giovedì 18 marzo 2010

Giova', fa caldo! (magari!)


Ho appena ricevuto un sms da Giovanna: " Stai a scrive' o stai a cazzeggia'?".
Ecco, questo è quello che mi merito... In realtà stavo a cazzeggia' ma ho una piccola giustificazione: sono stanca o meglio sto a pezzi. Ho trascorso una tre giorni che mi ha distrutto tra Taste e Fuori di Taste, vai a destra vai a sinistra, il telefono, i fornitori, insomma un vero macello. Meno male che c'era Lydia da sfruttare in cucina, la poveretta ha pulito cozze, pelato patate e ha fatto pure i cavatelli, è appena tornata a Milano e credo mi abbia mandato segretamente (mica tanto) a quel paese.
Ho voglia di estate, di mare, di sole e di dormite in spiaggia e questa è una pasta "vacanziera" per andare al mare anche solo con il pensiero.
Nel frattempo, vi ricordo due cose:
Campania Ferax, per scriverci segnalandoci prodotti, produttori e ristoranti della Campania che meritano attenzione. Tra qualche giorno pubblicheremo il nostro elenco provvisorio, aspettiamo le vostre segnalazioni. Leggete il post per dettagli.

Spaghetti all'eoliana

Per 4 persone:

360 g di spaghetti
4 spicchi d'aglio
12 pomodorini
4 cucchiaini di capperi
4 cucchiai di pinoli
4 cucchiai di uvetta
8 filetti d'acciughe sott'olio
basilico
olio
mollica di pane tostata e sbriciolata sottilmente
abbondante peperoncino

Scaldare l'olio con l'aglio e il peperoncino. Spegnere il fuoco e sciogliere nel condimento i filetti d'acciuga. Unire i pomodorini a spicchi, i pinoli, l'uvetta e scaldare appena. Aggiungere il basilico spezzettato e spegnere il fuoco.
Lessare gli spaghetti al dente, girarli brevemente in padella con il condimento, aggiungere un cucchiaio di mollica a persona e servire.

4 commenti:

  1. C'eri anche tu Lunedi mattina alle 11,30 al dibattito sugli additivi? Ti avrei conosciuto volentieri, magari anche a Lydia.
    Io sono riuscito a bloccare Massimiliano Alajmo e a farci due chiacchere (ho pensato: e quando mi ricapita?) e a farmi fotografare assieme, l'ho anche pubblicato nel mio blog.
    Io sarei venuto volentieri al Muna per la serata Taste, non ho potuto, ma forse e' stato meglio cosi', hai avuto un avventore in meno per il quale cucinare :-)

    RispondiElimina
  2. Io sono stata letteralmente SFRUTTATA.
    Un talento come me a pulire cozze e a tagliare patate.
    Meno male che c'era chi mi dava sostentamento e ha fatto in modo di non farmi deperire.

    @ Corrado, a quell'ora eravamo bloccate nel traffico folle fiorentino, qualcuno al comune si era divertito a chiudere non so quale strada senza avvisare.
    Siamo arrivate verso le 12,30.
    Però Lisa ha mangiato fianco a fianco con Alajmo...

    RispondiElimina
  3. Lydia & Lisa: e allora ditelo che mi volete far schiantare d'invidia....
    Dove avete mangiato?
    Max e Raf (ho imparato anche i diminuitivi) verso quell'ora uscivano e aspettavano un taxi. Gli sono passato davanti e non gli ho dato un passaggio solo perche' era tutto bloccato e li avrei solo fatti ritardare, ovunque andassero.

    PS - Ma Alajmo mangia? Dev'essere di quelli che mangiano e restano magri....

    PS2 - Tagliare le patate non so, ma a pulire per bene le cozze serve DAVVERO del talento :-)

    RispondiElimina
  4. che bella pasta e... anche io mi farei sfruttare! ;-)

    RispondiElimina