venerdì 12 febbraio 2010

Nel negozio di giocattoli


Lo so, è da sceme, e certe volte mi sento ridicola e mi vergogno profondamente. Ma quando mi capita di scovare qualche ingrediente di difficile reperimento, è così che mi sento: come una bambina in un negozio di giocattoli. Perciò immaginatevi l'entusiasmo quando, per la prima volta dopo tre anni, ho trovato il Castelmagno.
La volta precedente era accaduto durante una fiera enogastronomica. Evento, perciò, irripetibile. Stavolta invece ho trovato un negozio minuscolo che ha molti formaggi non campani, oltre che l'intera gamma dei salumi di maialino nero casertano, birre artigianali e tanti altri tesori inestimabili. L'ignaro gestore non sa ancora cosa stia per capitargli, ma lo scoprirà presto. Forse già domani.

Col Castelmagno ho fatto questo risotto, e visto che si trattava di un Castelmagno molto stagionato e alquanto tosto, l'ho ingentilito con la zucca. Zero inventiva, zero mortaretti, solo un onesto e confortante risotto.

Risotto al Castelmagno, zucca e noci

Per 4 persone:
340 g di riso Carnaroli
350 g di polpa di zucca
150 g di Castelmagno
80 g di noci sgusciate e tritate
una cipolla e mezza
brodo vegetale
vino bianco
sale, olio

Tagliare la zucca a dadini minuscoli e saltarla in una casseruola con olio e mezza cipolla tritata, quindi portarla a cottura aggiungendo, se necessario, un po' d'acqua e regolando di sale.
Toglierla dalla casseruola, prelevarne due terzi e frullarla con il suo condimento, allungando, se occorre, con un filo d'olio o un po' d'acqua. Tenere da parte il resto.
Far appassire l'altra cipolla, tritata, in un po' d'olio, senza che colorisca. Unire il riso, tostarlo, quindi sfumare con il vino bianco e far evaporare. Cuocere il risotto come al solito, aggiungendo lentamente il brodo. A pochi minuti dalla fine della cottura unire i dadini di zucca e, a cottura completata, mantecare con il Castelmagno grattugiato e aggiungere le noci tritate.
Servire su piatti sui quali avrete deposto una cucchiaiata di crema di zucca.

13 commenti:

  1. Beh...non direi che è un risotto qualunque, ingredienti e fattura sono davvero invidiabili!
    PS
    Solo per la cronaca ti sto rispondendo TRATTENENDOMI con ogni mezzo dal chiederti dove si trova questo negozio di giocattoli...ho paura che se dovessi scoprirlo non farei altro che 'continuare a farmi del male'!! ahahaaha
    Buon we e complimenti :))

    RispondiElimina
  2. Giovanna,
    il negozietto è nella mia lista sul blog (con la tua sdescrizione, paroparo) e nella mia lista mentale!
    Mi ritrovo a sperare che mi piaccia questo Castelmagno per cui mi hai già fatto venire l'acquolina un paio di volte, perche in fatto di formaggi non è che sia questa gran buongustaia, ho un limite di tolelranza sui sapori forti non altissimo (taleggio, feta, chèvre, sono già sopra la mia soglia, per dire).

    Per Gambetto
    Non vorrei dirtelo, ma Giovanna mi ha fornito indirizzo e numero di telefono che se vuoi puoi NON andare a vedere sulla pagina di indirizzi del filo d'erba cipolliana :)

    RispondiElimina
  3. Avevo qualche sospetto...sentivo puzza di bruciato...ed infatti è proprio lui. Ebbene si lo conosco...è vicino casa mia quindi con sollievo non ho un ulteriore indirizzo dove dirigermi...continuerò solo(ulteriormente confermato da Giovanna) a farmi del male li!! ehehehe
    Grazie Ciboulette :))

    RispondiElimina
  4. Onesto? Ma chi l'ha detto che l'onesta' non paga? Se e' venuto come immagino questo e' un bel risotto. Complimenti

    PS - E smettetela di parlare di posti speciali. Lontani come siamo da questi posti ci fate schiattare d'invidia....

    RispondiElimina
  5. @Gambetto, lo conoscevi già e te lo tenevi per te? Peste ti colga! In realtà ci sono andata a cercare la pasta Vicidomini (che non ho trovato, infatti me la andrò a comprare in fabbrica), ma è così ben nascosto che se non mi ci avesse portato un'amica non l'avrei mai scovato. E' vicino casa tua? Allora abitiamo a un chilometro di distanza, sì e no. E' a cinquanta metri da dove viveva mio marito da "signorino" e in quel palazzo abitava suo cugino. Insomma, Gambe', sei di famiglia :-)

    @Cibou, io sono un roditore, praticamente, però nel risotto il Castelmagno, accompagnato dalla zucca, dava un risultato morbido, non aggressivo. Sopra la mia soglia ci sono i formaggi di fossa, per il resto tutto ciò che deriva dal latte è articolo mio!

    @CorradoT: grazie! Guarda, è un evento talmente raro, che io trovi un posto speciale... di solito mi tocca tornare carica di derrate quando viaggio, vista la penuria ;-)

    RispondiElimina
  6. che buono il castelmagno! pensa che qui a milano io l'ho trovato al supermercato (ma secondo me nei negozietti di formaggi speciali è più buono)

    RispondiElimina
  7. Nooo ti prego...risparmiami, niente peste please ehehehe
    Tornando a noi invece...beh a meno di 3 min a piedi da casa mia...il nome Gennaro Bottone...dovrebbe dirti qualcosa!? vero?!?! Dimmi di si! ;-P
    PS
    Effettivamente ci si scopre appartenere ad una famiglia allargata molto più di quello che si pensi...ironia della vita eh?! :-P

    RispondiElimina
  8. Giò,poichè non ho voglia di giocare alla caccia al tesoro, cercando questo famoso indirizzo sul blog di Ciboulette, facciamo,molto più semplicemente, che me lo dici direttamente?...Mariella

    RispondiElimina
  9. bello questo risotto con ingredienti un pò insoliti, il Castelmagno è un formaggio vero? spero di trovare un negozietto con questa rarità :-) ciao Ely

    RispondiElimina
  10. Giovanna complimenti, bel risotto, il sapore deve essere eccellente. Se me lo dicevi che volevi il Castelmagno te lo spedivo da qui, da noi si trova facilmente in inverno.

    RispondiElimina
  11. che incredibile meraviglia!!!
    ha un aspetto delizioso, cosi "tondo"e morbido!!!

    RispondiElimina
  12. che incredibile meraviglia!!!
    ha un aspetto delizioso, cosi "tondo"e morbido!!!

    RispondiElimina
  13. @Lise.charmel: immaginavo che là ci fosse nei supermercati. Immagino anche in quale supermercato, visto che sia Lisa che Lydia trovano là praticamente tutto, ma qui a sud della linea gotica non arriva. :-(

    @Gambetto: Sì, ho il piacere di conoscere Bottone :-)
    Il Vomero è un paese, sempre pensato.

    @Mari: si chiama Sagra - Prodotti tipici ed è a Via Ruppolo 29, il tratto cieco, in fondo.

    @Sì, Ely, un formaggio.

    @Dida, grazie dell'offerta, prima o poi ne approfitterò! :-)

    @Mirtilla, grazie!

    RispondiElimina