giovedì 6 marzo 2008

Non solo tremolina

Anche qualche ricetta semplice da fare in poco tempo e senza dannarcisi.
Questa è della nostra amica Mariella Di Meglio. Da quando la preparò, una sera, ad una cena che riuniva le Napoligirls (famigerato gruppo di sciagurate conosciutesi anni orsono nel forum della Cucina Italiana) è entrata stabilmente nei miei menù.
Le foto fanno pietà. Ve le risparmio. Dovrò imparare a farle, prima o poi.


GLI INVOLTINI SICILIANI DI MARIELLA
Sarebbero un secondo, ma poiché devono essere molto piccoli, li vedo bene anche come finger food, in un buffet.
Per le dosi si va ad occhio. Un po' di questo e un po' di quello. Mai pensato di pesare qualcosa.

Occorrono:
fettine di carpaccio di manzo (con circa 400 g mi sono venuti 17 involtini);
pane grattugiato;
pecorino grattugiato (diciamo in dose quasi uguale a quella del pane);
peperoncino macinato;
prezzemolo ed aglio tritato (ho usato due grossi spicchi d'aglio);
sale, olio
e stavolta ho aggiunto anche delle mandorle macinate, anche queste in dose uguale a quella del pane.

Si mescolano insieme tutti gli ingredienti e si passano le fettine di carpaccio nel miscuglio, facendolo aderire bene su entrambi i lati. Se le fette di carpaccio sono di grandi dimensioni, tagliatele in due o anche in tre: gli involtini devono essere proprio piccoli.
Si arrotolano le fettine di carne così impanate, si fissano con stuzzicadenti, si dispongono in una teglia unta, spruzzandole con un po' d'olio, e si infornano, accendendo il grill, per il tempo necessario a farle dorare.
Tutto qui.
Niente alta cucina, ma buoni buoni.

7 commenti:

  1. Ciao,
    sono sicura che questo blog diventera' un riferimento...per questo se non vi dispiace vi linko subito (anche io ho bazzicato per un po' nel forum della cucina italiana, ma non attivamente :P!)
    Buoni questi involtini (non saro' mai una buona cuoca se non sopporto il pecorino?), fatti per stuzzicare chi, come me, non e' proprio amante della carne...
    A presto

    RispondiElimina
  2. Ciao, Ciboulette.
    Nemmeno il pecorino toscano, o quello sardo, che non sono forti come quello romano?
    Comunque, se mi metto a fare l'elenco delle cose che non sopporto io, faccio la figura della cuoca PESSIMA! :)
    Il baccalà, per esempio, le frattaglie, gli asparagi...

    RispondiElimina
  3. Ma che bello questo blog! Anch'io vi ho linkate subito!

    RispondiElimina
  4. Chissà come mai penso di averli mangiati questi involtini!!!

    RispondiElimina
  5. Alberto Baccani06 marzo 2008 18:42

    Sono qui con Annina ed ammiriamo il vostro lavoro e Blog Brave!!!!!

    RispondiElimina
  6. Alberto e Annina, ma che velocità!! ho riataccato il telefono e già avevate scritto!!!!!!!!!!

    Giovanna, ma davvero non mangi baccalà, frattaglie e asparagi? Il baccalà mi stupisce molto, il pesce ti piace. Che buffo!!

    RispondiElimina
  7. Giovanna, no, nessuna distinzione sul pecorino....e se qualcuno lo usa davanti a me son capace di respirare solo con la bbocca per tutto il tempo!! :P

    RispondiElimina