* Carne * Secondi *

Mele, capitolo secondo

martedì, maggio 26, 2009

polloE no che non ho riacceso il forno. Sto solo barando spudoratamente, perché questo pollo l'ho preparato la stessa sera delle formaggelle traendolo dallo stesso libro che ho citato nello scorso post. Una serata tutta di mele, perciò.
La ricetta prevedeva il petto di galletto. Ora, per ragioni che non saprei dire, il galletto mi ha sempre fatto un po' senso. Perciò ho usato un volgare pollo, tagliandolo a pezzi piccoli con la mia fida mannaia che ogni volta rischia di portarmi via un dito. Come al solito ho fatto qualche piccola modifica, ma stavolta veramente minima.
Il cartoccio l'ho fatto con la magica Carta Fata.

* Dolci *

Confortiamoci con le mele

giovedì, maggio 21, 2009

mele5No, no: non ho bisogno di nessun conforto, proprio no. In questo momento non ho nulla di cui lamentarmi, se non la mancanza di voglia di cucinare che mi tiene lontana dal mio e dai vostri blog.
Sì, lo so: non leggo, non commento, non scrivo. Sono fasi. Diciamo che mi sto prendendo una mezza vacanza. Poi ci si mette anche il caldo, improvviso e soffocante, e infatti ieri per aver acceso il forno un altro po' mi prendeva un collasso. La circostanza mi ha dissuaso dal persistere. Da oggi si va a piatti freddi o di cottura brevissima almeno fino a quando il fisico non si sarà abituato alle condizioni climatiche.
Un saluto a tutti gli amici di blog. Prometto che passerò, col capo cosparso di cenere.

* Pasta * Primi piatti *

Senza pretese

lunedì, maggio 11, 2009

tagliolini

Un primo fatto con quello che c'era. Più che altro per chiudermi in cucina, eterno rifugio quando mi sale la carogna, cosa che avviene sempre più spesso: basta che mi guardi intorno per cinque minuti.

* Ci piace un succo * Concorso *

Ci è piaciuto un sUcco

venerdì, maggio 08, 2009

conlogo

Dopo lungo travaglio, giungemmo alfine alla conclusione del concorso "Ci piace un sUcco".
Il travaglio era inevitabile, visto che:
a) ci è arrivata una quantità di ricette esorbitante;
b) eravamo in sei a decidere, e la compatibilità di gusti e opinioni era pari a quella tra la visione della vita di un trappista e quella di una majorette (in altre parole, chi la voleva cotta e chi la voleva cruda);
c) se ci mostrate un agrume prima che siano trascorsi sei mesi c'è la probabilità elevatissima che ve lo spiaccichiamo sulla faccia;
d) considerato il punto a), è comprensibile che a turno siamo scappati chi sul Kilimangiaro e chi a Vanuatu nel patetico tentativo di sfuggire al dovere. Qualcuno è tuttora irreperibile (leggasi Lisa, che si è barricata nella cucina del ristorante e NON ha fatto il PDF. Ma tranquilli, ce l'abbiamo lo stesso, potete scaricarlo cliccando QUI).

* Pasta * Piatti unici * Primi piatti *

L'essere, il dover essere: filosofia spicciola for dummies

martedì, maggio 05, 2009

lasagne

Chi di noi non se lo è mai sentito dire? "Dovresti essere più questo, dovresti essere meno quello".
E autofustigandoci ce lo diciamo pure noi: "Dovrei essere più così, dovrei essere meno colì".
Più magra, più grassa, più economa, più prodiga, più indulgente, più rigida, più fiduciosa, più diffidente. Più, più, più. Non va mai bene niente. Soprattutto a noi donne, che siamo maledettamente autocritiche e ci sentiamo sempre inadeguate a qualcosa o a qualcuno.
Salvo che in quei rari, luminosi momenti in cui d'un tratto si affaccia la domanda fatale: perché? (A dire il vero il perché andrebbe completato con una mala parola a seguire, ma ve la risparmio, che tanto vi viene alle labbra da sé anche senza suggerimenti).

Disclaimer


Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7/03/2001.