sabato 28 marzo 2009

Ancora?

gnocco-ricotta-2

Sì…ancora, ancora…e ancora, gli gnocchi non mi stancano mai, in tutte le loro versioni. Questi in particolare, semplicissimi, con basilico e pomodoro…ma non uno qualsiasi, uno straordinario pomodorino del piennolo in conserva tradizionale, presidio Slow Food, prodotto dall’Azienda Agricola Casa Barone nel Parco Nazionale del Vesuvio. Ho scoperto questo prodotto in occasione del Taste (evento legato a Pitti che si è svolto a Firenze un paio di settimane fa) per tale manifestazione il ristorante era stato selezionato per ospitare alcuni prodotti di questa azienda agricola, tra i quali questo buonissimo piennolo in conserva. All’inizio ero molto scettica, io ho una vera e propria venerazione per questi pomodorini, sono stata capace di viaggiare da Napoli a Firenze con due cassette da 5 kg l’una…in treno! Sembravo una sfrattata…ma per i piennoli si fa qualsiasi cosa :) non credevo che in conserva potessero mantenere il profumo, e il sapore originale…e invece sì.

Dovevo inserire un paio di piatti nel menu che prevedessero l’uso di questi pomodorini, volevo fare gli ‘ndunderi ma la ricetta che avevo trovato non mi convinceva…poi c’era l’uovo intero. Allora ho adocchiato gli gnocchi di ricotta fatti da Lydia e da Luvi ma anche in quelli c’era l’uovo intero…allora li ho modificati.

Gnocchi di ricotta e Pomodorini del Piennolo

500 gr. Ricotta di mucca

300 gr. Farina 00

90 gr. Albume

4 cucchiai di Provolone del Monaco

Sale

Pepe

Per il condimento:

700 gr. Pomodorini del Piennolo

Basilico

Aglio

Olio extra vergine

Sale

Impastare farina, ricotta, albume, sale, pepe e provolone grattugiato far riposare in frigo per 1 ora almeno. La dose di farina è indicativa eventualmente aspettate dopo il riposo per aggiungerne altra; all’inizio l’impasto sembrerà un poco umido dopo 1 ora sarà più asciutto. Preparare gli gnocchi come al solito.

Il condimento è molto semplice, aglio e olio in padella, aggiungere i pomodorini il basilico far cuocere 2 min regolare di sale e saltare per 1 min gli gnocchi.

11 commenti:

  1. buoniiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!! un piatto a me!!!^_^Minù!!

    RispondiElimina
  2. Certo che tra te e me non so chi è più "gnocca", nel senso di amante degli gnocchi...

    RispondiElimina
  3. abito proprio nel parco nazionale del Vesuvio, i pomodorini del piennolo li metto in parecchi piatti, se fai gli spaghetti con le vongole e ci metti una decina di pomodorini senti il sapore, a me personalmente piacciono tagliati su una fetta di pane casereccio condita con olio extra vergine di oliva e origano, che mio padre raccoglie sulle pendici del monte Somma una delizia, i tuoi gnocchetti devono essere una bontà un bacio

    RispondiElimina
  4. che buoni e poi il tocco del sapido del monaco ciao

    RispondiElimina
  5. stavo proprio aspettando questa ricetta... devo provarla..
    una domanda:
    il riposo in frigorifero per gli gnocchi serve solo per questi o è un procedimento da considerare anche per altri tipi?
    Grazie :D

    RispondiElimina
  6. Troppo forte immaginarti con due cassette di pomodori in treno! Ma chi ha la nostra passione è capace di questo ed altro.
    Questo è il condimento che prediligo in assoluto, per gnocchi e pasta!
    Buona domenica
    Alex

    RispondiElimina
  7. Ciao Lisa, semplice e veloce la tua ricetta. Peccato che è la prima volta che sento nominare i pomodorini del Piennolo.Scusa l'ignoranza ma a Milano forse è difficile conoscerli. E poi cuociono così in fretta ?
    Sento già l'acquolina ....Ciao

    RispondiElimina
  8. ci credi che non ho mai comprato i pomodorini del piennolo perche' ho sempre paura di non saper trovare quelli buoni?? Ma e' un delitto, me ne rendo conto....cerchero' in giro sia la conserva che quelli freschi, ho un po' di anni persi da recuperare!

    RispondiElimina
  9. La foto meravigliosa rende in pieno la delizia di questo piatto che non disdegnerei certo anche se sono solo le 9.40 di mattina! (ma si sa io sono per la colazione salata.... ehehehe) Buona giornata Laura

    RispondiElimina
  10. Me la ricordo, la tua follia pendolara (il viaggio in treno con ortolaneria al seguito).
    Un'altra delle TROPPE cose che abbiamo in comune.

    RispondiElimina
  11. http://ilmondodiluvi.blogspot.com/2009/04/gnocchetti-di-ricotta-alla.html
    ecco li ho fatti! che buoni, direi PERFETTI! :D grazie

    RispondiElimina