martedì 10 giugno 2008

La brioche rustica di Lydia


Credete voi che se una madre invita a casa le amiche per una partita a carte la cosa non vi riguardi?
Errore.
Prima la butterà lì, con nonchalance: "Stavolta si gioca da me".
Poi vi stresserà per quattro o cinque ore: "Non so cosa preparare".
Quindi tenterà la strada del dubbio amletico, espresso con tale pervicacia da subornarvi: "Che cosa posso cucinare?"
In seguito farà leva sul vostro orgoglio di cuoca, subdolamente: "Tu sei così brava, dammi un'idea".
E dopo che avrete suggerito ogni mirabilia che l'arte culinaria abbia mai elaborato, accetterà alla fine la proposta che non le avevate fatto ritenendola troppo ovvia: brioche rustica.
Occorre dire che toccherà a voi prepararla? Occorre dire che scoprirete con sconcerto che tocca a voi soltanto la domenica a mezzogiorno, poche ore prima dell'evento fatale, e naturalmente quando i negozi aperti sono distanti decine di chilometri dalla vostra (fino ad allora) tranquilla abitazione?
Occorre dire che, causa tempi ristretti, non potrete ridurre la dose di lievito come siete use fare?
Perciò, ecco la ricetta di Lydia. Per me la migliore brioche rustica che abbia assaggiato.
Cotta in un bello stampo a cattedrale della Nordicware, giusto per stupire le carampane con effetti speciali a buon mercato.
E per ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo, questa la porto pure alla cena calcistica di Dolcezza, che mi perdonerà per lo scarso impegno. Prometto di far meglio la prossima volta (e poi, vista l'aria che tira in questi europei, meglio risparmiare la fatica...).

Brioche rustica di Lydia
500 g di farina
4 uova
un dado di lievito
100 g di burro
50 g di zucchero
250 ml di latte
70 g di parmigiano grattugiato
150 g di prosciutto cotto
io ho messo anche salame e caciocavallo a dadini
sale
Preparare un lievitino con il lievito di birra, una parte del latte e una parte della farina (dovete ottenere una cremina piuttosto fluida). Farlo gonfiare per una mezz'ora.
Impastare la farina con il lievitino, aggiungere lo zucchero, le uova, il latte; infine il burro a temperatura ambiente e poi il sale.
Unire all'impasto il parmigiano. Quando è ben uniforme, aggiungere il prosciutto, il salame e il caciocavallo.
Far lievitare nello stampo, ben imburrato, finché non raggiunge il bordo.
Infornare a 180° per mezz'ora.

26 commenti:

  1. Chiamala rustica sto popo di cattedrale di brioche!!
    Bbbbbonaaaaaaaaa!
    Sugli europei non mi pronuncio, va!
    Abbraccioni, alex

    RispondiElimina
  2. Ma quando la conoscerò 'sta Lydia''?!

    :)))))))

    (P.S. Giò grazie per il banner...)

    RispondiElimina
  3. Ricomincerò a parlare con Lydia soltanto quando aprirà anche lei il suo golosissimo blog !!! :-PPP

    RispondiElimina
  4. Giovanna, che emozione!!!!!
    E che bella sorpresa!!!!
    E quello stampo, tutta la mia invidia...
    Comunque, in questo momento sembro un pavone con la ruota tutta in bella mostra.

    J.M., 'stà Lydia la conoscerai presto, spero, perchè lei è curiosissima di conoscere te.

    Jacopo, per quel che riguarda un mio blog, penso proprio non ci siano possibilità. Io sono una ciuca informatica!!!!
    Quindi riprendi a parlarmi sennò rischi il silenzio eterno ;-PPPPP

    RispondiElimina
  5. Certo che un tempo le vostre ricette si ispiravano a Santin, Hermè, Esposito...ora...insomma...non ve lo vorrei far notare...
    He he he he!
    Un grosso bacione a Lydia e grazie a voi perchè questa proprio non la conoscevo (Lydia, la tenevi nascosta,eh???)

    RispondiElimina
  6. In effetti Giovanna, la mia autostima è salita alle stelle dopo questo post.
    Ti ispiri a me come ad Hermè...

    Virginia, questa ricetta è girata tantissimo negli anni passati sia su cucina it che su altri forum.
    E' velocissima, di sicura riuscita e a me piace moltissimo.
    Un bacione a te

    RispondiElimina
  7. Tesora, ma io a quei tempi mangiavo ancora dal biberon!!!
    Per fortuna che ci sono queste babbione che riportano alla luce queste ricette preziose...
    Ancora un bacione a tutte e tre!

    RispondiElimina
  8. Be', Lydia ha cominciato a scrivere su Cucina it quando faceva ancora 'nguè-'ngué. Ci ho riflettuto adesso: sono passati quasi dieci anni: era una poppante!

    RispondiElimina
  9. Se era sul forum di cucina.it mi sa che ce l'ho gia' copiata in bella sul quadernetto....ma in tutti i casi e' meglio che me la risalvo!!! Sono molte piu' le occasioni in cui ho poco tempo che quelle in cui posso affidarmi alla "lievitazione naturale"!!! :))

    RispondiElimina
  10. :D io non sono una poppante ma ho da poco compiuto un anno on line in cucina...e questa mi mancava, copiata! Grazie:)

    ...quando vieni a Firenze, Lydia? :D

    RispondiElimina
  11. Giovà, ma io sono ancora una poppante!!!!!!!!!!

    Luvi, spero di venire presto a Firenze, anche se per ora non se ne parla proprio

    RispondiElimina
  12. Bellissima! Giovanna la copio... tra una partita a carte e l'altra, questa può far comodo, sempre che io riesca a fare qualcosa di decente.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Giovanna quello stampo è favoloso e anche la ricetta me la sono appuntata. Buona serata Laura

    RispondiElimina
  14. che bello non sono la sola ad avere la mamma che fà super s.o.s! ottima la tua brioche, poi lo stampo la rende più goduriosa vista l'ora buon giorno

    RispondiElimina
  15. Giovanna
    non per farti del male, ma mia cognata ci ha illuminate, nel post del cioccolato belga, sull'ultima frontiera del cioccolato a Bruxelles....e si, e' un po' sadica la ragazza!!! :)))

    RispondiElimina
  16. ma scherzi? è perfetta! ti inserisco subito!

    RispondiElimina
  17. Guarda te cosa mi sarei persa..io non son che da mesi in rete...e tutte ste belle ricette mi stan facendo girare la testa.
    Grazie a tutte

    RispondiElimina
  18. Domanda da un milione di Euro!!!

    e se riduco il lievito visto che tanto fai prima il lievitino? In effetti l'impasto è un po' "pesante" e ci vuole più lievito del solito, ma magari si riesce a levarne un po'... allungando di poco i tempi. Sennò che lo fai a fare il lievitino? IHIHIH!!!

    Ammazza quanto rompo :-DDDDD

    Jajo, te l'ho già scritto da me: che lo apre a fare un blog Lydia? metterebbe solo biscotti. :)

    Ho delle foto bellissime di Lydia e le girelle che avevo ritoccato anni fa, ora le cerco. :-PPPPP

    RispondiElimina
  19. Ao', Dani, ma sei intronata come Lydia???? :-)
    L'ho detto all'inizio che di solito riduco il lievito, solo che stavolta i tempi erano troppo stretti...

    RispondiElimina
  20. Foto bellissime delle girelle????
    Che girelle? Manco me le ricordo....
    In effetti io adoro i biscotti, la pasta frolla e le crostate(mò Giovanna mi cancella) e le torte di mele!!!!!
    Cucinerei sempre e solo quelle, sarebbe un blog un pò monotono

    RispondiElimina
  21. Questa non me la ricordavo, e pensare che sono una babbiona anch'io!!!

    amarisca

    RispondiElimina
  22. ma è bellissima! e quello stampo? ahahhh che figata :-D

    RispondiElimina
  23. Giovanna!!! 'ntronata a me, passi, ma come Lydi a è un'offesa gravissima :-PPPP
    non sia mai!!

    Lydia, erano foto tue a Opera con Lorenzo, ammazza ch ememoria va be' che è passato un secolo e io l e avevo modificate e ti avevo messo girelle ovunque, non ti ricordi le tue girelle bicolore?

    RispondiElimina
  24. Heylà, gruppo di babbione telematiche.....la piantiamo di ciacolare e quagliamo la visita a Torcè e Manzotin ?!? :-DDDD
    Io un blog tutto di biscotti e crostate me lo leggerei tutti i giorni :-DDD
    Le foto di Lydia con le girelleeee siiiiiiiiiiiiiii: Dany, se le pubblichi ti perdono tutte le cattiverie che mi hai detto negli ultimi 5 anni :-D E poi la scena mi ricorda la pubblicità della Girella Motta: gli indiani con il totem, il bandito Golosastro e la girella hahahahaha

    RispondiElimina
  25. Io le girelle di Lydia me le ricordo, a quanto pare meglio di lei :-)
    Insomma, 'sto post, come quello di Daniela sulla charlotte di cavolfiore, si è trasformato in una bella rimpatriata di babbione.
    Mi scuso sentitamente con i giovani virgulti del web che, giustamente, non ricordano faccende risalenti al '15-'18.
    Capri, Cucinait, il raduno di Roma del 2003... Mado', ma da quanto tempo conosco 'ste piaghe????
    Buon fine settimana a tutti quelli che passano di qua. Io mi assento domani e dopodomani.
    Baci!

    RispondiElimina
  26. rimestavo per la testa 'sta ricetta da novembre 2009...
    volevo lo stampo nordicware a cattedrale anch'io!!! insomma... i passaggi intermedi ve li risparmio.
    ho propeso alla fine per l'acquisto di uno siliconico della silik...rt, sempre però a cattedrale, ed oggi ho FINALMENTE fatto la ricetta... che dirvi ragazze?, metterò la prox volta solo un cucchiaino anzichè 50gr di zucchro, ma per il resto... è buona e briochosa come me l'ero immaginata... grazie mille della vostra dritta!

    RispondiElimina