lunedì 4 ottobre 2010

Belle scoperte

Da anni volevo provare la cucina di Marennà, il ristorante delle cantine Feudi di San Gregorio a Sorbo Serpico, in Irpinia. Poi un giorno da qualche parte lessi delle parole poco lusinghiere che mi fecero desistere. Meglio non ascoltare e fare di testa propria, invece io ascoltai. Male, perché mi sono persa una bella esperienza per troppo tempo.
In occasione della Festa a Vico, poi, è accaduto qualcosa che ha cambiato tutto. Nel corso dell'ultima serata, alle Axidie, ho assaggiato una brioche con sorbetto di mandarino tardivo e spuma di mascarpone e zafferano preparata proprio dalla pasticciera del Marennà. E ho perso la testa.
La brioche più soffice e deliziosa che abbia mai mangiato. Avreste dovuto vedere Lydia passeggiare divorando la sua seconda brioche sotto gli occhi attoniti degli astanti... Ed essendo Lydia una brioche-dipendente, qualcosa dovrà pure significare.
Così, mi sono dimenticata dello (s)consiglio e ho deciso che sarei andata da Marennà. Il mio anniversario di matrimonio è stato l'occasione giusta.


Una cena quasi perfetta. Piatti curati, leggeri, deliziosi, una sala moderna e piuttosto minimalista ma tutt'altro che fredda, personale accogliente, amichevole, sollecito il giusto, sorridente.
Il "quasi" che ho anteposto a "perfetta" è dovuto a uno degli amuse-bouche, precisamente il gelato di polenta con scaglie di tartufo che vedete qui sopra. Piuttosto insapore. Ma sul resto non ho nulla, proprio nulla da dire. Freschissima e delicata la capresina al bicchiere (altro amuse-bouche):


Gli antipasti, impeccabili. Non saprei decidere se ho preferito il carpaccio di capesante e pomodoro con burrata di bufala...


O la battuta di scottona con crema di ricotta, minuscoli carciofini e olio al mandarino (carne meravigliosa, ricotta fan-ta-sti-ca):



Buonissime le candele spezzate ripiene di gamberi con cipollotto e lupini:


E anche le fettuccelle alle alici, finocchio, limone e zafferano (un solo appunto: le alici poco percettibili, ma il piatto era comunque ottimo):


Porzioni ben calibrate, piatti leggeri, tanto che siamo riusciti, per una volta, a non saltare il secondo.
Baccalà e zucchina con condimento alle foglie di sfusato:


E il galletto con porcini e crema di parmigiano (molto equilibrato: il parmigiano rischiava di prevalere, e invece no):


memore della brioche, avrei dovuto sapere che la pasticceria sarebbe stata il momento migliore della cena. Ma sono donna di poca fede. Quando abbiamo lodato la famosa brioche e ci è stato detto che, in formato mignon, avrebbe accompagnato il predessert, io non stavo più nella pelle e mio marito era pieno di aspettative, avendogli io fatto una capa tanta per diversi mesi con le mie descrizioni.
E infatti, la piccola brioche era un sogno. E il sorbetto al limone con spuma di cioccolato bianco e basilico assolutamente delizioso.



Come dessert, per entrambi soffiato alle nocciole avellane, gelato di ricotta, pere pralinate.
Il gelato, favoloso. Appena dolce, gusto fresco di latte. Il soffiato, friabilissimo. Un soffio, appunto. Le pere pralinate, stupefacenti. Dadini di pera con un lieve gusto di nocciole caramellate.

E per concludere, caffè e piccola pasticceria.



Lo chef, siciliano, è Paolo Barrale. La pasticciera, irpina, Filomena Ferretti (grande, questa ragazza!).
Belli e buoni i pani assortiti e i grissini. Aperitivo con spumante dei Feudi, ciotolina di olio, sempre della casa (un magnifico Ravece).
Antipasti: tutti 12 euro. Primi: tutti 12 euro. Secondi: tutti 18 euro. Dessert: tutti 12 euro.
Caffè e spumante: offerti.
Rapporto qualità/prezzo, secondo me, eccezionale. Una stella Michelin conquistata dopo solo tre anni di attività.
Ho già deciso che è uno dei miei ristoranti preferiti. :-) Andateci!

Marennà - Località Cerza Grossa - 83050 Sorbo Serpico (AV) - tel. 0825986666

11 commenti:

  1. Quella brioche della squadra del Merennà mangiata a Vico è stata, senza esagerazione, la miglior brioche della mia vita.
    Migliore delle tante mangiate in Sicilia, migliore delle svariate mangiate a parigi e di quelle che ho mangiato a Napoli per una vita.
    Era un soffio, una nuvola.
    Se la giovane pasticcera del Merennà mi leggesse e mi facesse la grazia di raccontarmene il suo segreto, le sarei grata per sempre

    RispondiElimina
  2. bellissime foto davvero,molto molto invitanti :)

    RispondiElimina
  3. a digiuno di foto come al solito per ora, so che posso fidarmi ciecamente dei tuoi consigli :)

    Se il nostro anniversario capitasse in un periodo meno sbattuto ce lo porterei di peso, il marito :)

    RispondiElimina
  4. Giovanna, anzitutto AUGURONI di buon anniversario !!!!
    Peccato essere così lontani dal Marennà.... Che prelibatezze!!!!!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  5. Auguroni di buon anniversario!!
    PS
    Una domanda...ma presi da cotanta cena gli auguri voi ve li siete fatti a vicenda brindandoo eravate troppo presi dall'arrivo dei dolci?! :P ahaahahahahhahah

    RispondiElimina
  6. Ciao Giovanna, i nostri complimenti per il tuo post e per le "appetitose" foto. Attraverso le tue parole ci hai guidato in un viaggio attraverso i sapori, dall'incontro con la brioche al tanto atteso dolce di fine pasto con cui hai festeggiato il tuo anniversario(tanti auguri!)che ci ha davvero colpito.
    Grazie per essere venuta a trovarci, siamo sicuri che ci reincontreremo presto :)
    Nel frattempo aspettiamo una tua opinione anche sui nostri vini: restiamo in contatto sulla Fan Page di Facebook "I Vini dei Feudi di San Gregorio"!
    saluti
    Novella
    Team Feudi di San Gregorio

    RispondiElimina
  7. Novella, ti prego, mi metto in ginocchio, giurando solennemente di non divulgarla, posso avere la ricetta della brioche?
    Giuro che è solo per il mio consumo, non ho un ristorante, non ho una pasticceria, ho un blog, ma se non vorrete mai la pubblicherò lì

    RispondiElimina
  8. @Lydia: mi unisco all'appello, ma ho poche speranze...

    @Mirtilla: piatti invitanti = foto invitanti :-)

    @Cibou: portacelo anche senza anniversario. Ne vale la pena e non è nemmeno proibitivo.

    @Virgikelian: grazie! Un bacio anche a te.

    @Gambetto: i brindisi non ce li siamo fatti mancare. Sono più validi quando si appoggiano su qualche piatto meritevole :-)

    @Novella: grazie a voi, siamo stati davvero benissimo e ci rivedremo senza dubbio.

    RispondiElimina
  9. L'ennesima ottima segnalazione: mi appunto anche questa ;-)
    E MILLE AUGURIIII !!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Giovanna! Di questo ristorante me ne aveva parlato tempo fa anche un amico irpino, ma non ci sono ancora stata. Bisogna rimediare.
    Lydia, la tua faccia mentre mangi la brioche di Marennà è qualcosa di indimenticabile!

    RispondiElimina