venerdì 10 dicembre 2010

Vie di fuga


Nota di Giovanna: La presento come fosse l'ospite internazionale sul palco del varietà del sabato sera, visto che si palesa di rado: questo post è di Lisa. Già; dopo innumerevoli incidenti di percorso con l'ADSL e non solo, ella è viva e lotta insieme a noi :-))).

Quali sono le vostre? Intendo le vostre vie di fuga dal Natale, ammesso che come me vogliate scappare dalle lucette, palline, alberelli, presepi, regali, parenti, pranzi, cene, etc...
Per fortuna il lavoro mi protegge da gran parte dei ritrovi parentosi, ho una scusa ottima: "Ah, mi piacerebbe moltissimo ma non posso..." (risata sadica); allo stesso momento il mio amato lavoro mi condanna a giornate tragiche (risata isterica).
In buona sostanza non ho comprato nemmeno un regalo, non ho la più pallida idea di cosa regalare, non ho voglia nemmeno di provare a pensarci, mia madre mi stressa con improbabili menu natalizi da propinare ad incauti parenti, mio figlio mi guarda storto, il mio fidanzato mi sopporta (non so per quanto).
Ed io nel frattempo mi rilasso guardando "Hell's kitchen"...
Voi, in caso di necessità, provate questa cura alla disforia isteroide:



Fondant al cioccolato (tratto dalla ricetta di Trish Deseine)


200 g di cioccolato fondente al 70%
200 g di burro
250 g di uova
180 g di zucchero
20 g di farina
1 bacca di vaniglia
1 cucchiaino da caffè di sale Maldon

In una bastardella, a bagnomaria, fondere il cioccolato con il burro.
Appena pronto (non aspettare che si raffreddi) unire lo zucchero.
Con l’aiuto di una frusta aggiungere le uova, una alla volta.
Unire il sale e la farina setacciata.
Cuocere a 175° per circa 18-20 minuti. E' migliore dopo un giorno di riposo in luogo fresco (non in frigo).
Accompagnare a piacere con panna montata, con gelato o con una crema inglese
.
Si presta benissimo a diverse aromatizzazioni: con cannella, zenzero, è ottimo con scorzette di arancia candite tritate ed aggiunte alla fine, oppure con pepe di Szechuan macinato.

11 commenti:

  1. Bentornata Lisa!!! Il tuo fondant mi piace di piu' di quello della Trish, nel tuo c'e' un po' di sale, che esalta gli altri sapori.
    Anch'io non mi perdo una puntata di Hell's Kitchens. A parte qualche americanata, qualche finzione TV e qualche partaccia, al povero Gordon prima o poi verra' un infarto. Ma almeno lo pagano bene :)

    RispondiElimina
  2. E' un piacere rileggerti, Lisa.
    Non ho più un lavoro che mi salvi da riunioni parentali e co....ma creo assenze correndo a corsi di cucina o ad impegni...improrogabili!
    Questo dolce è un balsamo, per il cuore anche!
    Buone Feste ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao Lisa
    anch'io in questo periodo faccio sempre tardi a lavoro, soprattutto in vista di riunioni familiari.. eh eh eh :)
    ottimo il fondant :)

    RispondiElimina
  4. grande dolce per piccole fughe...no comment per hllktchn...purtoppo funziona così in troppi ristoranti veri non ho bisogno di risvegliare brutti ricordi ora che mi pagano per stare a casa con la famiglia...

    RispondiElimina
  5. Figuriamoci come è difficile sopportare un bocconcino come te che oltre ad essere la persona che è ha una produzione di torte di mele da far impallidire il sig.Marlene
    jo

    p.s.
    il fondant é pornografico "Bella e Brava"

    RispondiElimina
  6. non si può non seguire questo blog....così eccomi qui!!!!Da oggi sono dei vostri!! ^^
    Se vi va d dare un occhiata al mio bloggino nuovo di zecca.....un bacio....
    Flavia

    RispondiElimina
  7. Che bello ritrovare Lisa online! E per di più con una ricetta golosa :) evviva!

    RispondiElimina
  8. Ciao!!!!
    Bellissimo blog, veramente molto interessante!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Non parliamo delle vicinissime feste, mai come quest'anno sono "veramente" in alto mare!!!!
    Un dolce meraviglioso, complimenti!!!!!
    A presto!!!!!

    RispondiElimina
  9. Per favore, mettete il post completo nel feed. Chi usa un feedreader e vede solo il titolo del post, vi odia ogni volta che vede un aggiornamento :)

    RispondiElimina
  10. @Marco: la ragione della scelta dei feed brevi è semplice: il web è pieno di siti-canaglia che pubblicano il materiale altrui in automatico attraverso i feed senza citare la fonte. Non ho intenzione di render loro la vita più facile :-)
    Odiarci per dover cliccare su un link mi sembra eccessivo...

    RispondiElimina
  11. @giovanna: se segui 30 blog al giorno, lo e'. Addio senza rimpianti, non credo che non esistano misure piu' furbe di questa.

    RispondiElimina