giovedì 17 giugno 2010

Un disco rotto


Rassegnazione. Servono rassegnazione e pazienza.
Due temi saranno (sono) predominanti in questi giorni: le creme e l'autore della ricetta che segue. Che non cito. Perché mi vergogno di citarlo per la terza volta in pochi giorni. Sembro un disco rotto, mi faccio l'eco da sola. Chi desidera scoprire chi sia l'innominato non ha che da cliccare sul link, ma forse nessuno ne ha bisogno.
Qui si parla di una crema salata. L'innominato la serve con dei pioppini sott'olio, io li ho sostituiti, vista la stagione, con una dadolata di pomodori, metà crudi, metà semi-confit (tagliati a metà, disposti in una teglia con la parte tagliata in alto, cosparsi solo con poco zucchero e sale e un filo d'olio, infornati a 80° per 3 ore).
La ricetta è elementare. E proprio buona. Raccomandata come antipasto della disperazione quando si hanno invitati e si è già sommersi dal lavoro, può risolvere anche una qualunque cena, da completare con un'insalata mista, per esempio. Io ho usato del provolone abbastanza giovane.





Crema cotta di Provolone del Monaco

Per 4 persone:

400 ml di panna fresca
100 g di Provolone del Monaco
4 tuorli
noce moscata, sale

Frullare insieme tutti gli ingredienti e suddividere il composto in 4 stampini di ceramica.
Cuocere in forno, a bagnomaria, a 130° per circa 30 minuti.

15 commenti:

  1. Come colazione no? Io ce la vedo benissimo!
    E con altri tipi di formaggio secondo me si possono ottenere tante variazioni sul tema.

    RispondiElimina
  2. L'ho detto io che oramai è Glowigmania!!!
    Olivèr e Capri sta diventando un'ossessione oramai

    RispondiElimina
  3. OH WOW!
    una creme brulee alla formaggia!
    figata

    RispondiElimina
  4. Versione mediterranea...direi 'campana' con un pizzico di orgoglio di una crema fatta con un famoso formaggio ma non vorrei dire eresie e poi essere fucilato! ahahahaha
    In ogni caso...effettivamente onore al merito!
    Questa la rifaccio :)
    Grazie come sempre per la condivisione della ricetta e di...questo "amore" caprese! ehehehehe :PPP

    RispondiElimina
  5. @Marina: be', come colazione è "hard" :-)))

    @Lydia: prima o poi ci faranno internare.

    @Cuochella: in realtà non è una brulée. Le manca la caramellatura per esserlo. Comunque, ho provato la crème brulée di parmigiano e mi è piaciuta molto.

    @Gambetto: il fucile mi serve per scopi più nobili e di rilevanza sociale, anche se non ho avuto ancora il coraggio di usarlo. Quale "eresia" vorresti dire? Facci, facci pure, oggi non mordo :-)))

    RispondiElimina
  6. Mi sembra ed al momento non ho prove se non un vago ricordo che c'è un famoso chef che fa una crema con il castelmagno mooolto simile abbinandola con dei funghi. Adesso e son sincero ho un reale vuoto di memoria ma se mi ricordo vi faccio anche sapere. Va da sè che il chissenefrega è insito nella questione e tanto di cappello a "MrFaraglione tetesco"! :DD
    Ho rimediato solo mezza fucilata?! :P
    PS
    Hai fatto poi tappa in quel posticino?? :)

    RispondiElimina
  7. @Gambetto: MrFaraglione tetesco (adotto la definizione) ha di bello che è geniale nella semplicità.
    Non ho ancora avuto modo e tempo per passare dal posticino in questione, spero di farcela prima di andare in esilio estivo :-)

    RispondiElimina
  8. Catalana ! secondo me, comunque BELLA.
    Bravine ste ragazze...
    Gionata
    Bisognerà fare una serata con la cucina della SS trinità da me. Io vi lavo i piatti

    RispondiElimina
  9. @Gionata: stai attento a quello che dici, rischi che accettiamo la proposta :-))) Siamo tristemente famose per buttarci in imprese molto più grandi di noi. E poi, il mio sogno è avere un lavapiatti ;-)

    RispondiElimina
  10. Gionata, tu sei amante del pericolo!!

    RispondiElimina
  11. Si devo dire che anche a me piace assolutamente questo approccio semplice che non esclude la novità.
    Tra l'altro vuoi mettere che sono ricette quasi totalmente replicabili...per voi bravi ovviamente ehehehe :))
    Chino il capo a MrFaragione tetesco allora :P

    RispondiElimina
  12. Continua con 'sta idea fissa che e' fantastica !! Tutta gluten free

    RispondiElimina
  13. Ci siamo presi proprio una cotta per il crucco, eh?! Questa crema è talmente semplice - e immagino buona - che fa quasi rabbia non esserci arrivati da soli. Ma certe intuizioni sono proprie dei grandi (I think).
    Ciaociao
    Fabri

    RispondiElimina
  14. @Glu.fri: mi sa che mi prendo una pausa :-)

    @Fabrizio: già, è proprio quello che mi piace del crucco. A parte qualche ricetta con la cottura sottovuoto (ma mi sto attrezzando) tutto si può replicare senza sforzo.

    RispondiElimina
  15. Ma che cos'è questa ricetta???!!! paradiso puro! Posso attingere a piene mani??? ;) Buona domenica!

    RispondiElimina