martedì 13 ottobre 2009

Semplice ed efficace


Di Annamaria S., carissima amica e ospite eccezionale, ho già parlato in questo post.
Ogni volta che vado a casa sua (più raramente di quanto mi piacerebbe) mi prepara delle cose deliziose e io compio dei furti con destrezza facendo man bassa delle sue ricette.
Questa, ad esempio, è di Gualtiero Marchesi. Lei me l'ha fatta assaggiare l'anno scorso e me ne sono subito impossessata.
Ho approfittato delle ultime melanzane (magnifiche, comprate al farmer's market e colte quel mattino stesso) e del fatto che mio marito, che è allergico, avesse da mangiare una pasta e fagioli avanzata :-), e mi sono preparata questo sformatino, tutto per me.

Sformatino di melanzane di Gualtiero Marchesi

4 melanzane da 200 g circa
120 g di cipolla
2 spicchi d'aglio
poco brodo vegetale
olio, sale, pepe
salsa di pomodoro
vaniglia (è una mia aggiunta, l'ho messa nella salsa di pomodoro)

Prelevare col pelapatate la buccia delle melanzane, a strisce, e sbollentarla.
Far appassire l'aglio e la cipolla affettata nell'olio. Aggiungere la polpa di melanzane tagliata a pezzi, salare, pepare e far stufare con un po' di brodo finché la melanzana diventa morbida e il liquido è completamente asciugato.
Rivestire con le strisce di buccia quattro stampini, facendole debordare; versare all'interno la polpa di melanzana frullata e richiudere con la buccia.
Cuocere gli sformatini a bagnomaria in forno caldo a 190° per una decina di minuti.
Servire gli sformatini con la salsa di pomodoro. Io l'ho fatta con i pomodorini del piennolo e un po' di vaniglia, senza aglio né cipolla.
Attenzione quando li sformate: fatelo delicatamente, perché l'interno resta cremoso.


Altre ricette con le melanzane:
Polpette di melanzane
Pesto di melanzane
Caponata siciliana
Crema di melanzane

15 commenti:

  1. Sei stata al farmer di Quattro Giornate o di Piazza Dante? Come ti e' sembrato? Io ho tutte le date e gli orari segnati in agendina, ma non riesco (ancora) ad andarci.
    Questo sformatino mi ha provocato un turbinio nei succhi gastrici, vedi perche' devo lavorare e non distrarmi?? :))

    RispondiElimina
  2. Cibou, vado regolarmente a quello della Villa Comunale, ogni due settimane da un anno. Trovo un sacco di cosine interessanti. Ne ho parlato in un post:
    http://lost-in-kitchen.blogspot.com/2009/02/alla-ricerca-del-pomodoro-perduto.html

    RispondiElimina
  3. ...la melanzana "spogliata" e "rivestita" :D
    Va bene anche per il pranzo in ufficio. Se riesco a trovare ancora melanzane (ma certo che ci riesco! Non saranno proprio tutta opera di madre natura ma le trovo. Niente farmer's market, ahimè!) me lo faccio stasera... per domani ;)
    Paola

    RispondiElimina
  4. Perfetto questo tortino. Con le mie mani tremanti la vedo dura ma lo spunto per diversificare è grandioso ;-)
    Complimenti

    RispondiElimina
  5. che aspetto delizioso e invitante. Certo forse,io, non riuscire a sformarlo!

    RispondiElimina
  6. @Paola, fammi sapere, perché l'ho sempre mangiato caldo.

    @Gambetto: mani tremanti? Ma dai...
    I complimenti però devi farli a Marchesi :-)

    @Fantasie: basta appoggiare lo stampino sul piatto e non sbatacchiarlo per far sgusciare il tortino, come io ho fatto con uno dei quattro :-)

    @Salsa: be', fa la sua figura pur essendo una cosina minimalista. Praticamente melanzane e niente più.

    RispondiElimina
  7. già il nome G.M. dice tutto :) ma voi altrettanto siete state formidabili a impiattare uno sfizio così buono e bello.. brave!

    RispondiElimina
  8. Semplice ma mi sembra perfetta! Grazie per questo tortino che sà ancora d'estate :-) Baci e buona serata
    P.S. Puoi venire quando vuoi (ma non per la fotografia sono io che dovrei prendere lezioni serie ;-), comunque grazie!

    RispondiElimina
  9. mmmhhhh.....semplice e gustoso..direi perfetto!!

    RispondiElimina
  10. Bello questo tortino semplice e di effetto !!! A me piacciono molto le melanzane e amo la cucina di Gualtiero.
    Complimenti per la foto.

    RispondiElimina
  11. Sarà semplice, ma nella sua semplicità è fantastico questo tortino (ottimo l'abbinamento vaniglia e pomodoro). Pochi ma buoni gli ingredienti. Less is more :-))

    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  12. @Fiordivanilla: la ricetta è talmente semplice che ci si può dedicare meglio all'impiattamento... :-)

    @Dada: se tu devi prendere lezioni serie, io devo assumere un fotografo...

    @Dauly, Virgikelian, Alex: grazie.

    RispondiElimina
  13. Il rosso e il nero...che meraviglia Giovanna!
    Foto magnifica, complimenti!

    RispondiElimina
  14. Non spaventatevi per il fatto di sformarli, la passata in forno irrigidisce un po' le bucce e il tutto è compatto. Basta non sbattacchiare, ribaltare delicatamente, ma non è niente di complicato. Ve lo dice uno che ne ha sformato a centinaia...

    RispondiElimina