lunedì 19 luglio 2010

Siamo fritti


L'aria, fuori, è bollente. Il tasso di umidità è inquietante. Nemmeno la notte porta sollievo.
Eppure, in qualche modo ho trovato il fegato per mettermi a friggere dentro una cucina che è un tavuto (parola napoletana che possiamo tradurre con bara), chiusa da tutte le parti, con un finestrino minuscolo, progettata da un pazzo o forse da un vampiro, nemico di aria e luce, proprio qui a Ischia dove di luce e di aria ce ne sarebbero a iosa. Insomma, sono più fritta io delle zucchine che ho usato per queste linguine alla Nerano.
Nerano è un delizioso paesino della Costiera Sorrentina che ha una splendida spiaggia, Marina del Cantone, lungo la quale si susseguono trattorie e ristoranti piacevolissimi da frequentare in primavera. Questo piatto fu ideato da Maria Grazia, dell'omonimo ristorante, e poi ripreso in tutta la costiera. Da Maria Grazia manco da vent'anni, ma la sua semplice eppure gustosissima creazione la preparo spesso, d'estate. In realtà non so se questa ricetta sia fedele all'originale; ci sono tanti tentativi di imitazione e la ricetta autentica, forse, non la conosce nessuno.
Per qualche anno ci fu chi immaginò che la cremosità del piatto fosse data da uova (e che è, 'na carbonara?) o da panna, ma per fortuna sembra ormai assodato che non ci sia né l'uno né l'altro ingrediente.

P.S.: Misteri dell'amicizia, o forse scarsità di fantasia: io e Lydia abbiamo scoperto che avremmo pubblicato la stessa ricetta lo stesso giorno :-) . Pazienza, vuol dire che ne avrete due versioni. Two is megl che one :-)))

Linguine alla Nerano

Per 4 persone:

360 g di lunguine
6 o 7 piccole zucchine (ma non piccolissime)
50 g di provolone di Sorrento, dolce
50 g di parmigiano
80 g di caciocavallo
due spicchi d'aglio
un mazzetto di basilico
pepe nero
olio
sale

Tagliare le zucchine a rondelle non troppo sottili e friggerle in olio extravergine d'oliva fino a leggera doratura. Sgocciolarle e metterle in una terrina, a strati, condendo ogni strato con sale, abbondante basilico spezzettato, uno spicchio d'aglio schiacciato, pepe nero e olio evo. Togliere dalla padella l'olio in eccesso e lasciarne un paio di cucchiaiate.
Lasciar riposare le zucchine per una mezz'ora.
Nel frattempo, lessare la pasta al dente, saltarla quindi nella padella delle zucchine con l'olio rimasto. Aggiungere i formaggi grattugiati e le zucchine e mantecare a fuoco basso per pochi istanti, eventualmente con un po' di acqua di cottura della pasta. Spegnere il fuoco, unire altro basilico spezzettato (TANTO basilico) e altro pepe nero e servire.



19 commenti:

  1. Ecco, Nerano! Mi hai fatto venir voglia di Jeranto, uffa..

    RispondiElimina
  2. @ Hysteria, a Jeranto puoi arrivarci solo a nuoto oggi, è parco marino e da qualche anno non si può più attraccare

    @ Giò, grandissima fantasia!!

    RispondiElimina
  3. Giovanna, mi sa che, visto l'eccesso di calura, è arrivato il momento di appendere l'accendigas al chiodo e svaligiare CALISE.
    Un abbraccio
    Fabri

    RispondiElimina
  4. che buone devono essere, ho proprio delle zuchine da consumare...

    RispondiElimina
  5. Gia' viste di la', e qui che posso dire? Ah, si. L'aglio!! Qui c'e' un bel vigore. Vorrei essere li' dalle vostre parti e gustare le vostre versioni....

    RispondiElimina
  6. Camilleri dice "tabbuto" :-)
    Ma lo vedi che siete Totem Gemelle ! Perfino le stesse parole sulla spiaggia e il ristorante :-D

    RispondiElimina
  7. bone!! gnamm.. irresistibili=)
    passa a trovarci!
    www.modemuffins.blogspot.com

    RispondiElimina
  8. Due versioni di due grandi che onore! Malgrado lo stato frittoloso caloroso una pasta cosi' non si rifiuta, sei coraggiosa anche tu!
    Un abbraccio luminoso

    RispondiElimina
  9. ...bello buono...e vorrei essere nel mediterraneo, pure con cucina vampiresca...in vece qui fa freddo...

    RispondiElimina
  10. @Hysteria lane: eh, già, ha ragione Lydia, e direi meno male! :-)

    @Lydia: sì, siamo proprio vulcaniche.

    @Fabrizio: temo che Calise sia sceso di livello. Pane e salame? ;-)

    @Giulia: bene, prova e fammi sapere!

    @Corrado: prima o poi... Una visitina in Campania?

    @Jajo: facciamo pena, diciamolo.

    @MMM: volentieri.

    @Edda: seeee, vabbe'... due versioni di due mentecatte :-)))

    @Glu.fri: io vorrei essere al freddo. Si fa a cambio?

    RispondiElimina
  11. Una pasta "cremosa" senza uova nè panna è una meraviglia. Brava Giovanna!

    RispondiElimina
  12. questo si che e'un gran piatto!!!

    RispondiElimina
  13. Invidierrima per la cucina, seppur piccolina, ischitana! Ed ottima pasta!!
    ps: la parola di verifica è 'lesse'...ma si può?? :)

    RispondiElimina
  14. non so perché, ma preferisco la versione di Lydia... eh eh!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  15. @Mafaldina: grazie, sei sempre troppo gentile.

    @Mirtilla: grazie anche a te. E' un piatto semplice, ma molto gustoso.

    @Reb: forse allude alla mia attuale condizione fisica ;-))) Grazie per la visita!

    @Roby; chissà perché, ne ero sicura :-))))

    RispondiElimina
  16. AH... CHE BUONE QUESTE LINGUINE... HO GIà CENATO MA UN BEL PIATTO NON ME LO MANGEREI VOLENTIERI! MI SEGNO SUBITO LA RICETTA... GRAZIE!;-)

    RispondiElimina
  17. Ragazze queste linguine...parlano!Parlano si di una cucina piccola e di un caldo terribile, ma anche di buono, di acquolina e di profumo, che delizia!Complimenti per il vostro blog, curato ed interessante e per le vostre magnifiche ricette!I gamberetti "alla 10 di agosto" qui sotto mi stanno facendo andare in brodo di giuggiole, che meraviglia!Vi seguirò con piacere, sono specializzata in antipasti e ricette salate!^^

    RispondiElimina
  18. @Mirtilla: grazie! Anche a me il caldo non fa passare l'appetito. Anzi, non avendo la forza di muovermi mangio per la noia :-)))

    @Meggy: sei veramente gentile, grazie e benvenuta!

    RispondiElimina
  19. ahahah ma io vado sempre a Nerano e mangio da una vita questo splendido piatto! che buoni e che voglia di ritornare!

    RispondiElimina