giovedì 1 luglio 2010

Meglio il calamaro!


"Meglio il calamaro" è una mia frase ricorrente, la uso spessissimo, si presta bene a parecchie situazioni, volete mettere la versatilità di un calamaro fresco? Non ti delude mai, tosto ed al contempo vellutato, con i giusti abbinamenti è un ingrediente che ti risolve una cena anche in pochissimo tempo, insomma si sposa bene con tutto o quasi... non posso dire altrettanto di me :)

Calamari ripieni con ricotta, colatura di alici e scorza di limone

4 calamari piccoli puliti
100 g. di ricotta mista (mucca e pecora)
50 g. circa di mollica di pane tritata e tostata (non pangrattato industriale)
1 cucchiaio di colatura di alici di Cetara
scorza di limone
olio evo
150 g. di pomodorini
aglio

Lavorate la ricotta con la colatura, la mollica tostata e la scorza del limone grattugiata. Aggiustate di sale solo se necessario.
Mettete la crema ottenuta in un sac à poche e riempite i calamari fermandoli con uno stecchino.
In una padella con poco olio, fate dorare uno spicchio d'aglio schiacciato, toglietelo ed aggiungete i pomodorini tagliati a spicchi.
Unite i calamari, portate a cottura facendo attenzione a non cuocerli troppo. Profumate con basilico solo alla fine.

14 commenti:

  1. che meraviglia!
    io non ho mai cucinato un calamaro, che vergogna...mi sembra bellissimo cotto, ma mi fa senso crudo. :-(
    mi piace da morire preparato dagli altri.

    RispondiElimina
  2. Confesso che sto ancora ridendo! eheheheehe
    Domanda: "Giuppersù" quanto li fai cuocere?
    PS
    Brava davvero :))

    RispondiElimina
  3. Conosco bene questo modo di dire di Lisa. La socia considera il calamaro come termine di paragone per l'intera umanità :-)))) Quando abbiamo avuto a che fare con persone poco affidabili, subdole, cattive, il suo commento, prima o poi, è stato quello: "Ma meglio il calamaro!". Diciamo che, quasi sempre, ne ho dovuto convenire ;-)

    RispondiElimina
  4. Regola: La perfezione e' nella semplicita'. Corollario: E' difficile fare bene le cose semplici.

    Domanda 1 - il basilico l'aggiungi a fine cottura, vero? Non nel piatto..
    Domanda 2 - What about utilizzare olio profumato al basilico? Troppo acuto?

    RispondiElimina
  5. vorrei provare questa bellissima ricetta, ma non conosco la colatura di alici,la posso sostituire con le alici di Cetara, che trovo anche in romagna dove vivo?Se si in quale quantità?
    Grazie mille, ho provato altre tue ricette e tutte ottime.
    Ciao Sandra

    RispondiElimina
  6. Ah, quindi tu ...non ti sposi ? E come potrebbe farlo, un Totem ? hehehehe
    Ti do pienamente ragione sui calamari: semplici, gustosi ed offrono decine di varianti sul ripieno (questo lo copio e lo rifaccio quanto prima :-D)

    RispondiElimina
  7. uhhh, ma quel sughino meraviglioso non ha egualiiiii!
    A presto
    Gialla

    RispondiElimina
  8. sbavoooo..:D
    ricetta perfetta e golosa.

    RispondiElimina
  9. Mamma mia che voglia !!!E dove lo trovo io un calamaro così?!

    RispondiElimina
  10. mai messa la ricotta nel ripieno dei calamari. sarò grulla? dovrebbe starci proprio bene, e poi forse rende anche meno "mapposo" il classico ripieno di pane, no? :)

    RispondiElimina
  11. In effetti, la ricotta!! tanto lo so, quella va bene su tutto...
    Proverò questa versione, una volta ho provato patata lessata e schiacciata con olio sale pepe e un pò di pesto: anche quella non era niente male!

    RispondiElimina
  12. Se quest'anno scendo in macchina una bottiglia di colatura d'alici non me la toglie nessuno!
    Bel piatto saporito

    RispondiElimina
  13. @Tutti: Lisa in questi giorni non è in sede :-) Perciò se non ha risposto finora alle domande, risponderà. Scusatela.

    RispondiElimina
  14. Buon giorno, ho una bottiglina di colatura di alici che giace nel mobiletto da mesi senza essere stata mai usata. Proveremo questa nuova ricetta da affiancare all'altra che a casa mia ha avuto un successo strepitoso. Volevo farle sapere che sono innamoratissima di questo blog e delle sue ricette che incontrano il mio gusto ma che sopratutto non si allontanano molto dalla tradizione culinaria partenopea pur essendone una rivisitazione chic e moderna. Grazie di rendere pubblico il suo lavoro ad appannaggio di noi altri che possiamo ispirarci . Non vedo l'ora che passi il mese di agosto per riaverla sul blog con altre nuove ricette invitanti e sfiziose. Buone vacanze

    RispondiElimina