venerdì 27 febbraio 2009

Alla ricerca del pomodoro perduto

pomodorini

Da qualche mese ho cominciato ad andare regolarmente al farmer's market, il mercato con vendita diretta dai produttori (piccoli) ai consumatori che si tiene, almeno qui a Napoli, due volte al mese, di domenica mattina.
Ci sono andata pure sotto un diluvio. Sta diventando una specie di droga, un'abitudine irrinunciabile. Tossica da farmer's market, nuova patologia della quale presento tutti gli inconsueti sintomi.
Il fatto è che non solo i prezzi sono piuttosto convenienti, ma i produttori dai quali acquisti hanno un nome, un cognome e una collocazione geografica, i prodotti sono freschissimissimi, seguono rigorosamente le stagioni perché a venderli sono piccoli coltivatori della regione, con una produzione limitata. E non si trovano soltanto frutta e verdure, ma anche olio, vino, formaggi, legumi, frutta secca, pane, uova…

Per la prima volta da anni riesco ad avere delle patate vere, serie. A pasta gialla giallissima, saporite, con la giusta consistenza. E poi, volete mettere? Le patate di nonno Luigino, sono, e nonno Luigino ha una faccia che ormai conosco. Altro che quegli oggetti misteriosi con su scritto "Patate per tutti gli usi". Che poi, una patata per tutti gli usi esiste?

Immag019

E poi, se il tempo è bello è anche un piacere passeggiare la domenica mattina nella villa comunale.

Ecco la mia spacciatrice di formaggi di bufala (e non):

Immag044

Ma quello di cui voglio parlarvi oggi è il pomodoro perduto.

Mea culpa, non conoscevo il pomodoro giallo d'inverno, da pendolo, finché non l'ho visto dallo stesso subdolo tentatore che mi vende i pendoli rossi.
Non potevo lasciarmelo sfuggire. Io, che rimpiango per tutto l'anno le insalate di pomodori, ignoravo colpevolmente l'esistenza di questi strepitosi pendoli che non appassiscono, restano identici, turgidi e sugosi, e soprattutto saporitissimi. Buoni da mangiare crudi ma, mi ha sussurrato complice il tentatore, anche da cuocere. Mi ha raccontato la favolosa historia di tempi remoti in cui i pomodori di serra non esistevano e queste gialle creaturine dominavano incontrastate le tavole invernali. In campagna, forse, perché io che pure non sono una pulzella qui in città non li ho visti mai.

Immag024

E per conquistarmi definitivamente, per ottenere una capitolazione completa, mi ha detto di provare i bucatini cacio, pepe e pomodorini suoi.

Detto fatto. Domenica alle dieci e trenta il pendolo era sul mio balcone e domenica sera alle otto il cacio e pepe col pomodoro perduto era sulla mia tavola. Ci tornerà spesso.

Bucatini cacio, pepe e pomodoro perduto

Per due persone:

una decina di pomodorini gialli del pendolo
abbondante pecorino grattugiato
uno spicchio d'aglio
olio buono, pepe nero, sale, basilico

Rosolare l'aglio tritato con l'olio, unire i pomodorini tagliati a metà e farli saltare brevemente.
Amalgamare il pecorino con un po' di acqua di cottura dei bucatini che starete cuocendo nel frattempo, usando una frusta e riducendolo a crema, fuori dal fuoco.
Saltare i bucatini nella padella coi pomodorini, poi aggiungere la crema di pecorino e mantecare. Profumare col basilico spezzettato e con una bella macinata di pepe.

10 commenti:

  1. io adoro la pasta cacio pepe e pomodorini, non conoscevo neanch'io i pomodori gialli!

    RispondiElimina
  2. Credo che diventerei farmer's market- addicted nel giro di una sola visita! Gran bella iniziativa a Napoli.
    Ho visto qui dei pomodori giallo-arancioni, ma avevano un aspetto plastico, sicuramente di serra. Na schifiezza insomma.
    Ieri sera ho osato farmi un'insalata di pomodorini ... c'è ancora da aspettare un po'.

    Buon WE
    Alex

    RispondiElimina
  3. Beata te che hai il farmer's market con prezzi convenienti, qui da noi i prezzi sono maggiori che dal fruttivendolo. Belli i pomodori d'inverno, mi piacerebbe trovarli e assaggiarli. Buona spesa per domani:):):)

    RispondiElimina
  4. sei davvero troppo forte!!!
    un baciottone e buon week ;)

    RispondiElimina
  5. Con questo post ti promuovo da Totem a Moai dell'isola di Pasqua !!! ^_^
    Neanche io li conoscevo (al mercatino dove sono stato io la scorsa domenica c'era tanta roba - tra cui i 5 !! formaggi che ho preso, e ne avrei potuti prendere almeno 4 volte tanto :-D - ma non i pomodorini gialli).

    RispondiElimina
  6. Ammetto la mia somma ignoranza.
    Non li conoscevo!!!!

    RispondiElimina
  7. che magia il pomodoro perduto....l'avevo visto in qualche foto, forse in un quadro...avevo pensato a qualche trovata...invece....chissà se lo incontrerò mai! :)

    RispondiElimina
  8. Non li conosco questi pomodorini, però che belli!
    Hai ragione, comprare da chi ha una faccia e un nome è un'altra cosa...

    Ciao, buona domenica

    RispondiElimina
  9. Be', sì, 'sti pomodorini sono peggio dell'arca dell'alleanza: introvabili.
    Ho letto che la Confcommercio ha protestato per l'iniziativa dei farmer's market, accusando la Coldiretti di concorrenza sleale. E già, perché dobbiamo per forza accattare la roba di plastica della grande distribuzione... Spero che la protesta cada nel silenzio. Se mi tolgono il mercato coi pomodorini gialli imbraccio il fucile a pallettoni!

    RispondiElimina
  10. grazie x l'informazione che passo agli amici di Napoli che abita vicinissimi,ma come succede spesso non si conosce la propria città ottima la ricetta ciao

    RispondiElimina