martedì 22 aprile 2008

Napoli Soscia, quando la passione diventa professione

Non so da quanti anni conosco Mariella Di Meglio. L'ho incontrata, ai tempi, nel forum de "La cucina italiana", poi la conoscenza da virtuale è diventata reale, alimentata (è proprio il caso di dirlo) da cenette, raduni, corsi di cucina, buffet preparati insieme e follie culinarie assortite.
Da pochissimo, Mariella ha finalmente potuto riversare la sua passione per la buona cucina in un'impresa professionale: è diventata socia nella gestione di un piccolo ristorante napoletano, il "Napoli soscia", in Via Ascensione 6, a Chiaia. Al suo interno Mariella si occupa di elaborare il menù e, benché ci sia un cuoco, prepara anche alcuni piatti.
Così, con altre cinque vecchie conoscenze, siamo andati a cena da lei per scoprire una cucina di mare non banale senza essere astrusa e pretenziosa; curata e fresca, ad un prezzo decisamente ragionevole. L'occhio mi è caduto subito, guardando il menù, su alcuni cavalli di battaglia di Mariella che hanno fatto il giro del web: il suo sartù bianco di mare, ad esempio, o i suoi involtini provenzali.
Ma il menù cambia di frequente, riservando sempre qualche piacevole sorpresa.



Come mise en bouche ci è stata servita un'alice ripiena, profumata all'arancia, molto piacevole.



Ed ecco alcuni degli antipasti.
La frittura di cozze con mousse di ricotta (veramente eccellente):



Le polpettine di tonno con maionese di yogurt:



La parmigiana di pesce bandiera con pomodorini e provola, che raccomando vivamente:



Il flan di cavolfiore su guazzetto di lenticchie, che non ho assaggiato, ma la mia amica e socia Lydia mi dice che era veramente notevole:



Tra i primi abbiamo assaggiato i paccheri con pesce sauro, peperoncini verdi e pecorino:



E i tagliolini agli scampetti:



Era una sera splendida, dopo giorni e giorni di maltempo. Siamo usciti a fumare una sigaretta in attesa del dolce, e ci attendeva la luna tra le palme...



Ed ecco i dolci. Il tortino alle mandorle su salsa al caramello:



Il flan di cioccolato con salsa alla Strega:



E infine il Totò, cestino di pasta frolla con crema bruciata all'arancia, che conosco da tempo e letteralmente adoro:



E allora, cosa aspettate? Se passate da Napoli, Mariella e il "Napoli soscia" vi aspettano! Dite che vi mando io... :-)


Napoli Soscia, via Ascensione 6, Napoli - Telefono: 081411658

17 commenti:

  1. Ci voglio andare!!!
    E certo che dico che mi hai mandata tu!! :)

    PS: hai fatto la tiella di patate riso e cozze brava!!!
    Vergogna su di me che non l'ho mai imparata da mia madre, anche se non la amo tantissimo, e' come se un napoletano non sapesse fare il ragu! :P

    RispondiElimina
  2. vuol proprio dire che devo andare a Napoli

    RispondiElimina
  3. Ma che brave mangione!
    Ancora un in bocca al lupo a Mariella per la sua bella avventura!
    Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  4. Si, si, voi dite che vi manda Giovanna, così Mariella ha il tempo di mettervi un paio di gocce di guttalax nel piatto....!!!!!!
    Scherzi a parte, ne approfitto per rifare in bocca al lupo a Mariella

    RispondiElimina
  5. Uff perché non mi ha mandato il commento precedente?
    Dicevo: se ci vado, io mi presento da ME.
    Mica mi faccio raccomandare da babbione.
    A limite, ma estremo limite, faccio il nome della Lydia se veramente Mariella non mi riconosce...
    Complimenti a Mariella e in bocca al lupo (magari il lupo lì ci torna pure...)

    Sgrunt!

    RispondiElimina
  6. Ahahahaha! JM, babbione a chi? Babbione solo in cucina, ricorda!
    Sgrunt! :-)

    RispondiElimina
  7. Beh, Lydia e Mariella.... due totem di C.I. !!! :-D
    Ci andrò di sicuro !!!!!

    RispondiElimina
  8. Che ridere jajo, mai nessuno mi aveva dato del "totem"!!!!

    RispondiElimina
  9. E brava la nostra Mariella! La prossima volta che andremo a Pozzuoli mi farebbe piacere andare a "curiosare" tra i piatti del suo nuovo ristorante

    RispondiElimina
  10. grazie della segnalazione,intanto avendo visto le sue creazioni segnalo agli amici napoletani buon gustai, il ristorante,in attesa di una mia discesa a napoli.è da ott che non vengo, e di andare ed è pure vicino da casa dei miei amici da una vita buon ponte

    RispondiElimina
  11. ho avuto la fortuna di gustare i piatti illustrati da Giovanna e posso dirvi che ho goduto pienamente di una cucina ottima, ben curata e assolutamente digeribilissima.Assolutamente da non perdere la parmigiana di pesce bandiera e il flan di cioccolato sul quale è sufficiente esercitare una minima pressione con il cucchiaino e "lui" si apre svelando un rivolo di cioccolato fondente semplicemente meraviglioso per tutti i 5 sensi ...
    Bravissima Mariella e grazie a Giovanna e a Lydia che mi ci hanno portato!!

    RispondiElimina
  12. Davvero un menu eccellente! terrò presente se mi capiterà di andare a Napoli...

    RispondiElimina
  13. Lydia, viste le foto delle tue "creazioni" ribadisco il concetto di totem come simbolo di "divinità culinaria": la prossima volta che verrò a Napoli sarai... tappa obbligata :-D

    RispondiElimina
  14. Jajo, c'è stato un qui pro quo: il ristorante è di Mariella. Lydia si è limitata a magnare: era solo una delle mie compagne di tavola! :-)

    RispondiElimina
  15. Hai ragionissima Giovanna, mi sono scimunito: ho fatto un miscuglio di commenti (forse ho mangiato troppe quiches ultimamente :-DDD)

    RispondiElimina
  16. jajo, e mò non sono più un totem????
    Mannaggia, mi piaceva essere un totem....

    RispondiElimina
  17. Quante bontà! Mi avete fatto proprio invidia, fra amiche care, solleticate da mille delizie ed in più con la luna piena! La voglio anch'io una seratina così!
    Ma le ricette a questo punto hanno il copyright? Sigh.....
    Complimenti di nuovo a Mariella, che ha saputo far diventare realtà un sogno, abbracciatela per me.

    RispondiElimina