venerdì 4 aprile 2008

Bocconcini di pollo allo zenzero

Sono in uno di quei periodi in cui la mia leggendaria pigrizia prende il sopravvento. Niente dolci, niente pane, poca cucina; stasera risolvo con una bistecca accompagnata da una banalissima insalata, tanto per capirci.
In più, la mia socia Lisa è senza connessione da due settimane, perciò latita.
E allora, ecco il massimo che posso produrre: si tratta di una vecchia ricetta copiata anni fa dal forum de "La cucina italiana". Chi dovesse riconoscerla come propria me lo segnali e sarà mia cura attribuirgliela.



Bocconcini di pollo allo zenzero

Per tre persone:
un grosso petto di pollo
vino bianco q.b.
zenzero grattugiato, un cucchiaio scarso
succo di un limone e mezzo
abbondante timo fresco
due uova
pane grattugiato

Per la salsina:
3 cucchiai d'olio
2 cucchiai di aceto di mele
2 cucchiai di salsa di soia
zenzero grattugiato secondo il gusto (io lo uso con moderazione)

Tagliare a bocconcini piccoli il petto di pollo e lasciarlo marinare per 10 ore o più nel frigo con il vino, il limone, lo zenzero e il timo.
Sgocciolarlo e passarlo nell'uovo sbattuto e quindi nel pangrattato. Quindi friggerlo in olio profondo.
Preparare la salsina emulsionando l'olio con l'aceto, la salsa di soia e lo zenzero.
Servire i bocconcini irrorati con la salsina, meglio se su un letto di insalata (songino o rughetta).

14 commenti:

  1. Non mi sembra male come consolazione...
    Polletto e zenzero...da provare!

    RispondiElimina
  2. che meraviglia di blog!! piacere di conoscervi ragazze!

    RispondiElimina
  3. Ciao, Giovanna. Piacere nostro!

    RispondiElimina
  4. mi sono permessa di linkarvi buona giornata

    RispondiElimina
  5. E' la prima volta che passo per di qua. Complimenti per il blog e per le ricette. Bella e buona l'accoppiata pollo e zenzero Ciao!

    RispondiElimina
  6. grazie x link, si conosco l'azienda dove alle bufale manca il massaggiatore personale! tra poco posto una ricetta antica umbra con la sua parte storica,ricetta che già non fà più nessuno e semplicissima, leggo link di il melograno sono andata a ischia x 12 anni e mezzo ,1 mese e mezzo l'anno ,a sant'angelo d'ischia la santorini italiana x non parlare di capri ecc.... ciao

    RispondiElimina
  7. dimenticavo sono figlia del sud e conosco napoli direi bene ,scendo spesso x parrucchiere,ottico e amici meravigliosi ciao

    RispondiElimina
  8. Ricambio con piacere la visita e vi ho già messo nel mio feed reader così non mi perdo neanche un post! Complimenti. Rubo uno di questi bocconcini :-) A presto, alex

    RispondiElimina
  9. Che buoni, peccato che a mio marito non piace lo zenzero, invece gradirà senz'altro la torta sciuri sciuri, anzi, da siciliana doc mi permetto: si scrive ciuri ciuri, xchè da noi la c è sempre morbida ;)
    Complimenti da una neoblogger!

    RispondiElimina
  10. Grazie, Viviana. Bisogna che me la prenda con mio marito, che è l'ideatore dei nomi di tutti i miei dolci! :-)

    RispondiElimina
  11. Ma non li abbiamo visti insieme alla prova del cuoco dal vivo?

    :-))

    Daniela

    Martedì 22? da confermare?

    RispondiElimina
  12. Io ho una ricetta simile ma la "panatura" è fatta con il cocco, mi sa che li provo...

    RispondiElimina
  13. Mi sa che hai ragione, Dani... Ma chissà chi era l'autore della ricetta.

    RispondiElimina
  14. questa ricetta mi sembra deliziosa . Grazie

    RispondiElimina