronti delle donne. Qui trovi tutte le info. Vieni a leggere, grazie!
    http://merendasinoira.wordpress.com/2011/01/24/entro-il-6-febbraio-liberiamoci-del-maiale/
    http://kemikonti.blogspot.com/2011/01/nuovo-post.html

    RispondiElimina
  19. per essere una foto scattata sotto una luce artificiale, mentre la pasta si raffreddava, per il cenone della vigilia, direi che è bellissima. Io ho avuto lo stesso problema e...l'ho risolto cucinando di nuovo le pietanze della vigilia per fotografarle come si deve!

    RispondiElimina