lunedì 19 aprile 2010

Alla sagra del crostaceo



Che mi sono persa.
Vi è mai capitato di mangiare qualcosa, di star male, e di non poter sopportare più la vista di ciò che avete mangiato in quell'occasione, anche se i motivi per i quali siete stati male non hanno niente a che fare con l'incolpevole cibo?
Era una vigilia di Natale di tanti anni fa. Classica cena da Vigilia, con spaghetti alle vongole, pesce, e da qualche parte c'erano anche dei gamberi. Io e mio fratello eravamo ragazzini e scervellati. Ma scervellati davvero. Avevamo assaggiato da poco il nostro primo vino, una qualche robaccia dolciastra tale da piacere pure a due sbarbatelli, e l'avevamo talmente gradito che decidemmo di eludere l'occhiuta sorveglianza dei genitori e darci alle libagioni.
Non so quanto ne bevemmo; suppongo che ai tempi mezzo bicchiere fosse sufficiente a stenderci sulle mattonelle della cucina in preda a delirio etilico. Che è più o meno quanto accadde dopo cena. Ne sortì un tale disordine gastrico, accompagnato da cefalea d'ordinanza, che da quel giorno e per anni non ho potuto guardare un gambero senza provare una ripulsa radicale. Il paradosso è che il vino non mi ha mai disgustata :-).
Quando, anni fa, mi sono riavvicinata ai crostacei, me ne sono perdutamente innamorata o ri-innamorata. Il crostaceo, che sia gambero, scampo, mazzancolla, astice (l'aragosta mi piace un po' meno, per fortuna: il portafogli ringrazia commosso) è per me il re del mare. Crudo, cotto, bollito, fritto, grigliato, al vapore e come vi pare, è delicato, attraente, seducente e versatile.
Talmente versatile che la smania di crostacei mi ha condotta a preparare una cena a tema unico.
Gamberetti brevissimamente saltati con sale e pepe; un finto cocktail di scampi con la "maionese" di pomodoro al posto dell'orrenda salsa cocktail (ricetta a breve; naturalmente la maionese di pomodoro niente ha da spartire con la maionese propriamente detta se non il fatto che si monta con l'olio a filo), caponatina di biscotto di Agerola con gamberoni crudi e questi ravioli.

Ravioloni di burrata e scampi con crema di patate

Per 3 porzioni (circa 15 ravioloni):

Pasta:
180 g di farina 00
120 g di semola di grano duro
3 uova
un pizzico di sale

Ripieno:
350 g di burrata
12-15 scampi (a seconda delle dimensioni)
sale

Condimento:
200 g di patate
500 ml di latte
un cipollotto fresco
olio
sale
pepe nero
erba cipollina

Preparare la pasta come al solito, tanto per citare Lisa :-))), impastando tutti gli ingredienti e facendola poi riposare in frigo avvolta in pellicola per alcune ore.

Per il ripieno, frullare la burrata, metterla in un colino a maglia molto stretta compattandola un po' con le mani e lasciarla sgocciolare in frigo. Aggiungere gli scampi lavati, sgusciati e tagliati a pezzetti, salare.
Stendere la pasta allo spessore desiderato, disporvi con una sac à poche dei mucchietti di ripieno, tagliare a dischetti con un coppapasta, ricoprire con un dischetto di pasta, incollando i bordi con un po' di albume.

Per la crema di patate, lessare le patate con la buccia. Sbucciarle e tagliarle a dadi.
Far appassire il cipollotto, affettato sottilmente, in un po' d'olio, senza fargli prendere colore. Aggiungere le patate, rigirarle per qualche minuto nel condimento, quindi versare il latte e un mestolo d'acqua e far cuocere a fuoco medio per circa mezz'ora. Salare, frullare il tutto fino ad ottenere una crema perfettamente liscia. Se necessario far restringere ulteriormente su fuoco vivace.

Lessare i ravioloni. Versare nei piatti un mestolino di crema di patate, disporvi sopra i ravioli, completare con pepe nero di mulinello, un giro d'olio e qualche stelo di erba cipollina.

19 commenti:

  1. ah i crostacei che buoni! giusto ieri ho fatto riso asparagi e scampi...
    senti già lo sai che ho cambiato indirizzo del blog vero? perchè ho visto che avete due link, mi farebbe piacere se li aggiornaste, per l'elenco dei blog con gli aggiornamenti l'indirizzo da inserire è quello dei feed: www.stelladisale.it/feed
    per il bannerino "blog uniti contro il plagio" l'indirizzo nuovo è http://www.stelladisale.it/2009/03/blog-uniti-contro-il-plagio/
    grazie :-)

    RispondiElimina
  2. Oh, finalmente qualcuno che come me odia la salsa cocktail!!!
    Domanda impertinente: ma tutte quelle patate non hanno smorzato un po' il buon sapore degli scampi?
    Ciao, buona giornata :-)

    RispondiElimina
  3. @Stella: sì, ho visto, devo cambiare il link, lo so. Sono solo ritardataria. :-)

    @Corrado: la crema di patate è molto delicata, tranquillo :-)

    RispondiElimina
  4. Bè alla fine l'importante è che sei riuscita a riconciliarti con i crostacei alla fine, che sono così buoni... Se poi li utilizzi per realizzare questo primo piatto diventano proprio irresistibili. Buona settimana

    RispondiElimina
  5. Belle idee buone e anche raffinate devo dire complimenti!

    RispondiElimina
  6. Giovanna, ho fatto i ravioli con la burrata a NAtale, ma mescolandola con le patate seguendo la ricetta di Erborina. Penso che per un ripieno tutto di burrata potrei morire :)

    Sull'amore per i crostacei siamo completamente in sintonia. E invece. Sull'orribile salsa cocktail. Ma dai, no, te lo dico un'altra volta :)

    RispondiElimina
  7. Che delicatezza il tuo menù monotemaico! I ravioloni poi devono essere strabuoni! Amo pazzamente i crostacei anche io ma il mio compagno ne è allergico, il che è un male un bene per me: mai spaghetti all'astice dato che nei ristoranti li preparano minimo per 2, ma quando ordiniamo qualcosa che comprende crostacei io mangio anche i suoi!

    RispondiElimina
  8. Perché "orrenda salsa cocktail" ?
    Quand'è fatta bene è molto buona, e il granchio o i gamberi ci stanno proprio beene...
    :)))

    RispondiElimina
  9. Bellissimo blog!!Questa ricetta davvero chic!il mare che circonda la mia isola mi dona dei crostacei bellissi che tra l'altro adoro mangiare.Da provare con questo primo!!Complimenti ancora!!

    RispondiElimina
  10. Burrata, scampi e patate...ma che delicatezza !!! Bellissima ricetta ! L'ho copiata per provare a farla .
    Ciao ciao
    Rossella

    RispondiElimina
  11. Beh, allora meno male che, come i gamberi, hai fatto "marcia indietro" e sei tornata a gustarli: brava ! :-D
    P.s.: aaahh Agerola, che bei ricordi :-D C'è ancora il punto vendita del caseificio in piazza ?

    RispondiElimina
  12. @Elisa: mi sono più che riconciliata. E' nato proprio un idillio :-)

    @Ricetteamoreefantasia: grazie!

    @Ciboulette: dimmelo adesso ;-)

    @Gloria: che disgrazia essere allergici ai crostacei...
    E' un'allergia piuttosto comune, per quanto ne so, purtroppo.

    @Jean-Michel: eh, ho capito che ha i suoi fans. Ma è coprente. Troppo 'nguacchiata per i miei gusti.

    @Nitte: fortunata! Qual è la tua isola?

    @Rossella: poi mi fai sapere se ti sono piaciuti?

    @Jajo: più che altro ho fatto marcia avanti, perché sono diventata una mangiatrice compulsiva di crostacei. :-) Da Agerola manco da anni, non ti so dire.

    RispondiElimina
  13. accanita fan dei crostacei!! trovo geniali questi ravioli, peccato non trovare delle "vere" burrate dalle mie parti se non pagando fior di banconote....
    attendo la maionese al pomodoro, sono curiosissima!

    RispondiElimina
  14. La ripulsa selettiva post indisposizione gastrica mi ha sempre affascinato anche perchè ho sempre pensato ad una scelta esteticamente inconsapevole ma lucidamentedettata da un "io" molto più conscio e presente ahahahaha :))))
    Beh c'è poco da dire a quanto hai postato, si può solo ammirare e prenderne nota!
    Buonissima giornata :))

    RispondiElimina
  15. @Giò: fino a poco tempo fa avevo lo stesso problema. Niente burrate, se non qualcuna acidula e vecchiotta. Sono stata fortunata, adesso ho un pusher serio :-)))

    @Gambetto: ci sono andate di mezzo anche le vongole, mie "nemiche" per anni.
    Buona giornata a te!

    RispondiElimina
  16. Mon Dieu! La burrata non la troverò mai e mi devo mettere l'anima in pace. Ma sbavo.
    Anche io sono stata malissimo una Vigilia di Natale, tristissima tra l'altro. Mangiammo del salmone in crosta di pistacchi, una cosa pesantissima. Da allora ancora non mi sono riavvicinata completamente al salmone fresco.

    Un abbraccio
    A.

    RispondiElimina
  17. una magnifica ricetta! secondo te una bisque ci starebbe? aspettiamo con ansia anche la maionese di pomodoro!
    d-

    RispondiElimina
  18. io me ne scofanerei vasetti interi, pero' di quella Maille, se la trovo, non mi sforzo neanche di farla in casa. Ecco.

    RispondiElimina
  19. Scampi e burrata!!! da urlo!!!
    complimenti davvero!

    RispondiElimina