giovedì 5 febbraio 2009

Due passi in paradiso (e poi via dal dietologo)

paradiso
Ci sono cose che hanno un'alchimia incomprensibile. Le provi una volta e non puoi più farne a meno. Diventano la consolazione per quando sei affranta e l'improvvisazione a cui ricorri quando ti va qualcosa di buono (e nei paraggi non c'è Ambrogio e men che meno Richard Gere).
Eccola qui, la mia calorica consolazione. Che poi in realtà se ne mangi solo una fetta mica ti ammazza. Il problema è che io devo vederne la fine. Devo aspirare fin l'ultima briciola dal piatto. Mea culpa, questo è il mio peccato: la torta paradiso.
Torta paradiso (ricetta dell'Etoile, tratta dal libro "Torte di una volta", edizioni Boscolo – Etoile)
Per uno stampo da 26 cm:
250 g di burro
310 g di zucchero a velo
110 g di tuorli
120 g di uova
160 g di farina "0"
160 g di fecola di patate
4 g di lievito per dolci
vaniglia
scorza di limone grattugiata (pochissima)
un pizzico di sale

Montare bene il burro morbido con lo zucchero a velo. Aggiungere a filo le uova e i tuorli (sbattuti insieme ma non montati), quindi, mescolando a mano, la farina setacciata con la fecola e il lievito, poi la vaniglia e il sale.
Versare nello stampo imburrato e infarinato e infornare a 190° per circa 40 minuti, o finché uno stuzzicadenti infilato nella torta sarà asciutto.
Lasciar intiepidire, sformare, far raffreddare e quindi spolverare con zucchero a velo.

E' sofficissima, profumata, deliziosa e non sa di lievito perché ne ha pochissimo. Che si può volere di più?

14 commenti:

  1. Non ci credo, Giovanna che stravede per una volgare torta paradiso!!!!
    Questa potrebbe essere la prova dell'esistenza di Dio...

    RispondiElimina
  2. eh si..altro che paradiso! la mangeremo anche noi..fino all'ultima briciola!
    sai che soddisfazione poi!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. E brava la nostra peccatrice :-D
    Ma il vero peccato è che a Milano c'era Hermè e tu non ci sei andata :-(

    RispondiElimina
  4. Giò, dal titolo mi aspettavo una sorta di torre di Babele di mousse e contromousse turbofighe...e invece...
    Guarda, con questa cogli nel segno. Io impazzisco per la torta paradiso. In particolare per quella della pasticceria Vigoni di Pavia (che se non hai mai assaggiato, provvedo a procurarti per quando vieni).
    Per ora mi sono sempre trovata bene con la ricetta di Sergio S. che si avvicina molto all'originale. La prossima volta proverò la tua,

    RispondiElimina
  5. la torta paradiso e che paradiso ...il dietologo ..si dice sempre da domani ..ma quale domani , baci!

    RispondiElimina
  6. Anch'io amo la torta paradiso e la faccio spesso in tortini monoporzione da colazione... proverò anche questa, visto il tuo entusiasmo, grazie!!!

    RispondiElimina
  7. Be', sì: è proprio buona. La sua disgrazia è che nonostante il burro e il resto non fa peso, così la si ingurgita compulsivamente.

    @Jajo, sapevo di Pierre e avevo anche pensato di andarci, con Lisa. Ma poi entrambe abbiamo avuto delle difficoltà e abbiamo dovuto rinunciare. Ma tanto non ci sfuggirà, che credi? ;-)

    RispondiElimina
  8. Ed io, tutta presa dall'influenza e dal blogcompleanno, ho dimenticato di dirti quanto mi piace il tuo restyling!!! :))

    idem con patate, anzi, con torta, per l'ultima briciola....ma non e' questa la golosita' irrecuperabile? Ritenere una fetta del tutto insufficiente?? :)

    Baci!

    RispondiElimina
  9. Adesso pensiamo alla torta... (prima di arrivare qui, ho lasciato gli occhi anche su delle superciambelline), e... per il dietologo si vedrà!

    RispondiElimina
  10. Io me la segno e non vado neanche dal dietologo!
    Grazie.

    RispondiElimina
  11. ah no Giovanna, dal dietologo no...propongono cose tristissime...
    meglio 4 salti (non in padella ovviamente)giusto per consumare qualche caloria. La torta Paradiso non fa testo, potrei dimenticare tutto, senza alcun senso di colpa...

    RispondiElimina
  12. E io che pensavo di intravedere una panna cotta sullo sfondo :-))
    Ma sai che non ho mai provato la torta paradiso? Io però dovrei passare prima dal dietologo, poi magari torno!
    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  13. mmmhhh!!! è la mia torta preferita! Io l'ho fatta 1 volta mettendoci al centro uno strato di panna dolcificata con il miele! è uguale alla kinder paradiso!

    RispondiElimina