venerdì 17 luglio 2009

Al saccheggio del buffet

mosaicd1184743f4543926cc020dcf50ca76182c8f6415

E’ un classico. Chiunque abbia preso parte ad un buffet sa perfettamente che, di fronte ad una tavola oberata di cibo, anche il più compassato e il più signorile degli ospiti si fa avanti con baldanza, afferra con foga, sgomita energicamente e riempie dei piatti, come diremmo qui a Napoli, a “cuppulone”, cioè a grossa cupola, perdendo ogni pudore, ogni ritegno, ogni decenza.

Succede qualcosa di simile quando si pubblicano le ricette di un buffet completo da qualche parte nel web. Il buffet attira, a quanto pare; vi attingono in tanti, e, spiace dirlo, talvolta vi attingono senza sentirsi in dovere di citare le fonti. Per carità: niente da contestare a chi, inconsapevole, prende il materiale che qualcun altro (consapevole, invece) ha prelevato alla fonte e pubblicato in altra sede (foto inclusa).
Per evitare fraintedimenti, vorrei precisare che Paoletta non ha alcuna responsabilità per quanto accaduto, anzi è stata molto corretta, e di questo la ringrazio.

Questo buffet l’abbiamo preparato Lydia, Mariella Di Meglio ed io il 9 giugno del 2007, per festeggiare il compleanno del papà di Lydia. In quell’occasione, abbiamo pubblicato ricette e foto nel web. Questo è il post originale, apparso su Amicincucina e in seguito riportato da Lydia nel forum de La cucina italiana.

Dal momento che, da allora, quel post è stato saccheggiato in ogni modo (adesso pubblicano anche le nostre foto, per quanto penose, senza concederci l’onore di una citazione né tantomeno chiederci il permesso), abbiamo deciso di pubblicarlo da noi, tanto per mettere qualche puntino sulle i.

Perciò, vi chiediamo scusa per la qualità delle immagini e andiamo a incominciare.

ANTIPASTI
• Polpettine in agrodolce (di Paola Rovetto)
• Striscioline di pollo al sesamo
• Mini quiche cipolle e mele (di Ernst Knam)
• Mini quiche pere e prosciutto crudo (di Eric Kayser)
• Cesti di pasta di pane con streghe e grissini accompagnati da: crema di peperoni, crema di melanzane, humus (di Jean-Michel Carasso ) e crema di pecorino (di Enzo Raspolli)
• Caponata siciliana
• Bicchierini di gazpacho con minispiedini di ciliegine di mozzarella
• Triangolini di pizza di ricotta
• Gelato al parmigiano con pere essiccate
• Terrine al prosciutto
• Insalata di cruditè allo yogurt
• Insalata di seppie e fagioli di Controne
• Mini cornettini (di Elena Di Giovanni) con salmone
• Rosette di spada affumicata e cantalupo
PRIMI PIATTI
• Girandole capresi
• Cous cous trapanese
DOLCI
• Mini babà-delizia
• Bicchierini arachidi e caramello (di Christian Beduschi)
• Torta ricotta e pere
• Capresi bianche e nere monoporzione

mosaic87a1e90366af29a7c7c43d21b7740d795c2f6594

Il cestino della prima foto è fatto da Lydia con pasta di pane. Contiene le streghe delle Simili e i loro grissini stirati.

Cestini di pane (pasta per cestini di Elena Di Giovanni)

1 kg di farina
500 gr di acqua
120 gr di strutto
1 dado di lievito
Impastare tutto e far lievitare 1 ora e 1/2.
Utilizzare ed infornare il cestino a 220 gradi per 15 min circa.

Grissini stirati delle Simili

500 gr farina
250/280 gr acqua
15 gr lievito di birra
8 gr di sale
50 gr olio evo
1 cucchiaino raso di malto
farina di semola di grano duro
olio per pennellare
Fare la fontana ed amalgamare tutti gli ingredienti. Impastare battendo per 10 min.
Fare un filone e stenderlo formando un rettangolo circa 30 per 10, appoggiarlo su uno strato di semola, pennellare con olio d'oliva e cospargere con semola.
Coprire a campana e lasciar lievitare 50/60 minuti.
Con un coltello largo o con una spatola tagliare dal lato corto dei bastoncini alti circa 1 dito, afferrarli al centro con le dita e assottigliarli tirandoli delicatamente e spostando contemporaneamente le dita verso l'esterno.
Disporli su una teglia e infornare a 200 gradi per 20 min circa.

Briochine mediterranee di Elena Di Giovanni

per il pan brioche:
260 gr di farina 00,
200 gr di farina di forza,
150 ml di latte tiepido,
15 gr di lievito di birra,
100 gr di burro sciolto e fatto intiepidire,
2 uova intere,
1 tuorlo,
15 gr di zucchero,
un pizzico di sale.

Per la farcitura noi abbiamo usato salmone affumicato, burro, erba cipollina e buccia di limone.

Sciogliere il lievito sbriciolato in poco latte tiepido, impastare con 100 gr di farina, formare un panetto e lasciarlo lievitare per 45 minuti. Dopo questo tempo, mettere nell'impastatrice (o sul piano da lavoro) la restante farina (può servirne un poco in piu'), le uova, il rosso, il burro cui avrete mescolato lo zucchero, il sale e mescolare il tutto, impastando per circa 5 minuti. Riprendere il primo impasto, maneggiarlo un po' e poi aggiungerlo magari dividendolo in 3 parti al nuovo impasto. L'impasto deve risultare un po' più morbido di quello del pane. Metterlo a lievitare per circa 45 minuti in forno intiepidito, coperto da un canovaccio. Riprendere infine l'impasto, stenderlo a circa mezzo cm di spessore, ricavare dei triangoli di base stretta e lati lunghi, dai quali formerete dei piccoli cornetti (lunghezza 6 cm circa). Porre a lievitare ancora fino al raddoppio. Pennellarle di rosso d'uovo e cuocerle in forno a 180° per circa 15 minuti. Far intiepidire e farcire.


Gelato al parmigiano
(dose per 6)

In una ciotola amalgamare 150 g di parmigiano grattugiato con 2,5 dl di panna fresca versata a poco a poco, mescolando di continuo. Poi far sciogliere il tutto a bagnomaria per 7-8 minuti, mescolando finché diventa una crema. Filtrare con un colino fine, pepare e riporre in frigo per almeno 12 ore.
P.S.: Filtrare non è indispensabile.
L’abbiamo accompagnato con fette di pera essiccate in forno.


Gazpacho
(x 4)

100 g di pane raffermo
3 cucchiai di aceto bianco
1 cetriolo
1 peperone
800 g di pomodori
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
50 ml di olio evo
sale, pepe
Privare della crosta il pane e intriderlo con 2 cucchiai di aceto e poca acqua.
Spellare, privare dei semi e tagliare a dadini i pomodori. Metterli nel mixer con il cetriolo sbucciato, il peperone mondato, la cipolla, l'aglio. Aggiungere il pane ben strizzato. Unire quindi a filo l'olio, salare, pepare, completare con l'ultimo cucchiaio di aceto e far riposare in frigo per almeno tre ore.

L’abbiamo servito in bicchierini accompagnato da spiedini di ciliegine di mozzarella e basilico.


mosaic69a76e78e412da2dad78cdee54f6fffc4352e371


Pizza di ricotta napoletana

(per 4)
250 gr di ricotta
abbondante pane raffermo
1/2 litro di latte
1 uovo
burro
parmigiano grattugiato - basilico - prezzemolo -
sale – pepe

Mettete il pane a bagno nel latte tiepido e lasciatelo rammollire; deve essere, come quantità , uguale alla ricotta.
Lavorate la ricotta con un cucchiaio di legno e, quando è ammorbidita, unitela al pane ben strizzato, mescolate al composto un po' di basilico e di
prezzemolo tritati, regolate di sale e pepe, legate con l'uovo.
Dovete ottenere un impasto omogeneo e piuttosto tenero.
Stendetelo in una tortiera ben imburrata, in uno strato alto non più di 3 o 4 centimetri; cospargete un po' di parmigiano grattugiato e qualche fiocchetto di burro.
Cuocete in forno caldo, 15 o 20 minuti, finché la superficie è dorata e il composto si stacca un po' dallo stampo.

Bastoncini di pollo al sesamo con salsa agrodolce (presa tantissimi anni fa da un libro, se mi ricordassi quale…)

Far marinare in frigo per circa 12 ore 4 petti di pollo tagliati a striscioline sottili e lunghe con 2 cucchiai di yogurt e 2 cucchiaini di curry, più qualche goccia di succo di limone. Impanarli poi in una miscela di 100 g di corn flakes sbriciolati, 40 g di semi di sesamo, 40 g di parmigiano. Disporli su una placca rivestita di carta forno, senza sovrapporli, spruzzarli con poche gocce d'olio e infornarli per 25 minuti a 180-200°, fino a doratura.
Per la salsa, amalgamare 1 cucchiaio di maizena con 125 ml di aceto bianco, in un pentolino, aggiungendo 250 ml d’acqua, 125 g di zucchero, 60 ml di passata di pomodoro e 1 cucchiaino di brodo granulare di pollo (ai tempi, mea culpa, lo usavo. Omettetelo e regolate di sale). Portare a ebollizione e cuocerla a fuoco medio finché non si addensa. Servire il pollo con la salsa a parte, in una scodella.

Quiche di mele e cipolle di Knam

Pasta brisée :
280 gr farina
120 gr burro
2 tuorli
80 gr acqua
10 gr sale
Lavorare il tutto e lasciar riposare almeno 2 ore in frigo

Ripieno (per 200 gr brisée):
350 gr mele golden
200 gr cipolle rosse (qui non le avevamo, ma l’effetto è completamente diverso)
Olio
Sale
150 ml panna
2 uova intere
Sale pepe
Dopo aver imburrato e rivestito di pasta brisée lo stampo, metterlo in frigo.
Tagliare a julienne mele e cipolle.
In una padella saltare le cipolle con olio e sale e poi unire le mele. Cuocere pochi minuti.
Le cipolle non devono caramellare e le mele devono solo ammorbidirsi.
Versare nello stampo ed aggiungere la créme royale ottenuta mescolando la panna con i tuorli battuti, il sale e il pepe.
Cuocere a 200 gradi per una mezz’ora circa.

Insalata di crudité allo yogurt

Si tratta semplicemente di carote, mele, zucchine e sedano tagliati a bastoncini e conditi con maionese leggera mescolata a yogurt e succo d’arancia.


mosaic633530c595d611984fec7303e97dc6afce6422ce

Rosette di spada e cantalupo

Spada affumicato e fettine sottilissime di cantalupo avvolte insieme e fissate con stuzzicadenti, dopo aver “massaggiato” lo spada con olio e succo di limone.

Crema di pecorino di Enzo Raspolli
Mettere nel frullatore 150 g di pecorino di media stagionatura, un mazzetto di prezzemolo, una decina di foglie di basilico e aggiungere pian piano mezzo bicchiere d'olio. Unire poi prima la chiara e poi il tuorlo di un uovo sodo. Frullare bene. Se impazzisce, gettare nel frullatore un po' d'acqua fredda di rubinetto, poca alla volta. Regolare di sale e pepe.


Hommus o Hummus o Hommos
(di Jean-Michel Carasso)

300g di ceci ammollati e lessati bene (devono essere molto teneri)
succo di 2 limoni
5 spicchi d'aglio sminuzzati
1 cucchiaino da caffè di cumino verde arabo o indiano
1 cucchiaio da minestra di pasta di tahina
un po’ dell'acqua di cottura dei ceci (se non avete aggiunto bicarbonato) oppure acqua tiepida.
sale
Preferibile sbucciare i ceci, se se ne ha la pazienza.
Mettere i ceci sbucciati (o no) e la pasta di tahina nel frullatore e ridurli in crema densa e liscia con il succo di limone, un po' di acqua di cottura e olio e.v. Condire la crema con gli altri ingredienti e servire con una spolverata di paprika dolce in polvere, pinoli tostati e prezzemolo tritato, più un filo d'olio.

Crema di melanzane

2 melanzane grandi
1 pomodoro
uno spicchio d’aglio
4 cucchiai d’olio e.v.
2 cucchiai di succo di limone
2 cucchiai di pinoli leggermente tostati
2 cipollotti tritati
cumino in polvere
prezzemolo tritato
sale, pepe
Bucherellare con una forchetta la superficie delle melanzane ed infornarle intere a 230° per una ventina di minuti. Devono essere molto morbide. Farle raffreddare, nel frattempo spellare e svuotare dei semi il pomodoro e tagliarlo a dadini. Tagliare a metà nel senso della lunghezza le melanzane, asportare la polpa con un cucchiaio, frullarla insieme allo spicchio d’aglio, all’olio, al succo di limone, ai pinoli, sale e pepe. Mescolare il composto con i cipollotti tritati, il pomodoro, un pizzico di cumino. Tenere in frigo per qualche ora e servire con un trito di prezzemolo

Tra gli antipasti c’era anche la crema di peperoni che ho già pubblicato QUI

Terrina di verdure alla crema di prosciutto

Va preparata il giorno prima del consumo.
Per un normale stampo da plum cake occorrono:
500 g di prosciutto cotto
200 g di fagiolini sottili
300 g di carote
una zucchina lunga
2 albumi
200 ml di panna fresca
2 cucchiai d'olio
6 cucchiai di aceto di vino bianco
sale, pepe
Portate a bollore dell'acqua, salatela leggermente e lessatevi separatamente le verdure per pochi minuti, in maniera che restino croccanti. Meglio ancora sarebbe cuocerle al vapore. Fate sgocciolare su un telo. Tritate il prosciutto nel mixer, poi unitevi gli albumi, quindi l'olio e l'aceto. Salate e pepate. Continuate a far girare il mixer incorporando la panna a poco a poco. Tagliate le carote e le zucchine in lunghe fette di mezzo cm di spessore. Rivestite lo stampo da cake con pellicola, versatevi uno strato fine di crema di prosciutto, poi disponete uno strato regolare di fagiolini, ancora crema di prosciutto, quindi le carote, di nuovo il prosciutto, la zucchina, e ripetete le operazioni fino ad esaurimento. Dovete ottenere due strati di fagiolini (in cima e in fondo), due di carote e uno centrale di zucchine. Coprite con pellicola e tenete in frigo per almeno 12 ore.


Tarte al prosciutto di Parma, pere e nocciole di Eric Kayser
(ma con la brisée di Knam che trovate più su)

Ingredienti per uno stampo quadrato 24 x 24 o tondo da 26

400 gr pasta brisè
4 uova intere
25 cl panna fresca
25 cl latte intero
200 gr di nocciole tostate tritate
4 cl di aceto balsamico
600 gr di pere
Olio di oliva
10 gr di timo al limone
200 gr prosciutto di parma
Sale pepe macinato fresco
Il giorno prima preparare la brisè e in una ciotola sbattere le uova con la panna e il latte, aggiungere le nocciole tritate e l'aceto balsamico. Salare e pepare.
Mettere in frigo.
Il giorno stesso, scaldare il forno a 180 gradi.
Tagliare le pere a fettine e farle saltare in padella con un po' di olio d'oliva e timo e farle dorare.
Stendere la pasta nello stampo e farla cuocere per 20 minuti.
Versare il composto sulla pasta precotta ed infornare per 25 minuti.
Disporre il prosciutto sulle tarte e ricoprire con le pere saltate.

mosaicaf92bd9799974c22c48f98438a3f084de753e5be

Caponata siciliana

1 kg di melanzane
quattro coste di sedano
300 g di patate
400 g di peperoni
uvetta
due cipolle
300 g di pomodori medi
due manciate di olive nere denocciolate
due manciate di olive verdi denocciolate
basilico, capperi, pinoli
aceto, un bicchiere (io ne ho messo un po' di più)
zucchero, due cucchiai (idem come per l'aceto)
olio per friggere
sale e pepe
Tagliare a dadini non piccolissimi le melanzane, spolverizzarle di sale e metterle in un colapasta schiacciandole con un peso per farle spurgare un paio d'ore. Poi strizzarle, asciugarle e friggerle. Togliere le melanzane e, nello stesso olio, friggere il sedano tagliato a bastoncini, privato dei filamenti. A parte, far rosolare in olio d'oliva una cipolla affettata sottile e il peperone a dadini, quando sono coloriti unire i pomodori spellati, privati dei semi e tagliati a pezzetti. Far insaporire, quindi unire le patate a dadini (io le ho parzialmente fritte, prima, altrimenti restano crude) e cuocere per una decina di minuti. Aggiungere poi lo zucchero e l'aceto, capperi, pinoli, uvetta, olive spaccate a metà . Far cuocere per qualche minuto, salare, pepare, quindi aggiungere le melanzane e il sedano e lasciar cuocere quindici minuti a fuoco bassissimo. Completare con il basilico spezzettato. Servire fredda, meglio il giorno dopo.

Polpette in salsa agrodolce (Paola Rovetto)

Ingredienti per 4 persone:

300 g vitello tritato
100 g parmigiano
80 g pangrattato
1 spicchio di aglio
1 cucchiaio di prezzemolo
2 piccole uova
olio per friggere
100 g di sottaceti tagliuzzati
1 cipolla tritata
300 g di passata di pomodoro
40 g di zucchero
1 dl di aceto (un po’ di mele, un po’ normale)
Inumidite il pangrattato con acqua tiepida e tritate finemente il prezzemolo con lo spicchio d’ aglio.
In una ciotola riunite la carne tritata, il pangrattato, il parmigiano, il prezzemolo tritato ed amalgamare tutti gli ingredienti, poi aggiungete le uova, salate, pepate e rimescolate. Confezionate delle piccole polpettine e fatele friggere in una padella con olio caldo. Allargate su carta assorbentee tenete da parte. Preparate la salsa: tritate finemente la cipolla, fatela stufare, aggiungete i sottaceti tritati e lasciate insaporire per qualche minuto. Sciogliete lo zucchero in un dl di acqua calda, aggiungete l’ aceto, la passata di pomodoro, salate e versate il tutto nell’ intingolo di cipolla e sottaceti. Fate sobbollire per qualche minuto, assaggiate e unite le polpettine, lasciandole insaporire per 5-10 minuti. Trasferite nel piatto da portata e lasciatele intiepidire prima di servirle.
Sono migliori il giorno dopo.
Note: Per chi ama un gusto un po’ più forte: il parmigiano può essere sostituito con il pecorino, una parte del vitello tritato può essere sostituita con prosciutto cotto oppure tacchino.

Insalata tiepida di seppie e fagioli di Controne: già pubblicata QUI

Girandole alla caprese (ricetta mia)

Il ripieno è quello dei ravioli alla caprese, ma le girandole hanno il pregio, rispetto ai ravioli, di poter essere preparate il giorno prima e infornate all'ultimo minuto. Le dosi che vi do sono per quattro persone.
Preparare una sfoglia con 300 g di farina e 3 uova.
Tirarla spessa (a macchina al n° 4) e dividerla in rettangoli di circa 18 cm di larghezza e 25 di lunghezza. Lessare i rettangoli per due minuti in acqua bollente salata.
Per il ripieno, tritare finemente 300 g di caciotta fresca (primosale, raveggiolo) con 300 g di fiordilatte fatto asciugare in frigo, amalgamare con 100 g di parmigiano grattugiato e 2-3 uova, profumare con maggiorana, salare, pepare.
Stendere il ripieno sulle sfoglie, lasciando intorno un bordo di un centimetro; arrotolare ben stretta una sfoglia dal lato lungo, arrotolarvi intorno una seconda sfoglia farcita e avvolgere il rotolo così ottenuto nella pellicola per alimenti. Continuare fino ad esaurire gli ingredienti. Riporre i rotoli in frigorifero.
Il giorno seguente preparare un sughetto facendo soffriggere un grosso spicchio d'aglio in olio molto abbondante; unire 400 g di pomodori pelati sgocciolati, privati dei semi e tagliati a striscioline(oppure pomodori freschi spellati e privati dei semi) e far cuocere per pochi minuti senza schiacciare il pomodoro, che deve rimanere a filetti e piuttosto separato dall'olio che dovrà diventare rosso. Tagliare i rotoli in fette rotonde dello spessore di un dito, ungere il fondo di una teglia con un po' dell'olio del sughetto, disporre nella teglia le girandole affiancate, senza sovrapporle, e porre su ciascuna una foglia di basilico e qualche filetto di pomodoro. Irrorare con l'olio del sughetto e infornare per dieci minuti a 180-200°, soltanto per riscaldare, senza far prendere colore.

Il cous cous trapanese lo trovate QUI

mosaicbdc8a8c8627f0c1a3dd3d99b711287caa9c39f35

Infine, i dolci.

Si tratta della torta di ricotta e pere (la mia versione che trovate qui).

Ci sono poi delle capresi di Lydia sia al cioccolato che al limone, coppate in maniera da ottenere delle capresine ;-)
Sembra incredibile, vista la notorietà di questa ricetta, ma in questo momento non riesco a trovarla. Vedo se la socia me la manda e edito.

Edito: la socia ha sganciato la ricetta. Eccola.

Torta Caprese (Lydia Capasso)

INGREDIENTI: (ruoto diam. 24cm)
zucchero gr. 200
cioccolata fondente gr. 200
mandorle con la pelle gr. 200
burro gr. 200
5 uova -

Tritare molto bene le mandorle con lo zucchero, sciogliere il cioccolato con il burro, sbattere le uova. Mescolare tutti gli ingredienti. Infornare in forno già caldo per 10 min. a 200 gradi e per 40 min. a 170 gradi.

N.B. Per la versione al limone sostituire al cioccolato fondente il cioccolato bianco, utilizzare solo 150 gr di burro e 170 gr di zucchero e aromatizzare con essenza di limone, limoncello o buccia di limone grattugiata.

Seguono dei babà-delizia, vale a dire i babà del Maestro Fulgente cotti in stampini a cupoletta da delizie al limone e farciti e ricoperti esattamente come le delizie. All’autunno le ricette delle creme, in questo momento non le ho con me.

Infine, ecco i mitici

Bicchierini arachidi e caramello di Christian Beduschi

Uno dei dolci al bicchiere più buoni che abbia mai mangiato o preparato.

Per il biscotto al cioccolato:
Uova gr. 450
Tuorli gr. 125
Zucchero gr. 300
Albumi gr. 300
Zucchero gr. 100
Fecola gr. 85
Farina gr. 85
Cacao gr. 85
Procedimento :
montare le uova , i tuorli , e i 300 gr. di zucchero. Nel frattempo montare anche gli albumi con gli altri 100gr. di zucchero. Quando le montate saranno pronte , mettere la metà degli albumi nella montata delle uova e unire delicatamente aggiungendo la farina, la fecola e il cacao setacciati insieme. Fatto questo alleggerire con l’altra metà degli albumi. Cuocere in forno a 190°.

Per la mousse al caramello:
Caramello:
gr.250 zucchero semolato
gr.160 glucosio
gr.35 burro
gr.410 panna
procedimento:
portare a caramello il glucosio e lo zucchero, decuocere con la panna bollita e il burro.

Mousse:
Gr.180 tuorli
Gr.180 sciroppo a 30°Bé.
Gr.20 gelatina
Gr.700 caramello
Gr.850 panna montata
procedimento:
scaldare lo sciroppo a 50°c., versare sui tuorli, portare a 83°c, aggiungere la gelatina precedentemente ammollata in acqua fredda e passare al cinese. Raffreddare velocemente, incorporare il caramello e la panna semimontata.

COMPOSIZIONE DEL BICCHIERE
Disporre le arachidi salate sul fondo del bicchiere, quindi una parte di mousse al caramello e un disco di pan di Spagna. Abbattere. Versare uno strato sottile di purea di pere (ottenuta frullando le pere col 10% di zucchero, scaldandone poi una piccola parte per sciogliervi la gelatina, nella proporzione di 18 g per chilo di pere). Abbattere. Terminare con la mousse al caramello.

38 commenti:

  1. Giovanna, questo post e' una miniera d'oro, vale da solo un libro. Io mi ci butto a pesce, e saccheggio come non ho mai saccheggiato un buffet (in genere mi vergogno, e resto indistro, anche a quelo del mio matrimonio, quando tuti avevano i loro dolci ho chiesto timidamente anch eio, senza sapere che ci avevano portato tutto al tavolo!!! :P)
    BAci :)

    RispondiElimina
  2. Cibou, io al mio matrimonio sono rimasta a secco! Al tavolo non ci hanno portato niente e il buffet è evaporato in pochi minuti. Il gestore si è scusato non addebitandoci la torta :-)

    RispondiElimina
  3. E' sempre un piacere farsi un ripassino su tanto bendidio!!!

    RispondiElimina
  4. Cioè tu vorresti farmi credere che tu, proprio tu, mia socia ed amica non hai la ricetta dell'incubo della mia esistenza????
    Aspè che vado a veder se ce l'ho io

    RispondiElimina
  5. Che abbondanza!!!!!Che signor buffet!!!!
    Mi segno anch'io qualche ricettuzza...

    RispondiElimina
  6. Me lo terrò bene a mente questo post...una delizia dietro all'altra!!Grazie x averla condivisa con noi!

    RispondiElimina
  7. @Virginia, a me il ripassino fa l'effetto di un mezzo incubo. Se ricordo quella giornata...

    @Lydia, ebbene sì! Ma no, sarò onesta: è che qui ho il portatile e non c'è tutto il mio archivio ricette!

    @Mika, troppa abbondanza: 'na fatica!

    @Milla, grazie a te!

    RispondiElimina
  8. tanti tanti complimenti!!un buffet veramente meraviglioso!!

    RispondiElimina
  9. Che favola. Quante prelibatezze da assaggiare...!!!
    Ma per quante persone era questo buffet? Ciao, ciao.

    RispondiElimina
  10. Una meraviglia, tutto bellissimo, ma lo stress per l'organizzazione penso sia indimenticabile.
    complimenti
    cristina

    RispondiElimina
  11. Tanto di cappello per questo buffet. Anche io mi sarei riempita il piatto a cuppolone - e non solo una volta :-)

    D'obbligo i puntini sulle i.
    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  12. Ecco, mo è completo, io avevo letto solo una piccola parte, grazie per tutto il resto che leggerò avidamente e senza saccheggiare ;)
    Giovanna, solo quando ho postato mi sono resa conto che della ricetta non era stata citata la fonte, e per questo nel mio post ne chiedevo lumi !!
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  13. @Federica, grazie!

    @Virgikelian, per 70 persone. Le dosi che ho dato sono però quelle normali, "umane". Da qualche parte deve esserci un ponderoso tomo redatto da Lydia che contiene tutte le dosi moltiplicate all'infinito :-)

    @Erika, grazie a te!

    @Cristina, hai ragione. Lo stress fu tanto. Però confesso che mi piace più che altro scherzare sull'argomento, perché in realtà ci siamo anche molto divertite, come sempre quando si spignatta tra amiche.

    @Alex, per un momento abbiamo temuto che avessero addentato anche i cestini di pane, non commestibili. Poi abbiamo scoperto che in realtà ne mancava un pezzo perché l'aveva rotto qualcuno :-))))

    @Paoletta, non è certo colpa tua, ma solo di chi ha attinto al forum (peraltro ad un forum al quale non sono mai stata iscritta). Comunque devo dire che c'è stato anche chi ha preso il post e l'ha pubblicato per intero in un blog, senza chiedere alcun permesso, ovvio.
    Un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina
  14. Ottima mossa...e attingo a volontà in questo buffet sontuoso! Mi dà anche l'idea di essere super collaudato da seguire ad occhi chiusi (e bocca aperta) senza spintonare nessuno eh!
    Comunque è vero il buffet (come la guida) fa' scattare dei sensi di sopravvivenza alquanto strani.
    Ancora complimenti e soprattutto grazie :-)

    RispondiElimina
  15. accidenti che roba, ragazze me lo sono stampato qualcosa preparerò ci sono delle cose magnifiche, sono senza parole

    RispondiElimina
  16. @Dada, in effetti le ricette erano abbastanza collaudate. Con 70 bocche da sfamare bisogna andare sull sicuro... ;-

    @Gunther, grazie! Anche se, come al solito, oggi credo che sia io che Lydia e Mariella faremmo scelte diverse. Non si trova mai pace!

    RispondiElimina
  17. attingerò anche io senza pietà, senza scrupoli, senza uno straccio di coscienza, senza un briciolo di umanità al vostro buffet non citando, ovviamente, alcuna fonte, tranne la caprese della stupenda e dolcissima Lydiuccia mia...

    RispondiElimina
  18. Sono andata a cercarmi il 3d incriminato,ma non l'ho trovato,ho solo letto il lunghissimo 3d di commento all'accaduto. Peccato...ero curiosa di vedere la mia foto,spacciata per farina del sacco altrui...Mariella

    RispondiElimina
  19. Ammazza, quasi quasi mi perdo questo buffet!!! non ho ancora pranzato e sarebbe ora di fare merenda...sto svenendo!
    Un sorriso,
    D.

    RispondiElimina
  20. @Roby, la dolcissima Lydiuccia tua è diventata, per certe finte tonte, mia sorella ;-)

    @Mariella, piccole umane miserie. Nemmeno vale la pena di sprecarsi ad andare a leggere.

    @Diletta, questa come merenda sarebbe un tantino sostanziosa! ;-)

    RispondiElimina
  21. E' meraviglioso... purtroppo i saccheggi in rete sono numerosi, ma forse non vale la pena prendersela, gira gira si riesce sempre a risalire alla vera fonte... e questa è proprio eccezionale!
    mt

    RispondiElimina
  22. Leggo in ritardo...purtroppo!!
    Aimè, sarei io la saccheggiatrice. Peccato che le imprecisioni siano molte, moltissime.
    Primo, io avevo letto di questa ricetta su Panperfocaccia e quando l'ho pubblicata su coquinaria ho provveduto immediatamente a specificare che non fosse farina del mio sacco, ma che la ricetta e la foto le avevo prese da lì. Unica mia mancanza, quello di non aver citato il nome della signora Capasso.
    Informata dell'incidente diplomatico, ho immediatamente scritto una email alla signora Capasso, scusandomi per quanto successo (sebbene io fossi stata, per quanto mi riguarda, più che corretta, ma a quella mail non ho mai ricevuto risposta.
    Raccontare i fatti per quelli che sono mi sembra il minimo, no? Ed io non ho nulla da nascondere.
    Flaviasole

    RispondiElimina
  23. Imprecisioni? A parte il fatto che la "signora Capasso" non ha ricevuto nessuna mail, poco è importante che tu abbia detto che la foto non era tua. Il web non è un supermarket. Quando si usa la foto di qualcuno gli si chiede il permesso. E lo si cita. Dire che la si è presa da un altro forum non serve a niente. Le persone hanno un nome e un cognome.
    E una volta che la faccenda è venuta fuori e ha provocato lamentele, una persona corretta che è incorsa in un errore non va in giro a scrivere che lei prende quello che le pare dove le pare...
    Meglio non difendere le posizioni indifendibili, se non si vogliono fare cattive figure.

    RispondiElimina
  24. Dunque, la signora Capasso in questione sarei io, e non mi è proprio arrivata alcuna mail di scuse.
    Per tutto il resto quoto in pieno quello che ha scritto Giovanna ed aggiungo che sono stufa di gente che si permette di fare quello che accidenti vuole e vuole avere ragione anche quando ha torto marcio.
    Quest'arroganza dilagante è purtroppo una caratteristica dei nostri tempi, nessuno sa più cosa sia l'umiltà

    RispondiElimina
  25. Mi fate tanto sorridere, le indifendibili siete voi! Io non sapevo neanche chi foste prima che sollevaste quel polverone. Inoltre, mi è sembrato sufficiente citale il sito quale fonte. Evidentemente per voi sufficiente non lo è stato. E se avessi voluto fare bella figuara avrei fatto io una foto al piatto, ci voleva veramente poco a farne una qualitativamente migliore, ma ero talmente in buona fede che ho copitato e incollato quella, semplicemente per far capire quale fosse il risultato del piatto.
    La mail è partita il giorno stesso in cui ho saputo del "fattaccio", poi certi commenti letti qua e la mi hanno portato a pensare che non valesse neanche la pena di spendere ulteriori parole in scuse
    Raccontate ciò che vi pare, come vi pare. Io so di essere pulita e questo mi basta.
    Con questo la chiudo qui, volevo solo replicare a quanto letto, purtroppo solo oggi.
    Flaviasole

    RispondiElimina
  26. Vedi, ciò che tu credi o non credi sufficiente è del tutto ininfluente. Ciò che conta è che esistono delle regole. Parlo di leggi, nemmeno di semplice correttezza. Licenze, hai presente? Che coprono tutto il materiale contenuto in un forum.
    Ma francamente non ritengo di dover spendere nemmeno un'altra singola parola su una vicenda e un comportamento che si commentano da soli. Agli occhi di chiunque sia in buona fede, almeno.

    RispondiElimina
  27. Non ho intenzione di sprecare più nenache una parola su quest'argomento, ritengo che la "signora" flaviasole si commenti da sola

    RispondiElimina
  28. Io posso anche essere legalmente dalla parte del torto, anzi, molto probabilmente lo sono. Non conosco le leggi in materia, ma, poichè la legge non ammette ignoranza, dal punto di vista legale non ho scusanti, ma sicuramente ho attenuanti.
    Non mi è piaciuto vedermi messa alla pubblica gogna sebbene sia stata evidente la mia buona fede. Sarebbe stato più civile che mi aveste mandato una email, io vi avrei fatto le mie scuse ed avrei corretto il topic incriminato. Invece no, addirittura mi si accusa di essere una saccheggiatrice. E da nessuna parte ho letto una vostra precisazione in merito al fatto che io il sito fonte (chiamiamolo impropriamente così)l'avessi citato. Vedete, io non ce l'ho con voi, neanche vi conosco e, peraltro, per quel poco che ho potuto constatare, mi sembra che proponiate ricette interessanti (ho anche la caprese al coccolato bianco di Lydia nel forno), è il modo con cui si sono svolti i fatti che mi è dispiaciuto e mi ha irritato.
    Detto ciò, possiamo proseguire la discussione in privato se ne avete interesse e voglia.
    Cordialmente.
    Flaviasole

    RispondiElimina
  29. Gogna pubblica? Mandarti una mail? Io non ti conosco, non ho il tuo indirizzo e-mail, non sono iscritta ai forum che frequenti e quindi non posso inviarti messaggi privati. Ho contattato Paoletta che ti ha segnalato la cosa, con un unico risultato: che tu sei andata su uno dei forum in questione ad affermare che fai quello che ti pare e prendi quello che ti pare da dove ti pare, facendo del sarcasmo sulle persone coinvolte. Quindi fai molta attenzione prima di parlare di civiltà agli altri.
    A seguito di questa tua poco urbana sparata, è stato pubblicato questo post. Ah, certo: dovevamo lasciare che tu ci sbeffeggiassi e cercassi solidarietà in casa tua, nel tuo forum protetto, e stare zitte... Mica male, come pretesa...
    Tu non hai citato affatto la fonte: dire "utenti del forum taldeitali" non è citare una fonte, è inutile che insisti su questo punto. Forum al quale peraltro non mi sono MAI iscritta, anche se questo non potevi saperlo. Anzi, il fatto di aver citato il forum e non la persona mi è sembrato anche peggio: una inutile sgarberia. Potevi TU contattare l'autrice del topic e chiederle se avesse nulla in contrario a che tu usassi il suo materiale. Anzi, non potevi: dovevi, visto che è chiaramente specificato nelle regole del forum che si fa così.
    Non c'è niente di cui parlare in privato, mi sembra. E' tutto qui.
    E adesso chiudo i commenti a questo post perché mi sono davvero stancata.

    RispondiElimina
  30. Volevo ringraziare Giovanna per aver pubblicato la ricetta delle "girandole capresi", un primo per me inedito, delicatamente saporito e curioso nella sua forma a spirale. L'ho servito oggi ai miei ospiti ed e' stato grandemente apprezzato.
    Grazie ancora
    eugenia

    RispondiElimina
  31. @Eugenia: grazie a te per avermelo fatto sapere. E' sempre un piacere.

    RispondiElimina
  32. Giovanna, scusa, nella foga di comunicarti la mia soddisfazione per la riuscita della ricetta, mi sono dimenticata di chiederti il permesso di pubblicarla sul mio blog. E' possibile? Grazie. Buon fine settimana. eugenia

    RispondiElimina
  33. @Eugenia: ma certamente! E grazie ancora a te!

    RispondiElimina
  34. Innanzi tutto grazie tansissimo per le ricette, poi volevo sapere perchè nella ricetta dei bicchierini al caramello ci sono 2 ricette con ingradienti diversi per la mpusse al caramello. La prima è per il caramello vero e proprio e la seconda per la mousse? Quindi la panna va messa due volte?
    Aspetto info perchè vorrei provarla il prima possibile :)
    Grazie tantissimo!!!
    Federica

    RispondiElimina
  35. @Federica: sì, la prima serve per decuocere il caramello e tenerlo morbido, la seconda per la mousse vera e propria. Fammi sapere come va! Grazie a te.

    RispondiElimina
  36. Grazie mille Giovanna. Nel frattempo ho provato i bastoncini croccanti di pollo..FANTASTICI!!! Li ho pubblicati sul mio blog, spero non ti dispiaccia!! Ho messo il link al tuo blog e citato te come fonte, spero non ti dispiaccia! :) Nel caso fammi sapere!!
    Grazie ancora! Appena provo i bicchierini ti faccio sapere!!
    Federica

    RispondiElimina
  37. @Federica: ma no che non mi dispiace, anzi, grazie! Sono contenta che ti siano piaciuti :)

    RispondiElimina