venerdì 9 gennaio 2009

In equilibrio



"Ci sono momenti in cui un uomo dev'essere lasciato solo".
Classica battuta da vecchio film, parafrasando la quale potrei dire: "Ci sono momenti in cui una donna dev'essere lasciata in pace".
Quando compie gli anni, ad esempio, e non ne ha più venti da un bel po', e vorrebbe concedersi una bella serata fuori, ed invece è un qualunque giovedì, perciò non si può uscire, non si può fare tardi, il marito lavora e blablabla.
E allora viene pressata dalla mamma che vuole festeggiare in casa il genetliaco bisvalido.
Perché bisvalido? Semplice. Ma anche no. Anzi, decisamente insolito. Perché caso volle che la sventurata figliola che qui picchia goffamente sulla tastiera nascesse nell'anno di grazia 1961, addì 8 gennaio, ma che tre anni prima fosse nato suo fratello, anno di grazia 1958, addì? 8 gennaio. Sì. E' balordo ma è così. Tutti e due nati in quel giorno, a tre anni di distanza, e tutti e due di otto mesi. E balordaggine più, balordaggine meno, aggiungerò pure che lui nacque alle cinque del pomeriggio ed io alle cinque del mattino. Perché io rompevo le scatole fin da allora e mio fratello, fin da allora, se la prendeva comoda, senza fretta, con calma.
Così, la mamma allestisce una cenetta per il fausto evento. O meglio, organizza. E decide: preparo questo, preparo quello. E la figlia, desiderosa di ridurre al minimo il proprio impegno, visto che vorrebbe essere invece a Tahiti a sorseggiare un Tom Collins sotto una fronzuta palma, medita di preparare soltanto un cheesecake mentra mammà spignatta.
Errore. Perché le scelte di mammà sono tutte orientate su piatti che mammà medesima non ha mai preparato. E perciò è previsto che sia la figlia ad occuparsene, previsto nei piani materni, s'intende; più imperscrutabili delle ragioni per le quali, contro ogni logica, frescacce come "Quattro aprilante giorni quaranta" si rivelano tragicamente vere ogni anno.

Perciò ho giurato, in conclusione, che l'anno prossimo nella ricorrenza sarò a Tahiti a sorseggiare un Tom Collins. O almeno a Positano. O magari anche dietro l'angolo, acquattata all'ombra complice di un cassonetto. Senza palma. Ma col cellulare staccato.
In equilibrio.

Il cheesecake, comunque, l'ho fatto. Con la ricetta che usa Lisa.
Ve la passo con le mie annotazioni.

Cheesecake

Per la base:
250 gr. biscotti Digestive
120 gr. di burro (ne ho messi 110)
cannella in polvere
Passare al mixer i biscotti con il burro e la cannella. Rivestire di carta forno il fondo di uno stampo a cerniera da 24 cm, imburrare i bordi e pressare il composto sul fondo e sui bordi fino ad ottenere un guscio compatto.

Per il ripieno:
500gr. di Philadelphia
500 gr. mascarpone
300gr. zucchero (io ne ho messi 250 ed erano più che sufficienti)
zeste di un limone grattugiato
3 uova grandi
200gr. di panna acida
4 cucchiai di zucchero
essenza di vaniglia

Lavorare Philadelphia, mascarpone e zucchero, unirvi quindi le uova mescolando con una frusta a mano, e la buccia di limone. Versare nel guscio di biscotti e infornare a 150° per 50 minuti. In realtà a me non sono bastati perché il ripieno assumesse consistenza; ci sono voluti almeno altri 10 minuti.
Sfornare, far raffreddare e poi spatolare la superficie con la panna acida lavorata con lo zucchero e la vaniglia. Rimettere in forno per 10 minuti a 110°. Anche in questo caso, dieci minuti non sono stati sufficienti: ho dovuto prolungare i tempi e alzare la temperatura, altrimenti la panna sarebbe rimasta liquida.


27 commenti:

  1. Io non sono un'amante dei cheesecake, ma l'anno prossimo ti accompagno volentieri a Tahiti

    RispondiElimina
  2. complimenti per il dolce e ti auguri che il tuo desiderio di essere a tahiti si averi!

    RispondiElimina
  3. Ma piantala di lagnarti come un'ottantenne petulante: a vent'anni sono tutte sciacquette ^_^ Vuoi mettere la gagliarda Giò !!! ^_^
    Comunque se ti serve un "portavaligie" Tahitiano per il prossimo anno.... :-)

    RispondiElimina
  4. EHILA'sei proprio una ragazzina!
    AUGURISSIMI A TE E A TUO FRATELLO.
    Primus

    RispondiElimina
  5. mi hai fatto sorridere... capisco il tuo stato.. la mia fortuna è che sono sempre "in equilibrio", essendo un animo inquieto non riesco a mantenere una situazione sia mentale che fisica stabile..
    in realtà probabilmente a chi mi vede , da fuori, non sembra così...:D
    il bello è che quando c'è il mio compleanno o ho qualche aspettativa speciale, vivendo in bilico non mi meraviglio se ci sono colpi di scena .
    :D
    un abbraccio da un'altra che fa a botte con i festeggiamenti e che è nata un mese prima..:D

    RispondiElimina
  6. domanda tecnica
    al posto della panna acida? mi sa che dovrò provarlo ma dimezzando le dosi :D

    RispondiElimina
  7. Gio', anche un bel Tequila Sunrise ti rimette in pace col mondo! E una Pina Colada, un Punch Planteur, una Margarita, una Caipirina e...
    Se il prossimo anno vuoi nasconderti, puoi venire da me, nessuno che ti cercherebbe!
    Auguri di cuore, cara!

    RispondiElimina
  8. su dai, non prenderla così male!
    intanto, tanti tanti auguri A TE! e questo cheesecake ci sembra un'ottima consolazione!!
    un bacione
    PS: se l'anno prossimo vaia Thaiti...avvertici!

    RispondiElimina
  9. Giovanna intanto augurissimi anche se in ritardo!!
    Poi faccio un bel giretto che perchè mi son persa qualcosa per strada.
    E fai sempre dei gran piatti.
    Ed infine sai che una volta ho visto una trasmissione in cui si parlava delle date e come si ''accaniscano gli eventi in certe date su certe famiglie''?
    Se ti dicessi che io son nata il 7 dicembre, mio zio l'1, mio fratello il 12, mio figlio il 16 ?
    L'altro mio fratello il 16 ottobre mio marito il 9 agosto e ia figlia il 21 agosto..diresti che a parte mia mamma che è nata a fine gennaio..siam tutti tarati lì no?
    Alla faccia della privacy ovviamente.

    RispondiElimina
  10. Insomma, l'anno prossimo tutti a Tahiti! E ho beccato anche un invito ad Amsterdam, mica pizza e fichi!

    Luisa, mi rendo conto del problema panna acida, ma dalle tue parti c'è l'Esselunga che la vende (io l'ho comprata là quando sono stata a Firenze). Altrimenti, che so: uno yogurt? Panna acidulata con succo di limone?

    RispondiElimina
  11. Mi prenoto anch'io per Tahiti!!!
    Intanto: Auguri cara....

    RispondiElimina
  12. cercherò meglio nella mega coop dove vado altrimenti userò uno yougurt magro o panna con qualche goccia di limone..:D

    RispondiElimina
  13. @Luvi: se usi lo yogurt meglio che non sia magro. Anzi: intero e piuttosto corposo.

    RispondiElimina
  14. Primo: auguri!!
    Secondo: ahahahahaha... come sempre i tuoi post hanno un'ironia intelligente ed avvincente!
    Terzo: adoro i cheesecake, grazie!!!

    RispondiElimina
  15. primo buon compleanno
    secondo: festeggiamo tutti insieme l'anno prossimo?

    RispondiElimina
  16. Un buonissimo anno pieno di equilibrio! È sempre un piacere leggere i tuoi racconti.
    Ovviamente auguri in ritardissimo a te e a tuo fratello.
    Un abbraccio
    Alex
    P.S. Adoro i cheesecake

    RispondiElimina
  17. ma buon compleanno cara! chissa' perchè tutti danno per scontato che il giorno del proprio (e non solo nel tuo caso) compleanno tutti vogliano segretamente festeggiare! anche quando si dice, no, non vorrei far nulla, tutti pensano che non sia vero e alla fine decidono per te... il cheescake mi attira molto, ma l'anno prossimo ti auguro davvero di andare a Tahiti!

    ti offro un tom collins virtuale!un abbraccio

    RispondiElimina
  18. chissa' perche' lo avevo immaginato che fossi un capricorno pure tu!!! :D

    Tanti auguri, anche se in ritardo...stasera mi tocca preparare un po' di dolci da portare al lavoro domani, ed uno di quelli in lista era la cheesecake, e visto che sono sempre indecisa sulla versione da utilizzare, mo' mi prendo pure la tua.... ;)

    PS: provata la ricotta e pere con la ricetta che de riso ha pubblicato sul libro..uhmmm...la prossima volta faccio la tua, di sicuro!!

    RispondiElimina
  19. Ritardo o non ritardo, grazie a tutti per gli auguri.

    @Cibou: sì, Capircorno anche io, e non sai QUANTO :-))). Oggi più che mai, a dirla tutta...

    RispondiElimina
  20. spero non te la prendi se ti faccio comunque gli auguri ... per il nuovo anno ;) :D

    RispondiElimina
  21. Sempre interessanti i tuoi post...
    Rinnovo qui gli auguri: che il 2009 possa essere passabile…

    RispondiElimina
  22. Ah, dimenticavo...un commentino sui miei mostaccioli l'avrei gradito...

    RispondiElimina
  23. Grazie ancora!
    @Bucanero: vado a leggere. In questi giorni mi sono connessa poco o nulla.

    RispondiElimina
  24. Non so perché ma... arrivo sempre in ritardo!
    AUGURI!!!
    Giovanna, non dovresti proprio lamentarti degli anni, sei una ragazza!
    A proposito, sono ancora aperte le prenotazioni per Tahiti?

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  25. Ciao Giovanna, ho scoperto con stupore che sei stata a Ischia, la mia terra! Di preciso io sono di FOrio. :)
    Quando vai fammi sapere, potrei trovarmi lì, conosco anche molto bene i posti dove sei stata. Lo sai che io adoro il belvedere di serrara fontana? Spesso vado lì e prendo qualcosa al bar, e mi godo la fantastica veduta...
    Se puoi passa da me, ho dei regalini per te!
    Baci! A presto!

    RispondiElimina
  26. Anna, il guaio degli anni che passano è proprio quello: ci si sente ragazze per sempre e a un certo punto qualcuno, temo, comincia a sghignazzarci alle spalle ;-)))

    Elly, l'estate prossima appuntamento sul belvedere di Serrara: caffé, chiacchiere e dolce far niente. Grazie per i premi!

    RispondiElimina
  27. Alla fine ho fatto la cheesecake che faccio di solito (anche se ho usato gli specoulos per la base), ma mi si e' colorita troppo sopra...la panna acida aggiunta dopo la cottura mi sarebbe servita per "truccare", ma e' soprattutto un accorgimento di una golosita' vergognosa :D

    RispondiElimina