lunedì 2 febbraio 2009

Quattro salti (ma anche tre) in padella

pesto noci

Capita che il sabato io sia sempre di corsa e arrivi all'ora di pranzo trafelata e ignara di cosa ficcare in pentola. Allora mi guardo intorno smarrita nella cucina (lost in kitchen, proprio) e finisco per arrendermi allo spaghetto aglio e olio o allo scarpariello. Chiamiamola resa: lo scarpariello, per banale che sia, mi fa impazzire, perché in fondo, malgrado le malignità della mia socia Lydia, sono persona di gusti semplici che non disdegna la cucina creativa purché non inutilmente eccentrica, ma che ha tra i suoi piatti preferiti i tonnarelli cacio e pepe, i vermicelli burro e parmigiano, il pesto alla genovese, la gricia e che per una cosa come i pennoni lardo e patate potrebbe accondiscendere a compiere qualsiasi bassezza purché non fosse illegale ma soltanto immorale.
A proposito della mia socia: prima o poi dovrò chiederle in cosa mai siamo socie, visto che l'unica nostra impresa comune è abortita ancor prima di vedere la luce. Mah.
Capita, dicevo. Capita anche che però nella mia dispensa stazioni sempre della frutta secca, e così una volta tanto di sabato siamo sfuggiti al destino aglio-olio e in quattro e quattro otto ci siamo gustati questi bucatini. Mica chissà quale novità, eh?
Però ci vuole giusto il tempo per far bollire l'acqua e cuocere la pasta. Tutto qui.

Bucatini al pesto di noci

Per 4 persone:

320 g di bucatini
120 g di noci sgusciate
40 g di pinoli
70 g di pecorino toscano
uno spicchio d'aglio
prezzemolo
basilico
olio, sale, pepe nero

Mentre lessate la pasta mettete nel mixer le noci, i pinoli, il pecorino, l'aglio, 4-5 foglioline di basilico e altrettante di prezzemolo, il sale e abbondante olio, a filo, sufficiente ad ottenere una consistenza cremosa. Non frullate troppo: le noci non si devono polverizzare. Intiepidite la salsa ottenuta in una larga padella, aggiungete una macinata di pepe nero e mantecate i bucatini nella padella unendo un po' della loro acqua di cottura.

17 commenti:

  1. Ehm, what do you mean with "scarpariello"????
    ...

    RispondiElimina
  2. Adoro questa ricette veloce ma sempre buone e gustose !

    RispondiElimina
  3. Bellissimo questo primo piatto,il sapore delicato delle noci rende particolare e raffinato anche la pasta più semplice.
    Complimenti per il blog,mi piace molto!

    RispondiElimina
  4. @Virgi, lo scarpariello è una ricetta povera napoletana che si fa in tutta Italia ma magari non sapendo che si chiama così. Aglio, olio, pomodorini del pendolo (qualcuno usa pomodori passati o addirittura il concentrato), basilico, peperoncino e ci si salta la pasta con abbondante parmigiano e pecorino grattugiati.

    @Mary, anch'io le adoro. A volte la velocità è essenziale!

    @Vale, grazie! In effetti più semplice di così non si potrebbe.

    RispondiElimina
  5. Certo che sei veramente rintronata!!!!
    Te lo sei dimenticata che siamo socie di blog???
    Tu ti devi fare una bella cura di fosforo.
    Bella stà pasta

    RispondiElimina
  6. E no che non me lo sono dimenticata, ma il fatto è che noi ci chiamavamo socie pure prima... Resterò con l'angoscioso dubbio che mi attanaglia per i prossimi decenni.

    RispondiElimina
  7. adesso pero'devi proporci pure quella meraviglia che e'lo scarpariello!!!

    RispondiElimina
  8. una gran bella ricetta semplice e veloce, mi piace molto e ho imparato lo "scarpariello" siete una fonte inesauribile di cose buone bella la nuova immagine grafica

    RispondiElimina
  9. Ho appena fatto anche io un riciclo del genere.
    segno segno.

    RispondiElimina
  10. Bè,io socia di blog non sono,ma dell'iniziativa abortita si. E pensare che mia figlia ci aveva fatto quei biglietti da visita così carini! Ma non dispero...hai visto mai che,prima o poi... Mariella

    RispondiElimina
  11. Veloce e gustosa! Queste sono parole magiche per me...
    Confermo, è buonissima...con o senza pinoli.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Ehi, ma mi censuri???
    Ma tu guarda!
    Ti ho scritto due giorni fa per ringraziarti per la spiegazione (più qualche falso complimento...) e nemmeno mi pubblichi.

    RispondiElimina
  13. Oh cavolo! Ti censurerei molto volentieri, brutta strega, ma la verità è che il commento non mi è proprio arrivato.

    RispondiElimina