martedì 20 maggio 2008

Cookies allo zenzero con gocce di cioccolato


Ogni tanto mio marito fruga nella dispensa come l'orso Yoghi.
Ecco, forse avrei fatto meglio a non citare un cartone risalente al mesozoico, giusto per non denunciare pubblicamente il fatto che sono anagraficamente un tantinello datata, una che si è commossa vedendo "Across the universe" perché le ha ispirato tenerezza per un mondo che non c'è più...
Ok, torniamo a noi.
Fruga nella dispensa, inquieto e affamato (di solito mentre, nell'angusto spazio della mia cucina, maneggio perigliosamente pentoloni ricolmi d'acqua bollente...) e mi rimprovera per l'assenza di snacks, sciocchezzuole sgranocchievoli, insomma il genere di cose sulle quali si avventa subito prima di cenare (sgrunt). E piagnucola: "Non mi fai mai i biscotti...". Peggio che avere un bambino frignone.
Così, in un soprassalto di buona volontà (che di questi tempi capita di rado) ho preparato i cookies che non facevo da anni.
So già che quelli che non ha divorato al momento li dimenticherà nella scatola. E' la prassi. A meno che non li mandi giù io. Cosa che, con encomiabile spirito di sacrificio, potrei anche fare, se non ci fosse lo spettro dei bagni di mare a sventolare davanti alle mie guance pienotte...

Cookies con gocce di cioccolato
120 g di burro
90 g di zucchero di canna
40 g di zucchero bianco
un uovo
200 g di farina
un cucchiaino di bicarbonato
2 cucchiaini di zenzero in polvere (io ne ho messo di meno, altrimenti si sente troppo, per i miei gusti)
vaniglia
un pizzico di sale
110 g di gocce di cioccolato
Lasciare ammorbidire a temperatura ambiente il burro, lavorarlo a crema in una ciotola con le fruste elettriche insieme ai due zuccheri.
A parte mescolare l'uovo con la vaniglia (liquida, oppure l'interno di una bacca raschiato), poi amalgamarlo al composto di burro. Unirvi la farina setacciata con il bicarbonato e lo zenzero in polvere, poi il sale, continuando a mescolare bene, e infine le gocce di cioccolato fondente.
Aiutandosi con un cucchiaio disporre il composto su una teglia foderata di carta forno formando dei dischetti di circa 7-8 mm di spessore e 5 cm di diametro. Infornare in forno preriscaldato a 180° finché non assumono un colore ambrato. Far raffreddare, quindi chiudere in scatole di latta.

24 commenti:

  1. favolosissimi! quando studio poi ho tanta voglia di biscotti da sgranocchiare! un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Ma che bella fotina, Giovanna!
    Almeno il tuo orso gira per la dispensa senza romperti le palline sul fatto che ci sono alcuni (rarissimi) sacchetti di farina in scadenza...
    Il mio, lo fa quasi quotidianamente.
    Ma una confezioncina di...sacchi propri, no???
    Ottimi questi biscottini...

    RispondiElimina
  3. grazie ,ma chi è santin quello di firenze? sai io non frequento certi blog x il mio è un puro divertimento mi piace semplicemente pasticciare in cucina,non conosco la versione della sacher calabrese, io vedo più attinenza con austria - campania,forse abbiamo avuto qualche regina ecc... cosi come la caprese è del regno austro ungarico, e i baba vengono dalla polonia 1600! ottimi i biscotti allo zenzero buona giornata

    RispondiElimina
  4. me ne porti qualcuno domani????

    RispondiElimina
  5. Beh, quelli che rimangono nella scatola li puoi sempre regalare agli amici se temi per i bagni di mare :-DDD

    RispondiElimina
  6. Che ridere tuo marito!
    Un bambinone grande..come tutti gli uomini..più o meno.
    Grazie per la ricetta la rifarò anche io per i miei cuccioli veri e per quello grande.
    ciao

    RispondiElimina
  7. @Spilucchina: non rompe girando per la dispensa, ma rompe quando apre il frigo e vede formaggi e salumi languenti che implorano: sopprimeteci!
    @Marcella: intendevo Maurizio Santin, il pasticciere e chef della Città del Gusto(di Roma).
    @Lydia: non è che la scatola della foto ti dice qualcosa, per caso? :-)
    @Jajo: per quest'anno mi sa che sono fuori tempo massimo per preoccuparmi per i bagni...
    Ciao, Michela e ciao, Dolcezza. Un bacio a tutte e due!

    RispondiElimina
  8. noooooooo mi hai fatto ripensare che ho uno zenzero fresco in frigo! oddio... sarà mummificato... chissà se va bene lo stesso lo zenzero fresco per i biscotti? forse sarà un po' fortino...

    RispondiElimina
  9. La scatola mi dice....
    Ma significa che ne hai previsto qualcuno anche per questa povera disperata o Stefano se li scrofa tutti lui?????

    RispondiElimina
  10. salsa, ma perche' lo zenzero fresco va tenuto in frigo??/ Oddiooooooooo!!!! :))

    Non ho nessuna ricetta di biscotti allo zenzero, solo la scatola ereditata da quelli del'ikea!!! Copio :))

    RispondiElimina
  11. Questa storia del "fermino" (a casa nostra si chiama così)non mi è nuova! Prima di cena, dopo cena, per merenda, da sgranocchiare sul divano mentre legge un libro, o scrive al Pc ... e beato lui che rimane sempre "bislungo" senza mai prendere un etto!
    Il punto fermo del "fermino di casa De Vincentis" è che nella ricetta sia presente ampia parte dedicata al cioccolato (accettato in tutte le sue forme, tipologie e colori).
    Mi copio senza dubbio questa ricetta (ovviamente non mi sarà permesso usare lo zenzero poichè il mi' marito esce poco dagli schemi degli ingredienti canonici).
    Buona giornata
    Laura

    RispondiElimina
  12. sono bellissimi e devono essere anche buoni!

    li proverò di certo
    comidademama

    RispondiElimina
  13. Anch'io credo che lo zenzero fresco sia un po' forte.
    Ciboulette, ho anche una ricetta di biscotti con lo zenzero candito, buoni buoni, ma nemmeno una foto decente. Vedrò di rifarli appena riesco a procurarmi il suddetto ingrediente.
    Lydia, ma tu chiedi e chiedi??? E quand'è che porti qualcosa a casa mia invece che alla tua vicina? :-)
    Laura, i mariti partono sempre prevenuti contro tutto ciò che esula dalla tradizione. Il mio l'ho dovuto "educare". Ora è ghiotto di riso al curry, ma continua a sostenere che il curry non gli piace...
    Benvenuta, Comida/Elena!

    RispondiElimina
  14. Giovà ma io sono sola e derelitta in fase di bisogno di dolcezze.
    Saresti capace di negarmi un biscotto???
    Comunque se tu e Stefano volete fare un salto stasera faccio la pizza

    RispondiElimina
  15. Mah, che dirti io vivo questa tragedia con la mia compagna, che mi rimprovera, sempre, di non farle trovare mai niente da sgranocchiare...(chiaramente mentre sto cucinando...indovina per chi?)
    Di certo ti farò sapere come vengono, visto che mi potrebbero risolvere parecchi problemi.
    Saluti

    RispondiElimina
  16. Stre-pi-to-si!

    divertente il racconto, bella la foto, superbi i biscotti! un post 10 e lode!

    E intanto prendo nota della ricetta...

    RispondiElimina
  17. Giovanna
    spero non ti dispiaccia, ti ho invitata ad un piccolo meme!!!!
    Se passi a vedere scoprirai anche che ho provato a fare le coviglie....e diciamo che la prossima volta mi abdrà meglio!!! :P

    RispondiElimina
  18. Giovanna: ma piantala che sarai sicuramente un figurino !!! :-D
    Laura: altro che "fermino" in casa De Vincentis: tutte le volte che ci sono stato mi sono abboffato come un re, con tutte le cosucce golose che mi hai preparato !!! :-DDD

    RispondiElimina
  19. le volte in cui preparo i cookies mi viene in mente nonna papera e cappuccetto rosso.
    @Giovanna: poverino il tuo marito: è troppo bravo e simpatico per dirgli no...sii più accondiscendente con lui. Soprattutto sii più dolce e comprensiva con quel tesoruccio inerme ed indifeso di Lydia

    RispondiElimina
  20. Puppolo, tu sei l'unico che mi capisce!!!
    Io sono una povera incompresa

    RispondiElimina
  21. ma sai che ho lo zenzero in frigorifero e non l'ho ancora usato??? devo provare subito!!! baci Ely

    RispondiElimina
  22. ok domanda che sembra stupida (e forse lo è): perchè usare le gocce di cioccolato e non ridurre in scaglie una tavoletta di cioccolato fondente?

    RispondiElimina
  23. Phabya, nulla vieta di usare il cioccolato a scaglie; solo (non chiedermi perché) le gocce tendono a restare "composte" mentre il cioccolato tende a fondere in cottura impiastricciando tutto l'impasto.

    RispondiElimina