domenica 7 giugno 2009

A volte ritornano

filetto

Le ricette, quelle ritornano di rado.
Ne provi sempre di nuove, alcune ti piacciono moltissimo, ma poi sei sempre lì che cerchi altro, sempre all'inseguimento di ciò che ancora non hai mai fatto.

E invece nei comportamenti prevale la coazione a ripetere. Come i cavalli coi paraocchi, come un veicolo col pilota automatico, gira che ti rigira ti ritrovi in situazioni già viste, già vissute. Però ti suona l'allarme, ti squillano i campanelli (come dice una simpaticissima blogger che saluto) e te la dai a gambe. Se questo non vi accade, se l'allarme non vi suona, avete un problema :-))).
La mia personale sirena invece adesso suona ad ogni soffio di vento, ad ogni stormir di fronda. Certe volte mi assorda. E poi c'è la Lisa che è peggio delle trombe del giudizio: fenomenale nell'identificare i rischi, ma solo quando non riguardano lei. Pessima quando si tratta di accorgersi delle situazioni del cavolo o delle persone sbagliate in cui si è imbattuta lei. In tal caso, fa veramente pena ;-).

Questa ricetta ritorna spesso. Coazione a ripetere.
Ideata anni fa al rientro da Creta, ispirata dai profumi del luogo e rinforzata dall'ouzo.

FILETTO DI MAIALE “SPENTO” AL LIMONE


8 fettine di filetto di maiale dello spessore di 2-3 cm
8 fettine di pancetta tesa
4 fette di pancarrè
scorza di due limoni
100 g di fiordilatte o scamorza fatti asciugare in frigo
timo fresco
succo di due limoni
ouzo
olio e.v.
uno spicchio d’aglio
un cucchiaino di maizena
prezzemolo
sale, pepe

Aprire le fettine di filetto a libro a metà dello spessore. Togliere la scorza al pan carrè e passarlo al mixer insieme alle bucce di limone e al timo, rigirarlo per un attimo in padella con un filo d’olio, mescolarvi poi il fiordilatte tritato finissimo e aggiungere un filo d’olio a crudo in maniera che il composto “leghi”. Farcire con una manciatina di composto le fette di filetto, bardarle con una fettina di pancetta e legarle “a pacchettino” (se ci si limita a passare lo spago lungo la circonferenza finirà per infilarsi nel taglio della fetta). Scaldare una padella antiaderente appena unta e rosolarvi per qualche istante le fettine di carne. Toglierle quindi dalla padella e mettere al loro posto un goccio d’olio e lo spicchio d’aglio intero. Far scaldare il condimento e sfrigolare l’aglio, quindi togliere l’aglio e rimettere le fettine di carne cuocendole a fuoco piuttosto basso. A fine cottura versare nella padella la maizena sciolta in un goccio d’acqua e nel succo di mezzo limone, mescolare un attimo, quindi versare uno spruzzo di ouzo e dargli fuoco. Spegnere la fiamma versandovi sopra il resto del succo di limone. Completare con il prezzemolo tritato finissimo e servire.

17 commenti:

  1. A volte 'sti campanelli si preferisce ignorarli, poi magari ci si ritrova a dire "Eh, eppure me lo sentivo... lo sapevo..." ma quant'è bello provare ogni tanto il brivido dell'andare contro! (Non so bene "contro" cosa, in genere contro il buon senso :D)
    La ricetta mi pare magnifica ed il legaccio a pacchettino - non sarà il dettaglio saliente - a me piace molto ;)

    RispondiElimina
  2. Giovà, e che è successo, ti sei rimessa a cucinare??!!!
    Vuoi far nevicare??
    Scherzi a parte, casca a fagiuolo questa ricetta, ho nel congelatore un filetto di maiale che devo assolutamente consumare sennò comincia ad andare in giro per casa da solo

    RispondiElimina
  3. @Cuoca, il mio buon senso si è messo ad urlare, per quanto l'ho trascurato ;-) Si fa sentire, adesso, eccome.

    @Lydia, fai poco la spiritosa. Jajo lo sa bene: ero a fare pazzie in giro! :-)))

    RispondiElimina
  4. Proprio mentre cucinavo oggi pensavo che sarebbe bello se RIFACESSI ogni tanto qualcosa che ho già fatto, anche per migliorarla, o affezionarmici..bè, con qualcosa ovviamente questo accade,ma è raro, e avviene soprattutto a quei piatti a cui sono legata "sentimentalmente", che magari non è detto siano quelli che mi piacciono di più.
    Infatti nelle settimane scorse per vari motivi ho dovuto fare 3 e dico 3 torte di mele uguali tra loro in 8 giorni: è stata un'esperienza interessante, a tratti allucinante :D
    Cavoli quanto ho scritto, in fondo volevo solo dirti bentornata in cucina e urca che buono questo filetto, lo proverò di sicuro :)

    RispondiElimina
  5. anche a me capita spesso di rivivere le stesse situazioni e i campanelli li sento spesso, il difficile è seuirli... comunque ragazze che filetto!!! sono le 10:39 di mattina ma un morsetto glielo darei... ottima a presto Elisa80

    RispondiElimina
  6. io trovo davvero deliziosa questa meraviglia!!!il pacchettino poi...buonissimo e bello da vedere ;)

    RispondiElimina
  7. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  8. Non solo buonissimo, anche un piacere per gli occhi, mi ha fatto venire fame all'istante!
    A me non ripetere le ricette un po' manca, spesso mi piacerebbe avere il tempo di riprovare, migliorare, perfezionare delle ricette venute bene ma che potrebbero diventare perfette.
    Poi però penso che ogni nuovo piatto è anche un'occasione per un nuovo post, per raccontare nuove storie e nuove ricette.
    E poi ci sono tante di quelle nuove ricette che voglio provare!... E quindi passo avanti.
    Un bacio, buon inizio settimana!
    m.

    RispondiElimina
  9. sono senza ouzo, ma sarebbero da provare comunque!
    anche io sono del partito di quelle che le cose le prova e poi prima che e rifaccia... menomale media la situazione mia mamma, che invece se si affeziona ad un piatto... diventa il must della stagione!
    buona settimana!
    Ju

    RispondiElimina
  10. Fai concorrenza a Stefano con le ricette di carne?

    ;-)

    RispondiElimina
  11. Ragazze, mettiamola così: facciamo come Paganini ;-)
    Ogni piatto è un unicum, e a meno che qualcuno non ce lo richieda resta un ricordo piacevole e nulla più (anche perché talvolta io non saprei neanche dove ritrovare la ricetta).
    @Juls, mia madre invece ogni volta che rifaccio un piatto già fatto in passato sostiene che è la prima volta che lo mangia. Per lei è tutto nuovo tranne forse la pasta e fagioli :-))

    RispondiElimina
  12. Dani, non mi permetterei mai. ;-) Scherzi a parte, la carne mi piace, maiale e pollo soprattutto, e poi sto cercando di svuotare il freezer prima delle vacanze.

    RispondiElimina
  13. ciao complimenti per il blog, mi piacerebbe inserirti nella mia lista di blog amici, se sei interessata allo scambio link fammi sapere, il mio blog è www.iltrovaricette.blogspot.com

    ciao

    RispondiElimina
  14. è un ottim coa adoperare il filetto di maiale, io rifaccio spesso ricette già fatte magari le trasformno un po

    RispondiElimina
  15. la ricetta mi piace davvero e me la segno ...
    per non sbagliare bisogna avere anche la forza che spesso a me manca :-(

    RispondiElimina
  16. effettivamente anch'io fatico a ripetere le ricette, persino quelle che più mi son piaciute... sarà curiosità, o voglia di rimettersi sempre in gioco, o chissà cos'altro? bentornata tra i fornelli ;-)

    RispondiElimina
  17. porcaccia la miseriaccia!
    questo piatto è da convulsione!!

    il prossimo natale voglio trovare questi "pacchetti" sotto l'albero...anzi...sopra il piatto...anzi no, non a natale...adesso!

    RispondiElimina