martedì 21 aprile 2009

Notaio, push the button (lo stufato irlandese di Jerome)

crema5

Mannò, che avete capito? Qui una ricetta di stufato non c'è!

Lo stufato irlandese, in Tre uomini in barca di Jerome è quello in cui si buttano tutti gli avanzi, un po' di questo e un po' di quello, alla come viene. E questo post è uno stufato irlandese di quel genere.

Prima di tutto: notaio, push the button! Stop! E' scaduto il termine per prendere parte al nostro concorso, "Ci piace un sUcco". E meno male, perché le ricette ci hanno invaso la posta e i post :-), e avremo bisogno di un po' di tempo, e di tuuuutta la vostra pazienza, per deliberare. Intanto grazie a tutti: avete partecipato con un sacco di entusiasmo. Bravi!

E prima di passare alla ricettuzza, mi permetto una parentesi, che se no che stufato irlandese è?

Sono contenta perché mi sono appassionata a un talent show e ha vinto un talento grande, e così in un certo senso ho vinto pure io che adoro la sua voce. Ho fatto festa al PC con la coinquilina Lisa e un'altra sventata fino alle quattro del mattino, perché non ci sembrava vero che per una volta il merito venisse riconosciuto. Sembra una cosa da nulla, ma non lo è, in un paese in cui la memoria per la musica bella è corta, l'apparenza conta più della sostanza e chi vale deve faticare come un mulo per farsi prendere in considerazione da una discografia miope che punta tutto sugli ormoni delle tredicenni e su fenomeni costruiti a tavolino da specialisti del look, consulenti di immagine e cialtroni assortiti che hanno un'idea della musica che assomiglia al circo Barnum.

Io per uno che canta i Queen così andrei a piedi a prostrarmi davanti alla sacra icona di Freddie Mercury, col cilicio addosso e fustigandomi con un gatto a nove code. Perché Freddie mi manca, ma quest'uomo mi fa venire la pelle d'oca soltanto aprendo bocca.




E sono pure convinta che una cosa come questa versione acustica di I'll fly for you sia tra le cose più incantevoli passate in televisione dai tempi di Pappagone:



Ma qualora al riguardo vi restasse qualche dubbio, please, non ditemelo che so' troppo felice. E provate a farvelo passare con questa:




E ora basta, che se attacco non la pianto più.

Beccatevi 'sta crème brûlée. Oh.

crema

Crème brûlée al cioccolato e al tè

(tratta da "Les sept péchés du chocolat" di Laurent Schott)

250 g di cioccolato al latte
20 cl di latte
12 g di tè (Earl Grey nella ricetta originale, io invece ho usato un tè nero all'arancia e cannella)
6 tuorli
40 cl di panna fresca
80 g di zucchero di canna

Portare a ebollizione il latte e unirvi il tè, lasciandolo in infusione per 5 minuti. Filtrare e riportare a bollore.
Versare il latte sul cioccolato, mescolare bene per farlo fondere, poi aggiungere i tuorli leggermente sbattuti (non montati) e infine la panna liquida.
Versare in tegliette da crème brûlée (6, ma le mie erano piccine e me ne sono venute 9) e cuocere in forno preriscaldato, a 100°, per circa 50 minuti o comunque finché la crema è addensata. Far raffreddare in frigo.

Spolverizzare con lo zucchero di canna e caramellare lo zucchero sotto il grill del forno o con l'apposita torcia.

21 commenti:

  1. Giovanna, ho seguito il tuo entusiasmo, e avevo visto da poco il video, bellissimo....io devo dire che avrei preferito Noemi, ma l'hanno fatta fuori prima, po'rella!

    Quelle cocottine...a pois le avevo trovate, ma con lo smerlo sono troppotroppotroppo belle :)

    RispondiElimina
  2. Eh sì, hai ragione per le performance di Matteo!
    E la crème... me la becco volentieri!
    Ciao, un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Non ho seguito il talent show, ma mi sono ascoltata tutti i video che hai proprosto e trovo la voce di Matteo davvero bella. E poi sa pronunciare l'inglese!!!! Bella cosa :-)
    Da quanto non ascoltavo Fly for you ... i mitici Spandau, mio primo concerto in assoluto nei lontani anni 80. Bello, bello!
    Quando leggo crème brulèe ormai mi viene solo da ridere ... da quando a Pasqua mia sorella ed io in Francia cercavamo in farmacia di ricordarci come si dicesse "crema contro le scottature" e ci veniva in mente solo crème brulée :-)
    Cioccolato e tè? Da provare.

    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  4. ehmm..ma forse ti piace Matteo Becucci? non che tu l'abbia fatto capire...comunque grande voce meravigliosa, spero ora trovi grandi canzoni da interpretare! baciotto

    RispondiElimina
  5. niente niente male, sia il video che il tuo dolce...baci ciao

    RispondiElimina
  6. Ottima la cremè brulè in questa versione! Le cocotte sono favolose e aspetto con ansia di sapere come finirà il concorso!
    A presto
    Elisa

    RispondiElimina
  7. E' bravo Matteo, ha una bella voce...a me ha emozionato quando ha cantato Star dei Simply Red e Stay degli U2 (pezzo difficilissimo, la pronuncia irlandese di Bono poi non lascia scampo...e lì Matteo si è davvero superato) ma... la prima volta che ho sentito l'inedito ero in cucina e mi giungeva solo la voce...ho pensato..o mamma i capelli mi stanno diventando bianchi! mi sono sentita vecchissima di colpo.
    Però in momenti come questi era naturale che i buoni sentimenti vincessero, come una certa classicità e quelle sicurezze che si possono trovare anche in una canzone. Sicuramente Matteo è molto bravo vedremo come saprà riproporsi in futuro.

    RispondiElimina
  8. Cibou, un uccellino mi ha riferito che hai scovato le cocottine, in effetti. E sto ancora aspettando il momento buono per andare a frugare...

    Anna, ciao, un abbraccio anche a te!

    Alex delle Cuoche: pensa che negli anni '80 snobbavo quel genere di musica (ero una dura e pura ragazza degli anni'70); oggi dico: avercene!
    Be', io mi stavo "brulando" da sola con la supertorcia per caramellare. 'Na tragedia...

    Lo, condivido la speranza.

    Ciao, Piera. Dolce facile facile, può risolvere un invito imprevisto. La prossima volta lo provo col cioccolato fondente.

    Elisa, per il concorso i tempi saranno biblici! ;-)

    Alex, anche a me Stay è piaciuta veramente tanto. Quanto al discorso inedito, dovremmo affrontare la questione della major che c'è dietro, e sarebbe lunga. Ma sui "buoni sentimenti" e sulla "classicità" non sono d'accordo, per la composizione del pubblico di quel programma e perché a questo punto si votava sulla base di ciò che si era fatto finora, non dell'inedito. Sono quanto di più lontano ci sia da una tradizionalista, riguardo alla musica. Eppure... D'altronde, finora con la sua band il Becucci ha cantato il soul, non Papaveri e papere.

    RispondiElimina
  9. buono l'abbinamento cioccolata e the!
    a casa, prima che iniziassi la dieta (sigh), smangiucchiavo spesso una tavoleta di cioccolato equosolidale fondente al 70% con the verde: è un abbinamento insolito ma molto accattivante!
    baci e buona giornata

    RispondiElimina
  10. Condivido appieno il giudizio su Matteo, mi è piaciuto moltissimo, ha una voce rara e bellissima...mentre buonissimo deve essere questa dessert al cucchiaio....prima o poi lo devo fare...meglio poi visto che dovrei stare un pò a regime!!A presto

    RispondiElimina
  11. Prima di x factor non avevo mai visto Matteo...a me ha dato l'impressione che ti ho scritto prima...(soprattutto per quanto riguarda la sicurezza nelle cose conosciute) poi che il suo genere sia il soul, il funky, o il free jazz...non me ne sono accorta, in ogni caso non ha vinto per quello. Però resta una bella, bellissima voce!!!

    RispondiElimina
  12. Aì sì, capisco tutto, ma io Somebody to Love riesco a risentirla cantata solo da lui:

    http://www.youtube.com/watch?v=of-7jmD7OxEFreddie mi manchi tanto!!!!

    RispondiElimina
  13. la creme brulèè devo assolutamente replicarla: tè + cioccolato è un abbinamento favoloso!io ero pro Noemi, ma tra i 3 rimasti sicuramente ero per Matteo!

    RispondiElimina
  14. complimenti per il blog che è davvero bellissimo!!! mi spiace non aver partecipato al vostro concorso... ma prometto di partecipare al prossimo!!!! :)

    RispondiElimina
  15. Purtroppo non riesco a caricare molte delle foto di questo post... ma le poche che vedo sono proprio... ...invitanti!
    Mamma mia che bel blog! vi ho scoperti per il concorso e per me, che sono una neofita, questo blog è proprio da =O
    ...e la crème? lasciamo stare... mi è venuta l'acquolina! =P
    ciao! :)

    RispondiElimina
  16. Complimenti per il tuo Blog!
    Ti andrebbe di fare uno scambio di link con il mio: www.francescogreco.splinder.com ?

    Ciao
    Francesco
    Il Blog | Attualità | Psicologia

    RispondiElimina
  17. Dai, anche io ho fatto il tifo per Matteo, sicuramente era uno dei più bravi! Purtroppo ho visto solo la prima parte della finale, quando ha duettato con Cocciante e mi sono persa l'altra parte! Comunque sono stata anche io contentissima!
    Molto interessante l'abbinamento cioccolato e tè, probabilmente prima o poi lo proverò!

    RispondiElimina
  18. Ciao ... anche io ho adorato Matteo sin dalla sua prima performance !!!!! Ho comprato tempo fa il cannello da cucina, dopo aver letto "Il cavaliere d'Inverno" mi era venuta voglia di provare la creme brulè, ma aspettavo di trovare una ricetta sfiziosa ... Questa mi sembra davvero interessante.

    RispondiElimina
  19. Matteo non lo mai sentito cantare, ma la crème mi ispira parecchio...

    RispondiElimina
  20. ecco come non sentirsi sola e incompresa: praticamente nessuno dei miei amici tifava per lui. io ADOOORO matteo beccucci, la sua voce il suo talento e la sua personalità: sono davvero felice che abbia vinto perché un personaggio del genere non PUO' non fare il cantante. mi sono emozionata ad ogni pezzo che ha cantato, ma su somebody to love ho davvero vacillato. chapeau!

    RispondiElimina
  21. @Salsa, non dirlo a me, che lo trovo commovente. Non sentivo una voce così incantevole da tempo immemorabile. E Somebody to love è stata solo la botta finale. Costui quando canta mi arriva diritto all'anima, che ci posso fare?
    Ha ragione Andrea Rodini: the voice is Bec!

    RispondiElimina