mercoledì 15 luglio 2009

Rovesciamo il bicchiere

pizzette3

Mia nonna era una gran cuoca. E si vedeva, giacché era una donna monumentale.
Una cuoca di quelle napoletane all’antica, che cucinavano con la sugna (lo strutto) ed erano capaci di curare un ragù amorevolmente per due giorni, che si impuntavano con i negozianti per ottenere il meglio: il giusto taglio di carne, i giusti pomodori, e se ogni cosa non era come doveva essere prendevano cappello e cambiavano fornitore. Devo aver preso da lei ;-)
Queste pizzette fritte sono un suo ricordo, e continuano ad essere presenti in casa mia. So che anche altre famiglie napoletane le conoscono e le preparano. Questa è la versione di mia nonna, e oggi la mia.
Ai tempi, i coppapasta erano sconosciuti, e per ritagliare la pasta si usava un bicchiere rovesciato. Da qui il nome con il quale abbiamo sempre chiamato queste pizzette.

Buonissime appena fritte, si possono consumare anche fredde (non di frigo, però). Gli ingredienti sono molto tradizionali. A chi volesse sperimentare altre versioni, suggerisco di omettere i salumi e aggiungere un po’ di timo fresco e buccia di limone grattugiata al ripieno.

Pizzette col bicchiere

Per la pasta:

500 g di farina
un uovo
70 g di burro
sale
acqua

Per il ripieno:

500 g di ricotta romana
300 g di provola fresca affumicata
salame napoletano o prosciutto cotto a dadini
parmigiano grattugiato
un uovo
sale, pepe

Per la pasta, impastare tutti gli ingredienti aggiungendo a poco a poco acqua fino ad ottenere un impasto elastico e omogeneo. Stendere la pasta ad uno spessore di mezzo centimetro e anche meno.

Schiacciare la ricotta con una forchetta mescolandola all’uovo, al parmigiano, sale e pepe. Tagliare la provola e il salame (o il prosciutto) a dadini e unirli alla ricotta.

Disporre dei mucchietti di ripieno sulla pasta, distanziati. Ritagliare con un bicchiere rovesciato dei dischi di pasta con il ripieno al centro, piegare i dischi a metà, ottenendo delle mezzelune. Sigillare bene i bordi con una forchetta. Friggere le pizzette in olio profondo.

pizzette4

Questa ricetta partecipa al contest “Sapore di sfida 3 – Ricette sotto l’ombrellone” di Giallo Zafferano

Logo_Sapore_di_Sfida_2

16 commenti:

  1. Ma devono essere ottime!!!!! non ne ho mai mangiate di simili.. baci baci :-))))

    RispondiElimina
  2. Veramente buone, ne mangerei una adesso volentieri...le ricette delle nonne sono tutta un'altra cosa!!

    RispondiElimina
  3. bellissima la ricetta...emana il caratteristico profumo di "cose buone"...

    RispondiElimina
  4. caspita mica posso perdermi questa bontà!!! me la segno!! ciaoooo

    RispondiElimina
  5. I vecchi metodi restano sempre i migliori! Perfette nella forma e nel colore, che buone!

    RispondiElimina
  6. Giovà, devo vedere se mia madre ha conservato il racconto originale pubblicato su cucinait secoli addietro

    RispondiElimina
  7. ecco appunto...io ho fame e la bilnacia piange..non potete mostrarmi certe cose:DD

    RispondiElimina
  8. @Claudia, in effetti una tira l'altra...

    @Manuela, purtroppo mia nonna non aveva ricettari da lasciarmi, perciò si conservano solo le sue ricette che mia madre ha continuato a preparare.

    @Roby, ciao! Sapevo che questa ricetta sarebbe stata di tuo gusto!

    @Federica, fammi sapere, sempre che tu non sia come me, che segno, segno e poi non riproduco! ;-)

    @Tania, sì: il bicchiere svolge benissimo la funzione :-)

    @Lydia, non mi pare ci fosse un racconto, ma posso sbagliare.

    @Genny, io la bilancia l'ho buttata anni fa...

    RispondiElimina
  9. sono davvero molto molto originali ;)

    RispondiElimina
  10. Sul fatto che tu sia pignola e che non ti va mai bene niente posso pure convenire ma sul fatto della gran cuoca... mmmmmhhhhh..... hahahahahaha
    Strepitose ! e il ripieno è fantastico :-D
    Viva le ricette delle nonne :-D

    RispondiElimina
  11. Un panzerotto sotto l'ombrellone lo mangerei volentieri :)

    Da noi si usa farli con mozzarella e pomodoro o carne (,mmm non mi piacciono :() ma nell'impasto non c'e' l'uovo, che invece mi sembra una buona idea :)

    Non li ho mai fatti alla "campana" mi sa che prendo spunto da te e dalla tua mitica nonna :))

    PS: sara' che l'arte della cucina e' come gli occhi azzurri, salta una generazione??? :P

    RispondiElimina
  12. Un'altra ricetta da provare assolutamente...

    RispondiElimina
  13. @Mirtilla, il ripieno in realtà è molto "classico", per la cucina napoletana.

    @Jajo, non mi far fare la figura della squarciona (sborona, per chi vive al di fuori della Campania) ;-). Mi sono paragonata a mia nonna solo perché sono una grandissima rompiballe...

    @Cibou, lo sai che qui da noi sono i crocchè di patate ad essere chiamati panzerotti? Quanto alle generazioni, mia mamma è sempre stata una buona cuoca, solo che da un po' è diventata pigra e quindi "arronza"...

    @Mika, grazie! prova e fammi sapere.

    RispondiElimina
  14. Sfiziose e buonissime, con quell'aria di cose buone di casa!
    Copiate... le proverò!

    Baci :)

    RispondiElimina
  15. ciao sono Paolo, anch'io di origini napoletane vivo da anni a Roma, mi ricordo la nonna quando impastava veloce questi panzarottini e friggeva anche paste cresciute, viste su scatti di gusto da Lisa. Mi piacerebbe gustare anche queste, l'impasto è quello della pizza? Grazie e complimenti al blog, fai sentire il profumo dei vecchi ricordi della mia città.......

    RispondiElimina
  16. Ciao Paolo, l'impasto per le nostre paste cresciute prevede farina caputo idratata al 80% circa e 7 gr di lievito ogni kg di farina

    RispondiElimina