lunedì 21 luglio 2008

Passioni: il pesto trapanese



C'era una volta (e oggi non c'è più) una piccola enoteca nel porto di Ischia che si chiamava semplicemente "Pane e vino". All'inizio serviva solo piatti freddi, taglieri di affettati, cose così. Poi un bel giorno io e mio marito, che ogni tanto la frequentavamo, scoprimmo che aveva cambiato registro e che là si potevano gustare alcune delizie della cucina siciliana grazie ad un simpatico giovane cuoco con l'aria da pirata. Così cominciammo ad andarci sempre più spesso, e il cuoco, di Favignana, ci sorprese con spaghetti al salame di tonno, cous cous di pesce (prossimamente, spero, su questi schermi), tortino di melanzane e coniglio e con questo meraviglioso pesto che da allora preparo in continuazione perché mi fa impazzire.

Avete presente quei piatti che mangereste all'infinito perché non vi stancano mai? Ecco, uno di quelli. Io ci farei il bagno, nel pesto trapanese... La ricetta originariamente la diede Alberto Baccani sul forum della Cucina Italiana, poi ho acquisito quella del cuoco di cui sopra, praticamente identica. Eccola qui.

Nel frattempo, l'enoteca è sparita lasciando il posto ad un ristorante come tanti altri. E abbiamo perso le tracce del cuoco, che ci piacerebbe tanto ritrovare. Se qualcuno ne avesse notizie, si faccia vivo: lui si chiama Raimondo Triolo.

Pesto trapanese

1 kg di pomodori maturi

2-3 spicchi d'aglio

100 g di mandorle pelate e tostate

1 mazzetto di basilico

olio

parmigiano grattugiato

sale e pepe


Spellare i pomodori dopo averli tuffati per pochi secondi in acqua calda; privarli dei semi e tagliarli a pezzi. Pestare a lungo le mandorle con una presa di sale nel mortaio (io uso il mixer; non sarà ortodosso ma è pratico). Trasferire la granella in una terrina e mettere nel mortaio l'aglio, il basilico e poco sale e pestare fino ad ottenere un composto omogeneo. Unire il pomodoro e amalgamare bene. Aggiungere le mandorle e poi un bicchiere d'olio, il sale ed un'abbondante spolverata di pepe. Lasciar riposare per un paio d'ore.

Lessare la pasta (meglio se fresca, ma di sola semola, e lunga: ideali i busiati, oppure troccoli, fusilli, bigoli), condirla con il pesto e il parmigiano.

E godere di tutta la freschezza di questo piatto strepitoso...

25 commenti:

  1. maaaaamma che buona la variante del pesto in red!
    Smack

    RispondiElimina
  2. Lo faccio, lo faccio!! Forse sto per dire un'eresia, ma chiedo lo stesso: ho ancora quintali di farina di mandorle. Dici che posso usarla, tostandola magari prima un po' in una padellina? Perchè se così fosse posso farlo oggi stesso!!!
    Un bacione, Alex

    RispondiElimina
  3. Ne ho sempre sentito parlare del pesto Trapanese ma non l'ho mai provato. Ora mi copio la tua ricettina e la metto nel "file delle golosità" di tutto ciò che prima o poi dovrò provare. Buon inizi di settimana Laura

    RispondiElimina
  4. adoro questo pesto , che per certi aspetti preferisco a quello ligure ...

    RispondiElimina
  5. Questo pesto sembra davvero ottimo...lo proverò sicuramente... grazie per il commento che ci hai lasciato sul blog...
    Silvia dei Golosotopi

    RispondiElimina
  6. una ricetta che mi piace molto semplice ma con gusto, complimenti

    RispondiElimina
  7. Pur avendo tanti amici siciliani non l' ho mai provato..devo chiederglielo!
    complimenti....
    Laura

    RispondiElimina
  8. questo post capita come una doppia coincidenza. Eh sì, ora mi spiego.
    Vi è prima una coincidenza tra Ischia e Sicilia, un abbinamento gastronomico che porta il pesto alla trapanese (siciliano, di norma si mangia con i busiati) a Ischia.

    La seconda riguarda una ricetta che ho pubblicato qualche tempo fa, sul coniglio alla cacciatora versione siciliana, che, figurati un po', è finito sul sito della sanpellegrino (www.sanpellegrino.com) in un articolo sulle specialità di Ischia!

    strane coincidenze, no?
    Michelangelo

    RispondiElimina
  9. Che buono!!!
    Anche qui va alla grande..però ho fatto delle piccole modifiche..diminuito un po' l'aglio -1 spicchio- e pinoli al posto delle mandorle...basilico.
    Buono buono buono.

    RispondiElimina
  10. Ciao Gio: un bagno nel pesto trapanese farebbe impallidire Cleopatra, che lo faceva nel latte hehehehehe

    RispondiElimina
  11. che bonta' che deve essere questo pesto..!

    a presto!

    RispondiElimina
  12. Alex, mi spiace per il ritardo... La farina di mandorle non la vedo adatta, un po' le mandorle si devono sentire sotto i denti.
    Laura-alchimista, ma tu non c'eri a Capri 2? In quell'occasione lo preparammo io e quella criminale di Lydia.
    Per chi non lo conosce: provatelo! Ve ne innamorerete.
    Jajo, che banalità fare il bagno nel latte (anche se d'asina) vero? :-)
    Michelangelo, dev'esserci una Sicilia-Ishia connection! Probabilmente, vista la tradizione del coniglio all'ischitana, la San Pellegrino deve aver fatto un po' di confusione.

    RispondiElimina
  13. Ciao, Carmine: grazie per essere passato!

    RispondiElimina
  14. criminale lo dici a tua sorella ;-))))))))))))))

    P.S.
    Per chi non lo sapesse Giovanna non ha sorelle

    RispondiElimina
  15. per te premio GRAFICAMANIA passa da me...http://ilmondodiluvi.blogspot.com/search/label/Premi

    RispondiElimina
  16. Giovanna non potrebbe avere sorelle: E' UNICA !!! :-D

    RispondiElimina
  17. Ti riferisci al primo incontro di Capri? Dopo 4 anni posso dire che allora me lo sono perso :-(in compenso mi ricordo bene della genovese di Lidya. Buona serata Laura

    RispondiElimina
  18. Giovanna, lo provo...anche se senza mandorle (ma con le noci) l'ho già provato ed è ottimo!
    (mixer anch'io)

    Ot: ho postato i premi, grazie ancora!

    Un abbraccio e a presto :-)

    RispondiElimina
  19. Fatto, delizioso, se non mi sbrigavo a chiudere il coperchio, lo finivo tutto a suon di assaggi!
    Domani spaghetti di Gragnano...grazie, chissà perchè non mi ci ero mai soffermata.

    RispondiElimina
  20. ma vi siete messe d'accordo??

    http://giorgiam.blogspot.com/2008/07/spaghetti-con-il-pesto-trapanese.html

    RispondiElimina
  21. sono raimondo triolo sono ad ischia ed ho aperto un altro locale. enoteca "un attimo divino" se volete contattarmi 08119368069 unattimodivino@libero.it

    RispondiElimina
  22. Ma che bella sorpresa! Potenza del web... Grazie dell'informazione, Raimondo: ci vedremo presto!

    RispondiElimina
  23. Che meraviglia, io l'ho sempre fatto con i pomodorini secchi ma vista la stagione che ci regala una bella (e buona) quantità di pomodori freschi lo provo senza dubbio!

    RispondiElimina